MJFA: MICHAEL JACKSON FORUM
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.

[LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes"

Pagina 7 di 9 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Seguente

Andare in basso

[LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes" - Pagina 7 Empty [LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes"

Messaggio Da Giuspe il Gio Mar 17, 2011 2:39 pm

Promemoria primo messaggio :

Jermaine Jackson scriverà una biografia sul fratello.

[LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes" - Pagina 7 43453_s

Jermaine Jackson ha firmato un contratto per scrivere le memorie del fratello minore, il re del pop Michael Jackson .

Questo Mercoledi' le edizioni Touchstone hanno annunciato l'intenzione di pubblicare il libro You Are Not Alone, Michael: Through a Brother's Eyes , biografia sui problemi personali e l'incredibile carriera di Michael. Dovrebbe essere commercializzato il prossimo autunno.

Jermaine , che attualmente ha una montagna di problemi finanziari sulle spalle, promette di ritracciare l'infanzia del re del pop, ripercorrendo il processo per molestie su minori, fino alla sua morte nel giugno del 2009 all'età di 50 anni .

Nel frattempo, il dottor Conrad Murray è in attesa di processo per omicidio colposo. La corte accusa il medico di aver somministrato una dose letale di propofol alla star, un potente anestetico e vari sedativi.

"Non vogliamo che la vita di Michael e la sua morte siano un eterno mistero", ha detto Jermaine in un comunicato questa settimana.

"Questa è la verità così come la conosciamo. Ho letto tanto cosa pensa la gente su Michael, il libro racconta cosa è veramente successo. Spero che sarà significativo e si comprenderà il mondo di mio fratello".
Conclude Jermaine "La gente dice su di noi 'tutto e niente', ma non possono fare a meno di parlare. Adesso è il nostro turno".

ninapeople.com

------------------------------------------------------------------------------

* CONTENUTI CAPITOLI DAL LIBRO: "You Are Not Alone: Michael, Through A Brother's Eyes"

Introduzione:

Spoiler:
Il libro inizia con una foto di Jermaine che esegue "Smile" al Memorial di MJ

Prologo

La storia del ricovero in ospedale durante il processo del 2005 viene descritto in modo più dettagliato. Mentre Michael stava parlando della testimonianza di Jermaine, Joe vuole iniziare a discutere del concerto in Cina. Jermaine dice a Joe che non è il momento e vogliono deviare l'argomento.
Vitiligine - Jermaine lo aveva realizzato molto prima che si scoprisse, perché Michael era cosciente del problema e aveva tenuto sempre ben nascosto il suo corpo, anche dalla sua famiglia.

"Incominciai a rendermi conto che fosse arrivato il momento che Tom Meserau cominciasse a suggerirci che la bilancia della giustizia fosse inclinata contro di noi, io avevo un piano di azione per scappare con lui [MJ] all'aeroporto di San Fernando Valley, fuori LA. Lo dovevamo far sgattaiolare fuori Neverland sotto una coperta, durante la notte. O qualcosa del genere. "


Capitolo 1:

Spoiler:

Capitolo 1 - L'eterno bambino

Michael aveva 4 anni, Jermaine 8, stavano guardando la neve, era il tempo di Natale ma non lo potevano festaggiare perchè Testimoni di Geova, ma non capivano realmente il perché. Michael cominciò a cantare "Jingle Bells" dolcemente in modo che Katherine non lo sentisse. Fu la prima volta che Jermaine senti' Michael cantare. Cantava le canzoni di Natale, Michael era felice. Jermaine dice che Michael amava Natale.

Michael amava i trenini - ebbe una forte influenza su di lui "l'Esercito della Salvezza". Giocava sempre come se fosse su un treno, con i carrelli della spesa mentre i fratelli lo spingevano. Costruiva spesso go-cart e correva, amava la velocità.

L'amore per le caramelle. Michael nascondeva le sue caramelle cosi nessuno era in grado di trovarle. Andava spesso al negozio di caramelle. Joe lo schiaffeggiò una volta quando Michael disse che voleva vendere la sue caramelle per 5 centesimi, avendole pagate lo stesso 5 centesimi. Michael dava via spesso le sue caramelle gratis ai bambini meno fortunati.

Anni dopo a Neverland: con tutte le luminarie accese sembrava sempre Natale, all'interno della casa un'enorme treno su un tavolo, una pista di go-cart, un negozio di caramelle, ecc. Non è solo ciò che non ha avuto da bambino, ma anche quello che amava quand'era bambino.

"Non era un rifiuto di crescere, perché se lo era chiesto, ma sentiva, in primo luogo come se fosse sempre un ragazzino. Michael era stato un adulto quando era un ragazzino, ed è regredito in un bambino quando doveva essere adulto. Non era Peter Pan, ma piuttosto Benjamin Button."


Capitolo 2:

Spoiler:
Capitolo 2 - 2300 Jackson Street

I nonni avevano delle belle voci, così come Katherine. Cantava mentre faceva i lavori domestici, i bambini partecipavano nei cori di "cotton fields". Michael è nato "iper", pieno di energia e di curiosità. Mentre Jermaine aveva 5 anni e stavano cambiando il pannolino di Michael, notava che non era una cosa facile, saltava, tirava calci, si rotolava.

Germi: Katherine ha sempre voluto che fossero puliti e incontaminati. Jermaine, Latoya, Janet e Michael aveva una paura nevrotica dei germi.
Michael indossava delle maschere - Jermaine dice la sua ragione originaria è perché Michael aveva paura dei germi nell'aria e di ammalarsi. MJ era preoccupato anche per gli altri, quando i fan si avvicinavano. Più tardi le maschere divennero un modo per nascondersi.

Jermaine parla degli inizi:
Descrizione dettagliata di Katherine e il suo amore verso di loro e il loro amore verso lei. La storia di come Katherine e Joe si incontrarono e si sposarono. Joe, le sue condizioni di lavoro, come ha portato a casa i soldi. L'ultima volta che Joe ha pianto è stato quando aveva 11 anni e perse la sorella per una malattia. Joe si è indurito, non ha mai frequentato i funerali, ad eccezione del 2009.

"Nessuno di noi può ricordarsi quando ci ha stretto la mano o coccolato, quando ci ha detto "Vi voglio bene" "Non ha mai giocato con noi, o ci ha fatto nascondere nel letto durante la notte. Non ci sono mai stati discorsi cuore a cuore padre-figlio sulla vita..
Ci ricordiamo il rispetto, l'istruzione, i lavori e i comandi, ma non l'affetto.
Sapevamo che suo padre era come lui, qualcuno volle cercarlo, per restituire un uomo alla sua famiglia, un uomo per un uomo...."

Joe e i Falcons il sogno. Joe e la disciplina- qualche estratto di "Times"

Un topolino bianco in casa, Joe cercava di catturarlo e non capiva da dove fosse venuto. Michael lo cresceva come un animale domestico e lo alimentava a 3 anni. Joseph lo scopre, dice a Michael di andare ad aspettare nella sua stanza prima di prenderlo a botte. Michael si mise a tirare bulloni. Joseph lo prese e iniziò a sculacciarlo. 18 mesi e via il biberon, a 4 anni lanciò una scarpa. Era sempre a rischio di prenderle. "Michael non si voleva aiutare, perché era il più provocatorio".

La chitarra di Joe, Tito ruppe la corda. Joe dice a Tito di suonarla, gli altri cantano. Joe compra a Tito una chitarra. concentra la sua attenzione sul trio Jackie, Tito e Jermaine.


Capitolo 3:

Spoiler:
Capitolo 3 - il dono di Dio

Joe inizia a far esercitare il trio. Michael suonava il bongo costruito con dei barattoli della Quaker Oats, non è nella band perché è troppo piccolo, ma ha voglia di unirsi a loro con i suoi bongo. Il trio si esercita duramente. Michael e i suoi bongo sono sempre seduti sul pavimento. Joe lascia il permesso per far stare Michael con loro a suonare i bongo. I primi giorni di allenamento Joe è paziente e indulgente.

Si unisce mamma Katherine, Joe fa suonare e cantare i ragazzi con lei. Michael si alza e inizia a cantare a 5 anni. A Katherine e Joe piace molto. Katherine dice che la sua voce viene dal "cielo". Prima esecuzione di Michael è nella scuola elementare al suo primo anno scolastico fa un assolo. Così Michael e Marlon vengono aggiunti al gruppo perché Katherine voleva che il gruppo fosse dispari e non far rimanere fuori Marlon .

Michael e numero 7. Il Secondo nome è Joe.

1962-1965, gli anni della formazione. Michael impara a imitare gli adulti, guardando i suoi idoli - James Brown e Fred Astaire. Tito e Jermaine non riescono a leggere gli spartiti. Cresciuto a Gary. Tra boxe e trasportatori di mattoni.


Capitolo 4:
Spoiler:

Capitolo 4 - Basta essere bambini e i sogni

J5: prima performance durante il 7° compleanno di Michael all'evento moda per bambini al centro commerciale. Iniziarono a mostrare il loro talento a scuola. Vincono.
Il loro amore per il baseball. Soprattutto Jackie. Jermaine si fa male giocando, Joe li vieta il baseball.
Le Performance ai Concorsi vanno avanti. Generalmente vincono, una volta arrivarono secondi. Joe non fece prendere loro il secondo premio- dice che vincere significa arrivare al numero uno.
1966 - 1968 spettacoli non stop, i costumi, le loro attrezzature vengono rubate, "qualunque cosa accada "the show must go on", spogliarelliste nei luoghi dove cantano. Michael vede loro degradanti nel prendere in giro gli uomini.
Scene sessuali, chiuse gli occhi quando una spogliarellista gettò le sue mutandine sugli uomini.

"La differenza cruciale che trovava tra la madre e Joseph.
Ci vedeva come suoi figli e spesso si preoccupava per l'impatto di tutte le prestazioni e i viaggi, per Joseph invece venivano prima i cantanti e poi i figli".

Michael è il più creativo. Anche burlone. Pubblicazione del singolo 'Big Boy'. Scuola. Michael era curioso di sapere, sete di conoscenza. Michael e Marlon, il gioco dell'esercito. Michael e il suo amico Bernard. Michael odiava vederlo piangere, piangeva con lui quando lo vedeva piangere.
'Sly and Family Stone' e l'amore di Michael per loro.
Finestra aperta, Joe li spaventa con una maschera. - dice che Michael fu profondamente traumatizzato da quell'evento.
Gladys Knight della Motown chiede con sè un gruppo di bambini
....

CAPITLO 5:

Spoiler:
Capitolo 5 - Grido di libertà

Prestazione all'Apollo. Pacchetto campo professionale inviato per la registrazione delle etichette. Riunione Smokey Robinson, Jackie Wilson. Michael pone delle domande e impara da loro, assorbe dalle loro prestazioni. Frustate se sbagliano, Marlon va sempre peggio. Joe cerca di buttare fuori Marlon dal gruppo, Katherine insiste per tenerlo. Michael inizia ad avere dubbi se fosse abbastanza buono, rifiutandosi di fare ciò che Joe gli diceva di diventare, testardo, sempre picchiato con le casse, si nascondeva sotto i letti, "non canterò più se mi picchi di nuovo", i fratelli e Michael gli parlano offrendogli delle caramelle. Michael & Marlon chiamano Joe "Buckethead", alle sue spalle, anche se lo soprannominano "il falco".

Jermaine dice di capire le percosse - per tenerli fuori delle bande, tenerli lontani dalle strade. Ha sperimentato una gang che sparava in un angolo della loro casa - Michael prese da li l'ispirazione per "Beat it". Le percosse erano normali per il mondo di allora. Joe non è un mostro, e quando Jermaine dice cosi, la gente pensa e lo accusa di compiatirlo.
Michael nell'intervista del 1993 con Oprah e quella del 2003 con Bashir, parlò delle percosse di Joe - tutto vero. Nel 1984 Michael disse: "Non so se piangerò alla morte di Joe". Michael era il più sensibile, non lo vedeva come disciplina. Jermaine dice che Joe non ha abusato di loro. Michael e il discorso di Joe nel 2001 a Oxford.

"Poi si trasformò in una forza più grande della paura a diventò il tiranno in casa, ci ha impedito di incontrare altri tiranni sulla strada e ha funzionato:.. Avevamo più paura di lui che di qualsiasi altro membro di una banda".

Non ha molti amici, Outsiders, questo potrebbe portare cattivi pensieri, cattive abitudini. "I Migliori amici sono i miei fratelli". In Inverno Michael manda Marlon a comprare delle caramelle per lui, Marlon viene investito da una macchina. Michael incolpa se stesso. Katherine fa diventare Michael un fervente Testimone di Geova.
Suzanne de Passe persuade Gordy. Gordy non vuole ancora bambini. Audizioni. Motown li scrittura.


Capitolo 6:

Spoiler:
Capitolo 6 - Università Motown

Esecuzione di artisti della Motown e la casa di Gordy. La prima volta che incontrarono Diana. Non fu lei a scoprirli. Formazione Motown, la registrazione. Rebbie si sposa. Randy 6 anni vuole unirsi. Joe gli dà i bongo e dice che gli dirà lui quando sarà pronto a unirsi. Si trasferiscono in California. Hanno trascorso del tempo con Diana, ma non vivono con lei, è solo una leggenda del marketing. Diana insegna loro a dipingere. Jermaine si innamora di Hazel [figlia di Berry Gordy, fondatore della Motown].
Un sacco di buone parole per Diana, mentore perfetto, la saggezza, la classe. Legame unico tra Michael e Diana. Diana come una madre surrogata. Gordy diventa come un padre. Trascorrono del tempo con loro - mentre Joe è assente. Ancora una volta formazione, registrazione, commercializzazione bugie / miti, la creazione dell'immagine, Michael ride, dice che suonano come i sette nani. Suzanne soprannome per Michael "milquetoast Casper". Registrazioni. Prima Apparizione televisiva. Diana presenta i Jackson 5. Joe non è felice perché Diana ha annunciato "Michael Jackson e i Jackson 5". Sammy Davis Jr, soprannonima Michael "il piccolo nano". Ed Sullivan Show. Katherine e le figlie più giovani si trasferiscono in California. Michael e il topo come animale domestico. Jermaine riceve in dono un boa constrictor da Hazel. Michael intanto nutre i ratti. Un'altra casa. Studio, la scuola. Il primo singolo al numero 1.


CAPITOLO 7:

Spoiler:
Capitolo 7 - Jackson Mania

Primi concerti con la Motown. Bill Bray nuova persona della security. I fan corrono per il palco, saltano sulle auto. Michael chiama le reazioni dei fan come "selvaggie". Le Ragazze corrono dietro le auto, Michael ride dicendo "guarda le tette delle ragazze come oscillano". Concerti, fan, fama. Michael non riesce a capire perché le ragazze lanciano le loro mutandine e reggiseni sul palco. Folle di appassionati, cercano di afferarli ovunque andassero. I fan li seguono per aerei, alberghi, anche a casa loro. Michael vede i fan come una seconda famiglia, nel rispetto di loro, li ama e vuole prendersi cura di loro. Confinati in Hotel a causa dei fans. Corse nei corridoi, palloncini d'acqua caduti su Michael, scherzi ad altre persone come legare i lacci delle scarpe a Bill Bray, poi lo chiamano di corsa e lui si alza e cade. Interesse di Michael per la musica classica, lo Schiaccianoci, per esempio è possibile ascoltare alcune note in 'Dirty Diana'.

Jermaine e Michael condividono la camera che da sulla strada, Joe è alloggiato in una camera adiacente. Michael odia Joe quando lo porta in stanze che non gli piacciono. Michael è curioso e ama origliare (mettendo un bicchiere sulla parete) con Joe, i dirigenti della Motown, gli avvocati, ecc. Michael vuole che il suo nome sia nel "Guinness dei record".
I Fratelli vanno molto d'accordo. Jermaine e Michael litigano per lo specchio del bagno per modellare i loro capelli Afro. Il servizio in camera è d'abitudine. Michael fa scherzi e chiede ordinazioni per altre stanze. Prende in giro i componenti della band, cambiando la sua voce per far finta di essere le ragazze che li piacevano.

Alabama e la conoscenza del KKK, l'hotel non voleva dare loro le stanze.
Il cattivo tempo, quando sono di ritorno dall'Alabama, l'aereo tremare e sembra che stia per cadere, lasciando loro tanta paura. Più tardi Michael si nascose sotto i letti e si rifiutava di andare sugli aerei. Bill Bray lo portò tra urla e calci di Michael, sulla spalla, i fratelli li davano caramelle. Successo internazionale. Sempre i benvenuti a Gary.

CAPITOLO 8:

Spoiler:
Capitolo 8 - Lezioni di vita

Hayvenhurst. Camere doppie. Michael in camera con Randy. $ 5 la paghetta settimanale. Michael spendeva i suoi soldi per materiale artistico e la magia. Facevamo ancora le faccende domestiche. Joe metteva un telefono pubblico a Hayvenhurst. Michael aveva ricevuto minacce di morte dai ragazzi che andavano alla scuola pubblica, a noi invece ci avevano mandato alla scuola privata.
- Scuola di Walton. Incontrammo John McClain - diventammo amici per la vita. Tito e McClain giocavano assieme. Michael e McClain erano maliziosi.
Esempio: scavavano una buca e entravano nel buco che arrivava fino al petto. Michael aspetta Jermaine. Mentre lui stava baciando una ragazza loro gli gridano contro.

Jermaine a casa quando trova Hazel , la sua innamorata [Hazel Gordy figlia del presidente della Motown].
Crescendo trova difficile resistere all'attenzione femminile e di nascosto da Joe e Bill Bray frequenta la ragazza. Michael rende le cose difficili. Un giorno in cui pensa che Michael non ci sia, Jermaine sta per fare sesso di nascosto con la sua ragazza. la ragazza ricorda come le piacesse che Jermaine le toccasse le cosce, ma non era Jermaine. Michael era nascosto sotto il letto e la toccava. Si scopre che Michael si era stato nascosto sotto il letto per tutto il tempo.

Ragazze vietate: Alla Motown non vogliono che abbiano fidanzate, volevano che fossero scapoli single, in cerca dell'amore. Joe disse loro che le ragazze erano cattive, le ragazze li distraggono e non venderebbero i dischi. Michael era confuso tra le ragazze e come avvelenassero i loro fidanzati. Joe vide Tito baciare Dee-Dee e lo picchiò.
Utilizzavano Michael per ottenere il numero di telefono delle ragazze. Michael disse che Jermaine trattava sempre le ragazze come un gentiluomo.

La donna ideale: Michael cercava una donna, onesta e gentile. Prese una cotta per Diana. La vedeva come la donna perfetta.

Rose, la loro maestra: Michael iniziò l'amore per i libri e la lettura. I biografi ridimensionano e dicono che Michael era un pessimo studente. Pagella nono grado 5 A, 1 B + e 1 B-. Michael disegnò un soldato e una scritta per fermare la guerra in Vietnam. Regalò un disegno di Charlie Chaplin a una ragazza in cambio di aiuto con l'algebra.

Michael è l'unico ragazzo Jackson che frequentava la Sala del Regno. Incontrò Commodores, che gli insegnò a leggere e scrivere la musica. L'amicizia con Lionel Ritchie. Il Primo tour europeo. Incontro con la Regina. Incontro con Elton John. Buco nel muro nella porta di uno spogliatoio per vedere una donna nuda.

L'amore di Michael per Stacee, il bambino di Rebbie, l'amore puro per i bambini.

Tour mondiale. I Jacksons diventano cartoni animati. Michael guarda il suo cartone animato ogni sabato.


Capitolo 9:

Spoiler:
Capitolo 9 - Dolori della crescita

L'Acne e il suo naso.

"In effetti, odiava la sua pelle e il suo naso, tanto che trovava difficoltà a guardarsi nello specchio. Questo non era solo una tipica critica da adolescente:. Divenne un vero e proprio complesso di inferiorità. Più si guardava e più si sentiva infelice. "

Jermaine "faccia irregolare", Marlon "labbra a fegato", Michael "nasone", ma non ci rendevamo conto di quanto Michael ha lottato con quel nome negli anni a venire....
Jermaine realizza una macchia bianca sulla coscia sinistra. Il Dottore dice che è vitiligine e di non preoccuparsi se non si diffonde. Michael non voleva che il suo volto o la pelle si sbiancasse, era orgoglioso di essere nero.

Gordy si avviava a progetti solisti per Michael e Jermaine. La Stampa li ritrae come rivali. Jermaine dice invece che non c'era gelosia o rivalità.

J5 rilasciano più album. Il successo è in declino. Michael dice che hanno bisogno di scrivere da soli il proprio materiale. Jermaine aveva proposto quello di Hazel. Jermaine sta pensando come dire alla sua famiglia che avrebbe sposato Hazel, crede che Joe sarà arrabbiato (come era arrabbiato con Tito che sposò Dee-Dee e Michael ne rimase triste). Michael era felice, ma poi disse a Katherine che se tutti prendevano moglie lo lasciavano solo. Michael non ha mai detto nulla a Jermaine su questo argomento, nascose i suoi sentimenti. La cerimonia. La casa di Bel-Air.

Michael lavorava sul "robot". Jackson show. Comportamento verso i fratelli e Jermaine sta cambiando, si rende conto di essere superiore. Katherine scopre che Joe ha un'amante. La famiglia è arrabbiata, Katherine vuole il divorzio. Katherine lo perdona. Incontro con Bob Marley.

La moglie causa la rottura:. Berry Gordy organizza auto separate / limousine e la sicurezza per la figlia. E iniziano i problemi. Liti e successo. A Michael non piace. Le mogli causano drammi e distrazioni. Michael dice che non si sposerà mai fino a quando non avrà trovato la sua anima e corrispondenza creativa. "Wanna be startin' something" è il suo cavallo di battaglia.

Un sacco di persone lasciano la Motown. Michael chiede una maggiore libertà nella loro musica, Gordy rifiuta.


CAPITLO 10:

Spoiler:
capitolo 10 - Strade separate

Joe chiama e dice a Jermaine di venire senza Hazel. Joe dice a Jermaine di firmare il contratto con la CBS. Jermaine non firma. Jermaine dice che Michael è stato tentato di firmare con una promessa di una cena con Fred Astaire - ma non è mai avvenuta. Jermaine rimane con la Motown. I Jacksons passano alla CBS senza di lui. Jermaine vuole parlare con Michael, ma non lo fa perché c'era tensione tra lui e ai fratelli.

Qualche tempo dopo Michael chiama Gordy e Jermaine chiede di unirsi a loro al Westbury Music Fair. Jermaine va ma ma non sale sul palco. Delusione. Il giorno dopo Jermaine si unisce a loro alla CBS per ascoltare i piani per il futuro. Non è impressionato e lascia la CBS. È così che presero strade separate.

"C'è stato un suggerimento per gli anni che io ho rotto il gruppo di partenza, ma non l'ho mai visto in questo modo.... non l'ho lasciato io.. Mi hanno lasciato loro...mi hanno lasciato a casa e io credo questo fino al giorno della mia morte".

I Fratelli non parlano con Jermaine per 6 mesi. Katherine tenta un contatto per telefono. Joe a volte lo chiama. Jermaine è depresso. I fan lo bandiscono. Fine del 1976 Jermaine comincia a parlare con i fratelli di nuovo e inizia ad andare a Hayvenhurst.

Tatum era la prima ragazza di Michael, un amore d'infanzia.

Incidente dell'annegamento. (Nel libro l'ora è corretta), Michael è in ginocchio in acqua. (Si adatta con la versione di 'Moonwalk' di Michael, che contraddiceva Jermaine). La respirazione era difficile. Jermaine lo porta in ospedale. Michael è rilasciato dopo poche ore.

Amici di Muhammed Ali. Michael ha imparato a conoscere l'Islam da Ali.

Un pomeriggio Jermaine vede Michael con le bende sul viso. È caduto in soggiorno, si è rotto il naso e si operò per un naso nuovo. Michael ha effettuato le operazioni chirurgiche sempre di nascosto. Jermaine dice di aver capito perché ha subito un intervento chirurgico - il naso grosso lo rendeva infelice.

Michael pensa alla carriera solista. Tutti i fratelli sono sposati o hanno lasciato casa. Diana gli dice di camminare da solo. The Wiz. Michael diventa ancora più vicino a Diana.

"Per quanto riguarda la musica divenne sempre più intimo, quasi sempre semi-autobiografico, doveva parlare per sé. Andate ad ascoltare i testi malinconici di" Remember The Time ", pubblicato nel 1992. Quella canzone era, come ha detto Michael scritta con Diana Ross nella mente; quel grande amore che, per quanto lo riguardava, gli sfuggiva "

Michael si sente isolato. Passeggia per le strade per trovare persone con cui parlare. Se ne renderà conto solo più tardi. Quincy Jones, Off the Wall. Michael ha pianto dopo il Grammy perché non ha vinto quello dell'album dell'anno. Scrisse "Thriller" davanti allo specchio del bagno. 100 milioni di vendite. Stadi sold-out". Messa a fuoco. Dedizione. Determinazione. Perseveranza. Sono le cose che lo porteranno al successo.


Capitolo 11:

Spoiler:
Capitolo 11 - Moonwalking

Anni 80. Meditazione del mattino per Michael, ascolta un nastro che dice "sei sicuro. . . Sei forte. . . Sei bello. . . Tu sei il più grande. "Come un incoraggiamento per se stesso. Michael si sarebbe arrabbiato con lui se lo avesse detto a qualcuno perchè questo era il suo rituale privato.

Michael è sempre più famoso. I fan invadono Hayvenhurst per vederlo. Jermaine e Jackie ricevono lettere dalle ragazze dicendo che sono i padri dei loro figli. Michael non ha mai dormito con una fan. Delirante la fan "Billie Jean". Michael ristruttura Hayvenhurst. A Michael piaceva dormire sul pavimento - diceva che faceva bene per la schiena. Sulla sua parete aveva le foto di Ava Gardner, poi Shirley Temple e negli ultimi anni Alicia Keys. La 'Camera della memoria' a Hayvenhurst. Una camera con memorallibia e premi. Una parete delle celebrità - le immagini di Michael con altre celebrità.
Michael registrava le sue conversazioni. Conservandoli poi in cassetti altrui.

Thriller. Ossessionato da quell'album. Michael nel 1982. Quando Thriller fu rilasciato, rompendo ogni record. Motown 25. Esitante Michael per la Motown 25. Jermaine lo chiama, Michael dice che non vuole fare televisione. Gordy convince Michael. Michael accetta, ma vuole anche un posto da solista per "Billie Jean". Non sapevano quello che Michael aveva preparato per il suo posto solista. La Giacca è di Katherine. Prima che Michael iniziasse lo spettacolo entrò nel camerino di Diana, guardando il suo bagaglio (Diana non era ancora entrata nella stanza). Jermaine è felice che si riuniscono ancora una volta. Michael fa il suo brano solista. Fred Astaire lo chiama il mattino successivo. Michael arriva ad incontrarlo un paio di settimane più tardi. Michael è felice. Michael ha conservato la giacca di Katherine, che ha usato in Billie Jean, poi la regalò a Sammy Davis Jr, in cambio di un orologio da polso.


CAPITLO 12:

Spoiler:
Capitolo 12 - Animal Kingdom

L'amore di Michael per gli animali. L'acquisto di un lama, il venditore causa problemi per pregiudizi. Michael lo mette al suo posto. Acquista gli animali da un altro luogo. Altri animali ancora.

Bubbles. Michael fa incontrare Bubbles ai genitori a una recita. Bubbles lo ascolta. Bubbles non dorme nella sua tana, ma nel letto di Michael. Michael dorme sul pavimento. Bubbles aveva abiti meravigliosi. Jermaine vide Jeremy vestito con gli abiti di Bubbles perché erano migliori. Michael e Bubbles giocano a nascondino. Bubbles è presso il Centro per grandi scimmie e secondo Jermaine i suoi comportamenti dimostrano che lui è figlio di suo padre. Visita Latoya con Bubbles dopo la morte di Michael.

Janet - lei mi sorprende più di tutti. Lei si sentiva sempre costretta dalla musica. Dal suo successo.

Video di Thriller. John Landis. Come è stato finanziato. Michael interpretava dei personaggi al teatro di Hayvenhurst davanti ai genitori. Il figlio di Rebbie, Austin era fuori di testa ogni volta che Michael cercava di avvicinarsi a lui - aveva paura che Michael si sarebbe trasformato in un lupo mannaro anche nella vita reale. Il Regno non era felice del video. Il disclaimer - la Sala del Regno aveva insistito per inserirlo. John Landis fu a scrivere il disclaimer, non Michael.

Michael si sente in conflitto tra la sua passione per la musica e le sue credenze religiose. 2 anziani iniziarono a essere l'ombra Michael per assicurarsi che non si allontanasse dalla 'strada di Dio'. Travestimenti per il suo lavoro pionieristico.

Joe non è più adeguato per gestire la crescente popolarità, assume altri manager. Joe ci rimane male. Lui non è stato chiuso completamente, tutti fratelli chiedono consigli a Joe. Michael assume Ron Weisner e Demann, in seguito Dileo. Branca è assunto.

"Quei due erano un'unica persona insieme dal primo giorno. Mi ricordavano Abbott e Costello, perché Frank era il paffuto ragazzo con un grosso sigaro in bocca, mentre Michael era quello che faceva impazzire. Frank un deflettore e il boccaglio, un front man, ma il suo operato aveva portato anche una scorrevolezza nuova per tutto ciò che Michael ha fatto. John Branca, un biondo di New York, era diventato avvocato, di nuovo assieme a mio fratello e anche lui, sarebbe stato una guida esperta negli anni a venire. Il duo Branca-Dileo è stata l'operazione professionale di Michael per essere felice. "

Jermaine è in trattative con Clive Davis della Arista Records. I colloqui con Gordy. Lascia la Motown. Firma con Arista. Clive chiede la sua opinione su questa nuova artista - Whitney Houston. Hanno cominciato a lavorare insieme. C'era attrazione tra Jermaine e Whitney.

Canzone di Michael, scrittura e collaborazioni. Michael ha cantato sulla canzone "Tell Me, I'm not dreaming", prima uscita con la Arista. Sony non ha voluto Michael su un brano che avrebbe creato confilitti. così che è stato rilasciato solo come B-side.

Parlano di reunion tour, album.

Michael e l'incontro con McCarthy. Conosce l'editoria musicale. Say, Say, Say. Neverland che avrebbe acquistato alcuni anni dopo.


CAPITLO 13:

Spoiler:
Capitolo 13 - The Hardest Vittoria

1984 - Victory Tour.

"Il Victory Tour era un'altra idea che doveva essere messa in atto solo se Michael prima fosse stato d'accordo. E, come nella Motown 25 e il suo cambiamento di cuore, entrò in un'altra pagina del Guinness Book of World Records. Inoltre ha condotto anche i rapporti con noi, come fratelli, non prendeva parte a "pressioni" o "liti".
Questo fu l'inizio di una convinzione errata e duratura che eravamo interessati solo alla fama di Michael a scopo di lucro, come se avevamo scoperto in una notte il suo talento, al contrario che fosse cresciuto e aumentato accanto a noi. "

"A differenza della Epic e poi della Sony, non abbiamo mai visto Michael come una macchina per fare soldi. Lo abbiamo visto come il fratello con il quale abbiamo voluto condividere la gloria. La nostra passione a suonare con lui non ha mai cambiato rotta, dai nostri letti a castello fino a Hollywood. Quel desiderio tra fratelli è stato sempre coerente, pre-fama, post-fama ".

Jermaine ha dichiarato che Michael non volesse fare il Victory Tour, non poteva resistere, iniziando la sua dipendenza dai farmaci, alla fine ha insistito per la pianificazione, progettazione e concept. Joe e Katherine erano i progettisti di Victory, anche Janet e Latoya facevano parte del cast. Jackie disse che era meglio se restassero sul palco solo i fratelli.

Michael lo incolpa dicendo che il Tour non è stata una buona idea. Michael dice a Katherine che vuole concentrarsi sulle idee per un film. Decide di aiutare i fratelli con un tour e l'album in modo da essere fuori dai loro contratti ed essere libero.

"Ma nella sua mente, ha sempre voluto che questo fosse il suo ultimo tour con noi, infatti propose un nome per il tour “The Final Curtain.” [l'ultimo spettacolo]

5 milioni dollari per il contratto Pepsi. Michael non beveva Pepsi perché non gli piaceva. Pepsi era un compromesso. Pepsi era commerciale. Incidente del fuoco. Jermaine ha pensato che Michael fu sparato dal modo in cui la gente si precipitò. Ustioni di 3 ° grado. Michael e la corsa dell'ambulanza. Michael non ha mai voluto far causa, ma la Pepsi ha donato $ 1,5 milioni per un ospedale.

Intervento chirurgico per allungare una parte del suo cuoio capelluto sopra la zona bruciata. Un impianto. Soffriva da anni. Il Demerol fu prescritto per Michael.

Jackie fu investito da una macchina, il busto fino al ginocchio. Non poteva eseguire. Don King (manager) viene condannato per omicidio colposo. Michael si rifiuta di intraprendere il Tour. Joe parla con lui. Michael si impegna ad eseguire, ma Don King riceve una lettera dal legale che dice che non può svolgere attività per conto dei Jacksons. Più tardi i suoi ruoli sono stati ridotti.

Michael fa il 50% alle prove, ha salvato il 1000% dello stadio. Michael sarebbe andato a casa e si sarebbe esercitato per conto proprio.

Storie che Michael fosse omosessuale ricominciarono prima del tour. Michael ha sposato la musica, devoto dei Testimoni di Geova era in attesa della donna giusta.
Il 'Sun' affibia il nome 'Wacko Jacko'. Strategia del PR è quella di inventare storie strane e meravigliose su di lui per pubblicità, come la camera iperbarica e le storie delle ossa dell'uomo elefante. Poi viene definito strambo, freak, in aggiunta i suoi interventi e la sua vicinanza agli animali e ai bambini. Michael invia una lettera aperta ai media. "Ghosts" affronta anche questo tema.

C'è anche un bel parlare di politica in corso con il tour, gli avvocati, i rappresentanti di diversi partiti e cosa lo ha causato.


Capitolo 14:

Spoiler:
Capitolo 14 - La Reunion

Prima data del tour. Kansas.
Messaggio di Marlon Brando a Michael " MICHAEL-non mi abbandonare per amore di Dio, non cadere nel buco dell'orchesta ".. Descrive la prestazione. Dice che il Victory Tour non fu infelice. La Grossa differenza era l'aspetto commerciale e l'aspetto dello spettacolo, qualsiasi argomento d'affari era effettuato in camere d'albergo o nello stage. Jermaine aveva il sospetto che era stato avviato da chi li circondava, un progetto che voleva che i fratelli litigassero. Conseguenza: più soldi per queste persone, se il denaro non era diviso tra i fratelli.

La tigre di Jermaine, Bakana va in tour con loro. Michael è in tour con le sue 2 ombre della Sala del Regno. Michael sembrava che stesse male, ma ha anche apprezzato il suo spazio.

"Il loro furgone si era fermato ad un semaforo a Kansas City, quando Michael avvistò tre prostitute all'angolo della strada, con una che indossava lustrini e hot pants. Gli occhi di Michael non potevano fare a meno di vagare." Oh mio Dio, che ho fatto di male! ", "Ah Ah" disse Jermaine scherzosamente "Oh, wow, sta cercando qualcosa di caldo."
Poi, proprio mentre le luci stavano per cambiare, usci' la mano con il guanto luccicante e salutò fuori dal finestrino. Le tre prostitute non capirono, chiedendosi chi era... solo forse... non può essere... Michael Jackson!
Giusto per essere sicuro che fossero certe, Michael apri' un pò la porta del furgone, guardando indietro, mentre il furgone cominciava ad allontanarsi, ha mostrato il suo volto, ridacchiò, e poi ha sbattuto la porta. Si rotolava attorno al suo posto a guardare le tre prostitute che saltavano su e giù per l'eccitazione. Non so che cosa dissero i due Testimoni di Geova il giorno dopo di questa interazione, ma Michael aveva fatto una cosa chiara: non era sempre cosi innocente e candido ".

I testimoni di Geova monitorarono Michael per 3 anni. Smooth Criminal. Pistola, scena macchina - I Testimoni non volevano che contenesse o possedesse o utilizzasse un'arma da fuoco. Per Michael fu duro. "Michael ha scritto alla Sala del Regno per dissociare se stesso dai Testimoni di Geova e chiedendo esplicitamente di non essere riconosciuto come un Testimone battezzato".

Michael, il suo senso dell'umorismo e gli scherzi non sono cambiati. Ancora Bill Bray era il suo obiettivo. Diventò anche l'obiettivo di Dileo.

Jacksons e la ricezione sulla morte. Stavano andando in un McDonalds, una persona uccide 22 persone, ne ferisce 19, durante la sparatoria. Aumenta la sicurezza, se avesse avuto un complice avrebbe portato a termine il piano contro Jackson. Viaggiano in auto blindate. Michael disse che si sarebbe mosso così tanto sul palco, in modo che nessuno sarebbe in grado di ucciderlo. Tito e Jermaine dicono che le loro chitarre erano legate in un punto.

Madonna comincia a stare con loro a New York, con Michael e Randy. Madonna vuole attenzione da Randy. Randy aveva una fidanzata.
"Ma abbiamo imparato presto che molto poco scoraggiava Madonna. Ignorando la sua ragazza, lei si avvicinò a Randy, ha afferrato il suo volto, infilò la lingua in gola e gli disse:" Quando hai finito con questa cagna, fammi una chiamata. "

Jermaine dice a Michael che Madonna avrà successo breve, mentre nel 1991 Madonna ha fatto 2 errori: cercare di cambiare Michael e criticare Janet.

Dopo che Michael ha seriamente allontanato Brooke Shields rimasero amici ed ebbero comunicazioni fino al giorno della sua morte.

Jermaine continuare a lavorare con Whitney Houston. Tentazione sempre più forte. Michael e Clive Davis. Si separano, come è la cosa giusta e sensata da fare. Whitney Houston "Saving All My Love For You". È scritto da lei e Jermaine.

I Fratelli vogliono vogliono portare il Victory Tour in Europa, ma Michael annuncia che è il loro ultimo spettacolo, annunciando il suo distacco dai Jacksons. Katherine dice che questa è una cosa che deve fare da solo. I Fratelli se la presero a male, ma hanno accettato.

1985: Jermaine vede Michael negli studi di registrazione. Jermaine rilascia il secondo album per Arista, il tour. Michael partecipa a uno dei concerti di Jermaine sotto mentite spoglie. Jermaine non può rendersi conto che è Michael. (Jermaine dice che c'è una foto nel libro) Michael utilizza anche lo stesso travestimento durante il 'Bad Tour' per mescolarsi alla folla e vedere il concerto.

John Lennon viene ucciso da un fan. Rende paranoico Michael e aumentano i travestimenti per nascondersi. Alla ricerca di un luogo appartato in cui vivere.


Capitolo 15:

Spoiler:
capitolo 15 - L'ultima volta.

"Tra i nostri ultimi tour che terminarono nel dicembre 1984 e il 1992, la famiglia ha visto Michael sporadicamente, diciamo tre o quattro volte l'anno in quegli otto anni."

"Michael non aveva un telefono cellulare in modo che noi non lo potessimo chiamare. La tecnologia delle comunicazioni non è mai stata il suo forte e il sistema era dettato che noi chiamavamo i suoi uffici a Neverland o a Los Angeles e lasciavamo un messaggio. E un altro. e poi un altro. Erano tutti senza risposta e non sapevo cosa pensare. "

Jermaine nel 1988 esce con l'idea del 'Family Day'. Michael a volte partecipava, altre volte no.
1989: La canzone 2300 Jackson street. Jermaine e il matrimonio con Hazel termina nel 1987 perché non può resistere alla tentazione quando incontra Margaret. Jermaine torna a Hayvenhurst. Jermaine nel 1989 visita il Medio Oriente. Si Converte all'Islam. Torna in California. Si trasferisce in una villetta bifamiliare con Margaret e i loro 2 figli.

1990: notizie che Michael è stato portato in ospedale con dolori al petto. Jermaine gli fa visita. Michael dice che non ha avuto dolori al petto, ma un dolore lancinante alla schiena e mal di testa. Abusava di Demerol per via endovenosa. Lettura sul matrimonio e divorzio. Jermaine cita l'Islam a Michael.
Jermaine dice a Michael che è in giro per Atlanta per lavorare al suo prossimo album con LA Reid e Baby Face. Soggiorna con Michael quella notte in ospedale.

Jermaine si sposta ad Atlanta con Margaret e i suoi 2 figli. Chiede che LA Reid e Baby Face sull'album, sente che c'è un ritardo. In attesa Jermaine inizia a parlare con Stan Margulies (che avrebbe poi prodotto l'album dei Jacksons: American Dream). Aveva un'idea su un film su Tutankhamon e voleva che Michael interpretasse il faraone. Jermaine lascia un messaggio a Michael sul progetto e lo attende per richiamarlo. Questo (chiamata, messaggio e aspettare) per diversi giorni. Michael non chiama mai.
3 mesi passano ad Atlanta. Jermaine sente LA Reid e Baby Face, sono in California a lavorare con un altro artista - Michael.

Come Jermaine fu incaricato, registra ugualmente un album per fornire quello aspettato da Arista. LA Reid e Baby Face finalmente sono tornati e arrabbiati con Michael. Per l'insistenza di Michael di lavorare con Bruce Swedien e non aveva intenzione di continuare con una qualsiasi delle loro canzoni. Per ripicca scrissero "Word to the Badd".

(Nota: farò citazioni dirette come la maggior parte di voi curiosi vogliono...)

"La rabbia che risuonava a causa del suo egoismo implicito"

"I testi che avevano scritto con rabbia incontrarono la mia rabbia verso Michael.
Non solo:.. Tutta la mia energia repressa per arrivare in studio combinato internamente con un profondo senso di ingiustizia. E 'stata una tempesta emozionale perfetta in cui nessuno pensava, e la lasciai liberare.
Se una sessione di studio è ha uno scopo, è per liberare le emozioni inespresse.
La musica può essere catartica in quel modo e non sarò stato il primo artista a raggiungere il microfono con un'intenzione di ottenere tutto quello che voglio.
In realtà, era tipico per me per sfogarmi da solo, invece di dire qualcosa direttamente a Michael. "

"Quando sono arrivato in studio per iniziare a lavorare, mi è stata presentata la canzone finita, e LA Reid e Babyface erano venuti su con un verso particolare che faceva così: Ricostruito, è stato rapito, Non so chi sei , Una volta che sei arrivato, Hai cambiato la tua ombra e il tuo colore era sbagliato?
E 'stato un chiaro sminuire dentro Michael, e lo sapevo. Quelle parole erano in linea con una percezione sbagliata di lui e non ero d'accordo con loro, ma io ero d'accordo con il tono arrabbiato della canzone. Ero pazzo. Ho abbracciato questa rappresaglia segreta.
Nel momento in cui avevo lo spartito in mano, stavo cantando con una rabbia che i terapeuti avrebbero applaudito, anche se i fan di Michael non lo avrebbero fatto.
Nella mia ingenuità, non mi aspettavo che un singolo con quelle parole sarebbe stato ascoltato al di fuori dei due produttori e dell'ingegnere musicale, perché, nella mia mente, erano testi non destinati ad essere rilasciati al pubblico.
Dopo che avevo registrato la mia voce, ero arrabbiato, ma mi sentivo molto meglio per aver tolto tutto dal mio petto, abbiamo registrato un'altra versione.
La versione di "Word to the Badd" con T-Boz era destinata alle TLC.
Ha mantenuto lo stesso tono, ma abbandonava tutte le insinuazioni nei confronti di Michael ".

Una versione Bootleg di "Word to the Badd" è trapelata lo stesso. Jermaine chiamò Gordy. Gordy gli disse di assumersi le sue responsabilità. Jermaine vuole chiamare Michael ma non vede alcun punto d'incontro, perchè Michael non restituisce le chiamate. Jermaine prosegue su Larry King / CNN dicendo che non avrebbe mai dovuto cantarla o registrarla.
Michael chiama Katherine per chiedere se è davvero Jermaine a cantare la canzone. Katherine chiama per un incontro presso Hayvenhust tra i due.

"Sono andato per primo. Non con una scusa, ma con tante energie. Si trattava di una conversazione accesa." Eravamo abituati a essere vicini, dissi," sono passati otto anni... Otto anni, Michael. Otto anni che non abbiamo passato del tempo insieme, sto parlando di tutti noi, non solo per me". Lui mi ha guardato, Ora avevamo un contatto visivo e ho continuato:..
"In questi otto anni, tutti hanno detto tutto loro possibile su questa famiglia come se ci conoscessero....... sapeva che dovevamo incontrarci e mi disse "E per quegli otto anni pensi di meritavo quella canzone? " mi ha interrotto." Questo è doloroso, e non me lo aspettavo, non da te, Jermaine. "" Non l'ho scritta io! L'ho solo cantata!"" L'ho cantata quando ero sconvolto, ma quei testi non riflettono quello che penso di te "dissi."
Metti la tua voce a quei testi!", mi disse, costringendo a mettere il punto.
Potevo vedere nei suoi occhi come stesse male, e mi ha ucciso, sapendo che ero il solo responsabile. "Mi dispiace di averti fatto male," dissi.
Il mio tradimento l'ho riconosciuto. Ho cercato di spiegare come lo avevo cercato molte volte, lasciando messaggi, e quanto sia frustrante il fatto che non lo sentivo.
"Come l'idea del film King Tut che hai ignorato.. . "
"Io non so nulla di un film King Tut ", mi disse, guardandosi sinceramente sorpreso.
" Non avuto nessuno di questi messaggi. " " Non ti dice qualcosa? Che la gente intorno a te non ti trasmette i nostri messaggi! "dissi, e la sensazione di agitazione veniva di nuovo, rinnovando il mio sospetto che i nostri messaggi venivano filtrati dai suoi manager.
Michael ha promesso di esaminare il problema." Ma questo non è ancora una scusa per quanto tempo è passato da quegli otto anni ", gli ricordai.
Se vogliamo fare questo, portiamo tutto fuori, ho pensato. Michael si giustificava, dicendo che non era intenzionale, era solo occupato. C'erano un sacco di viaggi e registrazioni e riprese video. Andò avanti e avanti con quello che consideravo solo razionalizzazione. Alla fine avevo sentito abbastanza. "MA, MICHAEL, SIAMO LA TUA FAMIGLIA! Hai avuto modo di dedicare tempo per la famiglia! "ho gridato, e, in un impeto di frustrazione, ho sbattuto il pugno sul tavolino.
Le tazze e piattini saltarono dal vassoio d'argento e Michael quasi balzò dalla sua sedia. C'era qualcosa di così timido e fragile in lui, così facilmente spaventato, che mi sono sentito male nell'alzare la voce. "Mi dispiace," dissi. "Non ho intenzione di farti saltare..." Poi ha sorriso. "Guarda la tua faccia , "disse, e poi ha iniziato a ridere." Sei così teso!"
Da bambini, ridevamo nervosamente nella più grave delle situazioni e Michael ridendo, mi ha fatto ridere ora. Con questo, tutti ci siamo rilassati.

Michael iniziò il Tour fino al Family Days, ma ancora non era regolarmente a loro disposizione. Jermaine disse ai fan che "Word to the Badd" non era contro di lui, ma un atto per l'unione della famiglia. Michael non era il protagonista della canzone.


CAPITLO 16:

Spoiler:
Capitolo 16 - Forever Neverland

Neverland - Michael felice e contento.

"Vedo l'immagine di Michael, oziare a casa, nella sua cucina al mattino o di notte , nel guardaroba mentre mescola le sue T-shirt bianche con lo scollo a V, i pantaloni del pigiama o pantaloni della tuta, e delle pantofole di velluto nero con una cresta d'oro e la lettera "J" sulla punta".

"Il fatto centrale è che mio fratello guardava la vita attraverso gli occhi di un bambino. Aspettative della gente della sua età, lo stato, la persona e altro su di lui non avevano niente a che fare. Aveva il cuore di un bambino e non è mai diventato troppo grande per un entusiasmo infantile per il divertimento e questo era il motivo per cui aveva una naturale affinità con i bambini. "

Descrizione di Neverland. Casa, giardini, pitture, ecc. zoo e cancelli nero-oro in ferro battuto erano della vecchia casa di Jermaine. Michael aveva aggiunto uno stemma britannico con armi intorno al cancello. Il suo nome e una corona. L'amore di Michael per la regalità e la monarchia britannica. Infrastrutture, statue, teatro, letti per i bambini malati, ecc. architettura...

Michael voleva aiutare i bambini bisognosi e malati. I bambini sono invitati a Neverland, Michael visita gli ospedali durante il tour.

Principessa Diana. Averla incontrata durante 'Bad Tour'. Le chiamate tra Michael e Diana tra il 1991 e il 1994. Michael e Diana hanno la possibilità di trascorrere ore al telefono. Michael dice che la principessa Diana è una donna "saggia e dolce".

Intervista di Oprah. Michael voleva correggere le idee sbagliate su se stesso, ha voluto far vedere come viveva. Jermaine dice che era più importante per la carriera di Oprah che quanto non fosse per Michael. Joe è visto come un violento. Michael rivela la sua vitiligine.

"La verità è che Michael ha notato una piccola chiazza bianca sulla pancia nel 1982, proprio come l'avevo trovata io sulla mia coscia. Però la mia non peggiorava come la sua diffusione. Avevo sospettato che qualcosa stava succedendo già nel 1984 nel Victory, perché iniziò a coprirsi per tutto il tempo. "

Il Guanto unico non aveva niente a che fare con la Vitiligo. Il guanto fu suggerito da Jackie solo per attirare l'attenzione nei suoi movimenti della mano. Michael ha mostrato la pelle sempre meno durante il Victory.

"Ho sospettato qualcosa ma in realtà non avevano idea di quanto fosse grave la sua vitiligine."

Karen Faye realizza il trucco nel 1983 durante Say Say Say. Prima il trucco era al tono più scuro. Più tardi doveva corrispondere il tono più chiaro. Aveva anche bisogno di un make-up più forte.

"L'anima spirituale con i capelli biondi e animata da un'energia frizzante, Karen era stata inizialmente assegnata alla squadra di Michael per po 'di tempo per 'Thriller' ma poi divenne rapidamente una professionista di fiducia per un vero amico, che aveva affettuosamente soprannominato "Turkle". "Presto Karen con sagge parole e amicizia confortante si era dimostrata indispensabile, come i suoi pennelli e il make up. "

"Quando si capisce il grado di sensibilità che era sulla sua condizione, è anche capire quanto si è fidato di Karen. Era un lavoro invasivo ma ogni scelta professionale che ha fatto è stata progettata per dargli la libertà e la fiducia, e farlo apparire come la stella che era. E altrettanto affidamento su di lei mantenendo tutto il suo lavoro confidenziale. Alcuni membri del suo entourage, registi e fotografi, non hanno capito che la sfida di Karen era quella di mantenere Michael perfetto, e non riusciva a spiegare le sue azioni perché aveva giurato segretezza.
Così gli osservatori hanno solo visto un trucco eccessivamente esigente "da signora".
Questo è stato frainteso:.. la gente pensò che fosse in competizione come una donna per attirare la sua attenzione. La verità era che lei stava lavorando per farlo sentire sicuro e protetto, assicurando che nessuno dei suoi, sapesse che la vitiligine era visibile a chiunque stesse vicino a lui. "

A Michael fu diagnosticato anche il Lupus. Che causava chiazze rosse sul viso. Lupus e vitiligine sono le ragioni del perchè Michael utilizzasse ombrelli.

Brett-Livingstone Strong. la pittura in un hangar. Terapia d'arte per sfuggire alla follia. Ha conosciuto tutto questo nel 2011. Jermaine ha visitato l'hangar per vedere la sua arte. La figura del 7.

Amicizia di Michael con Dave Dave e Ryan White. L'amicizia con gli attori bambini Emmanuel Lewis, Maculay Culkin. Brett Barnes, Wade Robson, i fratelli Cascio.
Un sacco di "famiglie surrogate". Jermaine ha sperimentato il rapporto di Michael con Wade Robson e la sua famiglia. Parla di Wade.

Michael vuole disperatamente avere figli ma è consumato con il lavoro e la donna giusta non è ancora arrivata. Michael voleva avere 9 bambini.


Capitolo 17:

Spoiler:
capitolo 17 - Le bugie prendono corpo.

1993 è l'anno che tutto è cambiato, con intriganti progettisti e sceneggiatori.
Nell'estate del 1992 un giornalista si avvicina a Joy (la madre di Wade) e dice che sta investigando su Michael perchè potrebbe essere un pedofilo. Joy chiama e parla con il manager di Michael.

Michael era su una strada tortuosa, lasciava che persone a caso entrassero nella sua vita.
Maggio 1992, la vettura di Michael si rompe. Incontra Chandler per 5 minuti. Danno il loro numero di telefono a Michael. Michael li richiama. La Stampa scrive della "famiglia adottata da Michael". Evan è felice, cerca di trovare fondi per la sua idea del film, racconta che l'amicizia è un mezzo meraviglioso per Jordie e che non si doveva più preoccupare per il resto della sua vita.

Michael si allontana dai suoi fratelli. Non mantiene comunicazioni con loro. Jermaine questa volta non lascia più messaggi, ma un sacco di lettere. Nessuna risposta da Michael.

I Chandler soggiornano a Neverland. June (la madre di Jordie) non ha problemi. Michael rimane a casa loro con Evan. Evan chiede a Michel di costruire una nuova ala nella sua proprietà, ma Michael non lo fa. Michael viaggia con Jordie, June e Lily, acquista per loro regali costosi. Evan ha la sensazione di essere tagliato fuori, è arrabbiato.
Registra una chiamata mentre June telefona al marito Evan, dove dice che non sono felici. Evan dice che chiederà a Michael $ 20M per le sue sceneggiature, se Michael rifiuterà sarebbe andato alla polizia a denunciare le molestie.
Agosto 1993, dice tutto questo a Michael. Michael si rifiuta. Evan dice a Michael che sarebbe andato avanti con il suo piano e lo fece. I Media danno rilevanza alle sue affermazioni e la registrazione su nastro di Evan viene messa sotto silenzio.

Chandler chiede nella causa civile $ 30M, le indagini penali sono all'inizio. Michael viene cercato dalla polizia a Neverland e a Hayvenhurst. La polizia dopo averlo trovato, fotografa i suoi genitali.

I media si domandano "Cosa fa un uomo adulto a letto con dei bambini?" .
Spiega che letti sono a castello, disposti in modo disordinato per il sonno dei bambini, non avviene nulla di sessuale, i ragazzi vogliono dormire cosi, come anche i loro genitori. I bambini di Jermaine e i ragazzi di Tito seguono Michel che gioca con le anatre.
June Chandler dice che Michael voleva essere chiamato "Peter Pan" quando i bambini si riunivano attorno a lui....

Annuncio The Jackson Family Honors show. Katherine parla con Michael e tutti concordano sul fatto che lo spettacolo deve andare avanti. Bill Bray dice loro che Michael era "ammalato allo stomaco, ma si manteneva forte".
Dopo l'annuncio e i piani per andare a Taiwan con la partecipazione di Michael, Elizabeth Taylor era già lì. I Jacksons incontrano Bob Jones.
Jermaine dice che Bob Jones faceva parte della barriera alla loro comunicazione diretta con Michael. Bob dice loro che non è un buon momento, Michael dorme. Jermaine si arrabbia lo sorpassa e bussa nella stanza di Michael.

Trovano Michael con una flebo. C'è un medico. Gli viene detto che Michael è collassato prima del concerto, concerto annullato ed è disidratato. Sembra molto magro. Jermaine dice che pensa che non mangiasse o dormisse da una settimana.

LaToya fa un comunicato stampa. Pubblica la sua autobiografia ["Growing Up In The Jackson Family"]. Jermaine non racconta questa parte, dice che è tutto scritto nel suo libro [Starting Over]. L'unica cosa detta da Jermaine è che Michael e la famiglia la perdonarono.

2 mesi dopo la riabilitazione. Dipendenza dal Demerol. Jermaine non sa molto sul soggiorno e riabilitazione di Michael. Michael torna negli Stati Uniti. Le indagini e la giuria vanno avanti. Michael personalmente desidera passare attraverso un processo penale. Tuttavia, visto che la denuncia penale non è stata portata avanti, la causa civile sta per iniziare. Gli avvocati pensavano che se quello civile si fosse svolto, non avrebbe avuto un processo equo. Gli assicuratori avevano anche un ruolo nella decisione. Regolamento: non ammissione di colpevolezza, può testimoniare in un futuro processo penale, non può parlare con i media.

Sneddon a 150 testimoni e due giurie annuncia che non c'è nessun caso. Ma non sarà chiuso, rimane aperto per il futuro.

1995 Margaret riceve una telefonata su un video segreto di Michael e Jeremy nella doccia e la stampa scrive una storia, dicendo che Michael li ha pagati per tacere.
I loro avvocati cercano di fermarli ma Diana Dimond annuncia di possedere il nastro video su un hard-disk. La Polizia di Los Angeles annuncia non c'è nessun nastro del genere. Victor Gutierrez fu lo scrittore che ha creato questa storia. Michael fa causa per diffamazione e vince.

1993: L'altra spalla di Michael. Michael si rifiuta di cambiare la sua vita e le sue credenze.

Jackson Family Honors. Volevano ospitare Oprah. Lei rifiuta.

"Siamo stati sorpresi nel sentire il suo rifiuto, dicendo che non pensava che sarebbe stata una buona padrona di casa, ma lei ci augurò buona fortuna. 'E' stato un peccato, sapevamo quanto amava Michael, ma ha perso l'occasione. "

Michael è felice nel 1994, perché anche lui ha trovato la sua vera controparte in una donna "qualcuno che aveva avuto un'infanzia restrittiva, non era impressionata dalla sua fama, aveva sperimentato cosa significasse vivere sotto i riflettori e non aveva bisogno di lui per i suoi soldi. Qualcuno che ha assolutamente capito il suo mondo e non aveva bisogno di niente da lui, ma solo del suo amore. " Lisa Marie Presley


Capitolo 18:
Spoiler:

Capitolo 18 - Amore, Scacchi e Destino

Percorsi di passaggio con Lisa Marie per lungo tempo. 1974 la prima volta che Jackson ha incontrato la figlia di Elvis. Lisa Marie ha partecipato a un concerto dei J5 ed era una loro fan. 1992 Brett Livingstone fa incontrare Michael e Lisa insieme per una cena. Amicizia. Telefonate tra loro e inizio della storia.

"Lei l'ha colpito con il suo carattere senza fronzoli, semplice, consigli rigidi. Con tante voci intorno a lui, era una rinfrescante cassa di risonanza. Non voleva più falsità, e quando la vide intorno a lui, i suoi sentimenti verso certe persone erano molto chiari. Questo tipo di franchezza ha sempre fatto parte del fratello. Non era una show-business che si dava arie, lei era femminile, bella e forte. Direi che l'attrazione era evidente. "

Matrimonio tranquillo. Nessuno della famiglia sapeva. Dopo la cerimonia Michael chiama Katherine e le dice che si è sposato. Katherine sembrava pensava a una ragazza nera. Jermaine vide solo scorci del matrimonio di Michael. Jermaine dice che non era "finto", come affermano i media. Hanno sempre voluto stare insieme. Janet e Rebbie parlavano con Lisa Marie che diceva di essere pazzamente innamorata. Ora Michael ha Lisa Marie nella sua vita, Jermaine cerca di comunicare meno con lui perché sapeva che Michael era a posto.

Affare ATV, la fusione con la Sony. "Con l'aiuto dell'avvocato John Branca, che aveva superato la strategia di Hollywood per garantire il suo futuro."

Attrito nel matrimonio di Michael. Telefonate tra Janet, Rebbie, Katherine. Jermaine non conosce i dettagli. Problemi: Michael al lavoro, sempre lontano, è un marito assente e Lisa Marie non lo vuole. Michael cura i nipoti del fratello - non era emotivamente più preso per Lisa. Scientology. Michael ha la sensazione che Lisa sta cercando di legarlo, non permettendo il suo processo creativo. Lisa non gli voleva dare figli. Si convinse che lei aveva rotto il patto che avevano fatto. Michael diventa freddo. Lisa ha esaurito la pazienza e prepara le carte del divorzio.

"La cosa più triste di tutta questa storia è che ci fosse un vero amore e amicizia tra di loro, ma tutto ciò che ha eclissato e segnato è stata la lotta di potere. Alla fine della giornata, si incontravano due persone con diversi temperamenti e diversi punti di vista, ma avevano sempre desiderato un compromesso che non è mai successo. "

Lisa cerca di vedere se c'è qualche via del ritorno. Michel costruisce alte mura.

Il logo di Neverland, il logo della DreamWorks. Michael credeva che faceva parte della Dreamworks, quando fu istituito. Jermaine non sa perché Michael non fosse una parte di Dreamworks. Storia di un incantesimo voodoo.

Debbie

"Quando un'ammiratrice materna bionda si offre per darti dei figli, era un'offerta di Dio "che non aveva intenzione di ignorare."

"Debbie Rowe non era estranea a Michael. E 'stata l'infermiera della clinica di Beverly Hills del suo dermatologo, il dottor Arnold Klein, che ha curato la vitiligine. Causa della intimità del suo trattamento, Michael sapeva che fosse affidabile e discreta. Quando ha sentito che Debbie era un'infermiera, sapeva che sarebbe stata morbida e dolce, sapeva che le mosche si catturano con lo zucchero e non con l'aceto.
Qualcuno era felice di realizzare i desideri di Michael.
Questa è stata l'occasione per lui, avere dei figli esclusivamente alle sue condizioni: con custodia al cento per cento e una madre pronta a rinunciare ai suoi diritti parentali. Guardando indietro, si capisce quanto sia stata importante la paternità per lui, non vedo quale altra volontaria sarebbe stata disposta a fare quella scelta?
Realizzare il suo sogno in un momento in cui era tra le macerie del suo matrimonio e già isolato dal mondo, senza sapere quando, o se, la sua prossima "compagna" ideale gli passasse accanto. Inoltre, era una procedura pratica radicata nell'amore di Michael per i bambini. Ho visto questa disposizione come una benedizione per la devozione per queste anime che sarebbero state accanto a lui".

Grace diventò la loro bambinaia. I media misero in discussione la sua paternità. L'idea della maschere è stata di Debbie contro il rapimento. Michael lo ha mantenuto anche in futuro per la privacy.

"Se qualcuno pensa che mio fratello era incapace di generare propri figli, nell'idea che avrebbe usato un donatore, sappiate che questo era il suo retaggio personale che contava per lui.
Penso che sia giusto dire che Debbie aveva un gene dominante (Prince aveva i capelli biondi, quasi bianchi quando era nato), ma quando guardo negli occhi di quel ragazzo o vedo il suo profilo dal lato, la sua somiglianza con Michael da ragazzo è evidente.
Ma, parlando del mito una volta per tutte, Michael ha trasmesso la sua vitiligine a Prince. La paternità di mio fratello è inconfutabile quando Prince si toglie la camicia. Quello che conta davvero, però, è che mio nipote e nipoti sappiano senza ombra di dubbio che Michael era il loro padre biologico e sono nati per amore . "

Chirurgia plastica. Jermaine non conosce l'entità ma, ovviamente, il suo aspetto è cambiato. Jermaine pensa che fosse a causa del dismorfismo corporeo. Jermaine accusa i medici che hanno permesso a Michel di andare troppo oltre. Non riusciva a parlare con Michael e dire basta, perchè era un argomento delicato. "La cosa più triste è che Michael non è mai stato felice con il suo aspetto finale."

Visita in India. Nelson Mandela. La Casa di Charlie Chaplin."Let’s Go To Mumbai City,” La canzone di Jermaine che aveva composto.



Ultima modifica di Giuspe il Mar Feb 19, 2013 2:11 pm, modificato 21 volte

Giuspe
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 5581
Data d'iscrizione : 22.03.10

Torna in alto Andare in basso


[LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes" - Pagina 7 Empty Re: [LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes"

Messaggio Da Giuspe il Lun Ott 31, 2011 11:43 am



MICHAEL JACKSON: LA BIOGRAFIA SCRITTA DAL FRATELLO ESCE IN ITALIA

[LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes" - Pagina 7 Jackson

Jermaine Jackson, 56 anni, quarto dei nove fratelli, prima di intraprendere la carriera solista è stato bassista dei Jackson Five. È stato lui, in una conferenza stampa, ad annunciare ai media la morte del fratello la sera del 25 giugno 2009 ed è stato lui a cantare fra le lacrime la canzone preferita di Michael, al suo funerale. Ed oggi è lui, attraverso un libro che uscirà a novembre in contemporanea internazionale, a provare a raccontare la verità di Michael. In Italia è pubblicato da Rizzoli e s’intitola You are not alone (Non sei solo) Michael.

Aneddoti e retroscena compongono l’ossatura della biografia del Re del pop vista con gli occhi del fratello che gli fu più vicino, quello che ha vissuto con lui la gloria e la caduta. Come quel processo per molestie su minori, che portò Michael nel 2005 a quella che lui definisce una vera e propria “disintegrazione” fisica e mentale. Laddove esteriormente manteneva la sua immagine forte “distaccato, inespressivo, quasi freddo”, ma internamente “le staffe bullonate che lo tenevano assieme scricchiolavano sotto la pressione, una per una”. E scrive: “La settimana scorsa, ho assistito alla sua disintegrazione fisica. A 46 anni, il suo corpo magro da ballerino è appassito in una struttura fragile. La sua camminata è diventata una dolorosa, incerta andatura, il suo bagliore è ridotto a quel sorriso forzato; è scarno, emaciato”.

Interessanti sono i racconti dell’infanzia di Michael, e che spiegano molto di quello che sarebbe diventato, nel bene e nel male. Dalla quarta di copertina: “A sette anni, il piccolo Michael si attaccava alla finestra per riempirsi gli occhi delle luci che il Natale portava nel quartiere. La rigida educazione imposta dal padre non prevedeva la presenza dell’albero in casa, tantomeno di regali. E neppure di un cagnolino per Michael, che così sfamava di nascosto un topo (avrebbe sempre amato moltissimo gli animali e Il libro della giungla sarebbe sempre stato una delle sue letture preferite). Per avere finalmente tutto ciò che da bambino gli era stato negato, e non per folle megalomania, una volta diventato il Re del pop, Michael avrebbe costruito il gigantesco parco divertimenti-zoo di Neverland”.


daringtodo.com

Giuspe
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 5581
Data d'iscrizione : 22.03.10

Torna in alto Andare in basso

[LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes" - Pagina 7 Empty Re: [LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes"

Messaggio Da silvia80 il Mar Nov 01, 2011 3:01 am

Dal 2 novembre però perchè io l'ho cercata oggi nelle librerie e non l'ho trovata

silvia80
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 825
Data d'iscrizione : 24.05.10

Torna in alto Andare in basso

[LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes" - Pagina 7 Empty Re: [LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes"

Messaggio Da silvia80 il Sab Nov 05, 2011 2:51 am

Io l'ho preso e ve lo consiglio.
A parte qualche analisi semplicistica su alcuni comportamenti di Michael ad esempio il distacco dalla famiglia che lui imputa al suo genio creativo (e noi invece sospettiamo che non sia così...), il suo stato d'animo dopo il processo ossia che secondo lui Michael è morto dentro dopo quell'esperienza ( sì era distrutto ma a me pare che abbia avuto dei momenti felici in Irlanda e vedo che ha passato l'ultimo Natale della sua vita felice con i suoi figli e si evince dalle foto di Carrie Fisher), e in ultimo sostiene di non essere mai stato geloso della fama di Michael. In parte è vero ma forse da bambino un pò sì ed anche negli anni 80 quando Thriller ha avuto un successo fenomenale per questo secondo me lui e MIchael litigavano spesso, Jermaine stesso ammette la sua natura competitiva con se stesso

silvia80
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 825
Data d'iscrizione : 24.05.10

Torna in alto Andare in basso

[LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes" - Pagina 7 Empty Re: [LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes"

Messaggio Da smelly jackson il Dom Nov 06, 2011 11:57 pm

Grazie, sto pensando di prenderlo anch'io... spero solo che sia il più possibile veritiero e che non abbia l'intento di cercare di pilotare il pensiero dei fans...
smelly jackson
smelly jackson
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 1810
Età : 47
Località : TRENTO
Data d'iscrizione : 02.12.10

Torna in alto Andare in basso

[LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes" - Pagina 7 Empty Re: [LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes"

Messaggio Da silvia80 il Lun Nov 07, 2011 12:19 am

Abbastanza veritiero ma non mi convince la presunta messa in scena della carrozzella 2008 (la foto scattata). Perchè Jermaine sostiene che era una messa in scena in previsione dei concerti del TII ma la foto risale a giugno 2008 quando i concerti erano lontani dalla sua mente e la lavorazione del presunto album sospesa.

silvia80
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 825
Data d'iscrizione : 24.05.10

Torna in alto Andare in basso

[LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes" - Pagina 7 Empty Re: [LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes"

Messaggio Da Giuspe il Gio Dic 01, 2011 12:47 pm

1/12/11

Jermaine: "Murray è colpevole ma non ha ucciso da solo"


A poche ore dalla sentenza che ha condannato il medico parla Jermaine, il fratello maggiore del re del pop. "Quattro anni di prigione sono pochi. Produrremo le prove e ci sarà un nuovo processo entro settembre

dal nostro inviato GIUSEPPE VIDETTI

CALABASAS (Los Angeles) - "Quattro anni di prigione? Troppo pochi. Ma anche se gli avessero dato l'ergastolo Michael non sarebbe qui oggi, questa è la realtà. Io dico che il dottor Murray è solo il dito di una mano che resta impunita. Ci sono altre persone coinvolte in questo che per me è "omicidio" tout court. Produrremo le evidenze e ci sarà un altro processo entro settembre". Jermaine Jackson, 57 anni, era in aula martedì quando il giudice Pastor ha comminato a Conrad Murray il massimo della pena: quattro anni di prigione per aver ucciso con un'eccessiva dose di Propofol Michael Jackson il 25 giugno 2009. È Halima Rashid, la terza moglie (afghana di Kabul) sposata dopo la conversione all'Islam, a rendere possibile poche ore dopo la sentenza un incontro con il fratello maggiore di Michael, ex bassista e cantante dei Jackson 5. Jermaine ha da poco pubblicato Michael (Ed. Rizzoli), che raccoglie le memorie all'ombra del re del pop. "Noi Jackson abbiamo tutti una voce femminile, che mostruosità quando si diceva che papà somministrasse ormoni a Michael per conservargli il registro alto".

Murray: un criminale o un professionista negligente?
"Entrambe le cose. E, lo ripeto, non ha agito da solo. Ci sono domande che restano senza risposta: perché hanno cancellato tutti i nastri delle telecamere di sorveglianza? Perché registrò la voce affaticata di mio fratello se non per farne in seguito un uso fraudolento, magari l'ennesima estorsione?".

Frank Cascio, ex personal manager, ha scritto un libro (Il mio amico Michael) in cui rivela che suo fratello faceva uso di Propofol dal 1999.
"Io so solo che Michael lo odiava al punto da non farlo entrare in casa. Altro che amico! Si rifiutò di testimoniare al processo pur sapendo che Michael non avrebbe mai sfiorato un bambino. E poi, anche se usava il Propofol, mio fratello non voleva morire ma solo dormire. Aveva firmato la sera prima un contratto per l'acquisto di una casa a Las Vegas, altro che suicidio".

Quando ha visto suo fratello per l'ultima volta?
"Un mese prima della morte. Era entusiasta e in buona salute. Quando l'ho rivisto nella camera mortuaria non credevo ai miei occhi, dimagrito di almeno dieci chili, sembrava anoressico. Gridai: 'Sei diventato il numero uno, ma quanto l'hai pagata cara!'. Cosa è successo in quelle settimane? In che modo i boss della Aeg (il team produttivo di This is it, ndr) hanno esasperato la sua tensione? Abbiamo prove che Michael si era rivolto a un altro dottore lamentando sensazioni di gelo in tutto il corpo. Come mai nessuno non informò la famiglia? Questi saranno i capitoli del prossimo processo. Le priorità erano il tour e lo show, le priorità l'hanno ucciso".

In che rapporto era con Michael nel periodo in cui è morto?
"Ottimo. Michael era il settimo di nove figli. Dormivamo uno sopra l'altro nella piccola casa di Gary, 11 persone in 50 metri quadri. Io sono nato nel 1954, all'epoca un genitore non era considerato violento se prendeva a cinghiate suo figlio, come Joseph faceva con noi quando eravamo indisciplinati. Michael ha cominciato a lavorare a 4 anni. Infanzia negata? Son cose che si dicono adesso, col senno di poi. Si metta nei panni di una famiglia afroamericana proletaria dell'Indiana alla fine degli anni 60, quando negli stati del Sud rifiutavano di far dormire i Jackson 5 negli alberghi dei bianchi. Michael era il più piccolo e dunque quel che più soffrì la disciplina che Joseph c'imponeva, ma da qui a sostenere che fosse un padre che abusava... Non ci andava leggero con le mani, ma ci ha inculcato sani principi. Come mia madre, fervente testimone di Geova. I media hanno lavorato senza sosta per spezzare l'unità della nostra famiglia, ma dove sono oggi i figli di Michael? Con la nonna. E giocano con i cugini".

Eppure quando viveva a Neverland, Michael teneva alla larga la famiglia. Più volte vi fu negato l'ingresso.
"Era manipolato. Costretto a fidarsi di chi aveva occhio solo per il business, e gli suggeriva di alimentare il gossip anziché stroncarlo. Cosa fai per trarre profitto da una persona ricca e fragile? La isoli dai suoi punti fermi".

Non pensa che la vulnerabilità di Michael sia cresciuta quando da superstar di una boyband è diventato un'icona internazionale?
"Eravamo tranquilli, era cresciuto alla Motown con Berry Gordy, il più scaltro discografico dell'epoca, sapeva quel che voleva e come orientare la carriera. Ma avevamo sottovalutato la sua solitudine".

Che era immensa...
"Michael viveva ossessivamente il fatto di non aver avuto un'infanzia normale, questo lo portò ad avere un senso di pietà e compassione nei confronti dei bambini poveri che diventò quasi patologico, e diede origine a quella che io chiamo 'la montagna di bugie'. Non voglio dimostrare che Michael fosse una persona 'normale', non è questo il punto. Nella sua mente, Neverland era il luogo ideale dove far crescere i suoi figli e dove molti altri bambini sfortunati potessero vivere momenti felici come in un libro di fiabe. È una bizzarria? Forse, ma Michael coltivava il bambino che aveva dentro, come coltivava la sua parte femminile. Da qui a bollarlo come pedofilo ce ne passa. Dopo giorni di agonia fu completamente scagionato da 14 capi d'imputazione. Si era trattato di vistosi casi di estorsione. Ma a quel punto era fiaccato, devastato, non sarebbe più stato lo stesso".

È vero che lei aveva studiato un piano per farlo riparare in Bahrein se le cose al processo si fossero messe male?
"Era tutto pronto, aereo e pilota. L'avrei rapito, preso in braccio come un bambino...".

Fu l'ossessione di restare bambino che gli impedì di avere una famiglia normale usando invece madri surrogate?
"Credo che mio fratello amasse davvero Lisa Marie Presley, il loro matrimonio sarebbe stato felice se avesse acconsentito a dargli dei figli. Ma lei non volle e la relazione naufragò".

Si è parecchio speculato sul fatto che non fosse lui il vero padre dei ragazzi.
"Sono in grado di smentire: Prince e Paris hanno segni di vitiligine. L'autopsia ha confermato che Michael non aveva fatto chissà quali cure per schiarirsi la pelle: aveva vitiligine su tutto il corpo. Con la chirurgia plastica di sicuro ci era andato pesante, ma chi può impedire a un uomo ricco e famoso di usare il denaro per cancellare quel che di sé non ama? Furono medici spregiudicati - come il dottor Murray - a consigliarlo. Ancora una volta: money, money, money!".

Ha rimpianti?
"Se qualcuno mi avesse chiamato quando non si sentiva bene mi sarei precipitato, il tour sarebbe stato cancellato e lui ricoverato in ospedale. E mi dispiace che non sia stato sepolto a Neverland, il posto al mondo che amava di più. Ma mia madre ha voluto diversamente, e io appartengo a una generazione che ai genitori non dice mai di no".

repubblica.it

Giuspe
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 5581
Data d'iscrizione : 22.03.10

Torna in alto Andare in basso

[LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes" - Pagina 7 Empty Re: [LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes"

Messaggio Da Sette di Nove il Gio Dic 01, 2011 12:56 pm

Grazie Giuspe....... Sad **
.......anche se pure Jermaine in quanto al discorso "money money money"!......però mi ha intristito......
Sette di Nove
Sette di Nove
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 1417
Età : 70
Località : Roma
Data d'iscrizione : 06.11.10

Torna in alto Andare in basso

[LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes" - Pagina 7 Empty Re: [LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes"

Messaggio Da lila il Gio Dic 01, 2011 4:56 pm

Io sto leggendo il libro di Jermaine. Ne ho letto un terzo circa perchè è un bel mattone. Finora lo trovo troppo bello! Ogni giorno non vedo l'ora di trovare un po' di tempo per leggere qualche pagina.
Aneddoti e ricordi affettuosi e sereni.
E la conferma di un Michael con una indole molto molto particolare e diversa dagli altri fratelli come sappiamo.
Certo tutto quanto già raccontato in Moonwalk, ma mentre lì è stringatissimo (si sa che Michael non svelava molto) qui è ben dettagliato. Certo avrà raccontato quello che ha voluto, ma ha raccontato tanto e sempre con grande affetto. E poi da sempre i panni sporchi si lavano in casa!
In fin dei conti è anche la sua storia. E' la sua famiglia, anche dopo che si sono separati.
Lo avrà fatto di sicuro anche per soldi, io dico sempre che non si campa d'aria e si attinge in quanto è nelle ns possibilità, ma credo che abbia voluto ristabilire un po' le cose e mai traspare altro se non affetto .
Vengono chiariti tanti dubbi.
Almeno finora mi piace molto.
lila
lila
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 5042
Età : 66
Località : toscana
Data d'iscrizione : 11.01.10

Torna in alto Andare in basso

[LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes" - Pagina 7 Empty Re: [LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes"

Messaggio Da MOMO il Gio Dic 01, 2011 5:07 pm

mah... io non mi sento di giudicare quella famiglia ma, sinceramente, fatico un po' a capire...
probabilmente siamo molto distanti da loro, sia fisicamente dato che ci divide l'oceano, che di mentalità, quindi difficile sapere con esattezza come vanno o sono andate le cose, però:
Jermaine, se non ricordo male, in un libro precedente scrisse ben altro;
Joe me lo ricordo bene quando nella Mexico Deposition fu codepositario nella causa contro Michel;
e adesso Katherine appare a XFactor USA, e mo' chi c'é alle sue spalle bello e sorridente?
niente pòpòdimeno cheee ...Branca! Credevo fossero in conflitto...

[LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes" - Pagina 7 Afi6mkuCMAAD0pt
MOMO
MOMO
BLOOD ON THE DANCE FLOOR
BLOOD ON THE DANCE FLOOR

Numero di messaggi : 613
Località : Verona
Data d'iscrizione : 16.09.10

Torna in alto Andare in basso

[LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes" - Pagina 7 Empty Re: [LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes"

Messaggio Da lila il Gio Dic 01, 2011 5:26 pm

Io non conosco molto le storie che tu dici Momo. Ho cominciato ad approfondire Michael solo dopo la sua morte.
Credo che la famiglia solo pace e gioia come si vorrebbe non esiste. Da nessuna parte. I conflitti ci sono eccome, e dappertutto.
Ieri sera un geometra mi raccontava di una famiglia qui del mio paese alle prese con i capelli davanti al notaio per dividersi quasi...nulla!
Figuriamoci quando ci sono una barca di soldi di mezzo se nascono i conflitti! e nel retro di copertina lui lo dice. Ancora non sono arrivata a questo punto però.

Poi c'è da dire che chi sa stare negli affare ha due modi di porsi. Quando difende gli affari lo fa con le unghie e coi denti e poi fuori da questo diventano persone amabili e con comportamenti diversi. Per me è difficile essere così e mal sopporto chi lo è. Joe era sicuramente uno di questi.
Se leggi il libro Momo comprendi come nè MJ nè i Jachson 5 sarebbero stati quello che sono stati senza Joseph. E Michael lo ha sempre detto. Naturalmente, tanto ha anche un grande rovescio. La pagnotta intera non esiste:un pezzetto manca sempre.
lila
lila
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 5042
Età : 66
Località : toscana
Data d'iscrizione : 11.01.10

Torna in alto Andare in basso

[LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes" - Pagina 7 Empty Re: [LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes"

Messaggio Da MOMO il Gio Dic 01, 2011 5:51 pm

...si Lila sono d'accordo con te, anche perché la nostra realtà é inserita in un contesto ben diverso da quello vissuto dai Jackson.
E non solo, MJ si é creato un contesto diverso da quello della sua famiglia.
Ed infatti, mi ripeto, é per questo che non li ho mai giudicati.
Ma nemmeno idealizzati.
Il mio post sopra esprime una riflessione scaturita non di per sé dal libro, nei confronti del quale non ho alcun preconcetto, ma dall'intervista che ha posto Giuspe...
e mi é venuto spontaneo risalire con la mente a tante cose, notandone evidenti contraddizioni...
MOMO
MOMO
BLOOD ON THE DANCE FLOOR
BLOOD ON THE DANCE FLOOR

Numero di messaggi : 613
Località : Verona
Data d'iscrizione : 16.09.10

Torna in alto Andare in basso

[LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes" - Pagina 7 Empty Re: [LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes"

Messaggio Da lila il Gio Dic 01, 2011 6:13 pm

Nemmeno io li idealizzo. Anzi a volte penso "caspita, ma questo cose succedono proprio in tutte le famiglie, hanno avuto gli stessi problemi di tutti, solo più rapportati ai loro patrimoni".
Quello che però ammiro è quel timor di Dio che la mamma ha loro inculcato. A me sembrano basi solide che hanno fatto loro da zaino per la vita. Anche se poi i figli da un certo punto sono responsabili di se stessi e volano da soli. E poi ci sono certi eventi che non sempre sono direzionabili.
Però c'è qualcosa di diverso. Nessuno ha perso la testa totalmente.
Katherine che dice che la disgrazia ha riunito la famiglia (perchè è questo che dovrebbe succedere nelle famiglie unite) le zie che si occupano dei nipoti, la nonna che fa da genitore. Te lo immagini fosse successo nella famiglia di Madonna?? fosse successo a Demi Moore? dove andavano i figli? lo star system è attraente per molti ma ha insidie considerevoli.
Questi si ritrovavano anche per i compleanni!!! Figurati.....
A me hanno sempre fanno un po' l'effetto di quelli della porta accanto! con i loro pregi e difetti.....
Io vedo un buon senso diverso. Quello che ha fatto dire a Carrie Fisher nel suo libro " I suoi figli sono belli, molto educati, equilibrati, e in sostanza non erano bambini viziati."
Ecco, questa costante di buon senso e impegno nel libro secondo me traspare in continuazione e viene dai genitori.
Io volevo dire questo.
lila
lila
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 5042
Età : 66
Località : toscana
Data d'iscrizione : 11.01.10

Torna in alto Andare in basso

[LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes" - Pagina 7 Empty Re: [LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes"

Messaggio Da lila il Sab Dic 03, 2011 5:08 pm

Scusate per il doppio post...
Qualcuno che ha letto il libro ha capito chi è la sig.ra che vedono dal buco del camerino a Londra?? Question o secondo voi non sottintende chi è?
lila
lila
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 5042
Età : 66
Località : toscana
Data d'iscrizione : 11.01.10

Torna in alto Andare in basso

[LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes" - Pagina 7 Empty Re: [LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes"

Messaggio Da silvia80 il Mar Dic 13, 2011 3:36 am

Però secondo me Frank e Jermaine non si sono mai potuti vedere, perchè anche Jermaine conferma tante cose sul loro rapporto da un punto di vista diverso. Quello che J non dice è che alla fine Michael si è chiarito con Frank. Forse sono stati molto protettivi con Michael vedevano loro stessi pericoli ovunque intorno a lui, tanto che se una persona gli faceva del male si trasformavano in tigri protettive.

silvia80
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 825
Data d'iscrizione : 24.05.10

Torna in alto Andare in basso

[LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes" - Pagina 7 Empty Re: [LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes"

Messaggio Da Naila il Mar Dic 13, 2011 9:45 am

Ho appena finito sia questolibro che quello di Cascio.
Entrambi belli.
Ma parlando fuori dai denti ho avuto la nettissima impressione che gli aneddoti sinceri di Jermaine si fermino al Victory tour.
Tutto il resto, ogni virgola, mi ha ricordato un po troppo articoletti, foto o filmati noti e stranoti visti su youtube in cui Jermaine non c'era, rimaneggiati, o peggio spesso usati come spunto x un bell'aneddoto inventato!

Vabbeh...... La prima parte é splendida!
Naila
Naila
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 3872
Età : 48
Data d'iscrizione : 25.11.09

Torna in alto Andare in basso

[LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes" - Pagina 7 Empty Re: [LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes"

Messaggio Da smelly jackson il Mar Dic 13, 2011 11:35 am

Spero di potermi prendere presto anche il libro di Jermaine...intanto lascio decantare quello di Frank appena letto...
smelly jackson
smelly jackson
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 1810
Età : 47
Località : TRENTO
Data d'iscrizione : 02.12.10

Torna in alto Andare in basso

[LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes" - Pagina 7 Empty Re: [LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes"

Messaggio Da MICHAELINMYHEART il Mer Dic 14, 2011 2:35 am

smelly jackson ha scritto:Spero di potermi prendere presto anche il libro di Jermaine...intanto lascio decantare quello di Frank appena letto...

faccio altrettanto ... c'e' proprio bisogno di farlo decantare !

Non che il suo libro mi ispiri chissà quale fiducia ... infatti mi sono presa l' altro!
Chissà , forse sbagliando, il fatto che Frank sia rimasto sempre nell' ombra me lo fa apparire piu' sincero.
Ma voglio dare a Jermaine il beneficio del dubbio ...
MICHAELINMYHEART
MICHAELINMYHEART
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 1728
Età : 45
Località : ANCONA
Data d'iscrizione : 19.10.11

Torna in alto Andare in basso

[LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes" - Pagina 7 Empty Re: [LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes"

Messaggio Da Giuspe il Mar Dic 20, 2011 11:26 am

20/12/11

COPERTINA DELL'EDIZIONE FRANCESE DEL LIBRO



[LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes" - Pagina 7 471952109

Fonte: Twitter - Jermaine Jackson

Giuspe
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 5581
Data d'iscrizione : 22.03.10

Torna in alto Andare in basso

[LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes" - Pagina 7 Empty Re: [LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes"

Messaggio Da Giuspe il Mer Dic 21, 2011 1:00 pm

Michael Jackson raccontato da Jermaine Jackson. Dietro il mito

[LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes" - Pagina 7 Libri-137-large

«Io conosco il bambino dietro la maschera della superstar, quello che abitava con me al 2300 di Jackson street a Gary, nell’Indiana. Siamo in sintonia dall’infanzia e la nostra intesa è sopravvissuta a tutto. Al sogno, ai Jackson 5, alla celebrità, al distacco, ai contrasti, alle sofferenze, agli scandali, alle pressioni insostenibili. Conosco il suo carattere e la sua mente come si può conoscere solo il sangue del tuo sangue». Parla al presente Jermaine Jackson. Come se Michael fosse ancora qui. Non è così, lo sa bene, ma lui, quel fratello tormentato, lo fa ora rivivere nelle pagine di un libro, Michael, la vita del re del pop vista attraverso gli occhi di suo fratello (edizioni Rcs), che rivela il lato nascosto della popstar, quello messo nella lente d’ingrandimento dalla parte dell’inner circle familiare. Un’operazione memoria per accendere un faro su una vicenda umana e artistica popolata di bugie, accuse, leggende metropolitane e scomode verità.
L’obiettivo di Jermaine è mettere punti fermi, raccontare una vita straordinaria in tutto il suo incredibile svolgimento. A cominciare dal sibilo sinistro della cinghia dell’inflessibile papà manager Joseph, ribattezzato in famiglia «l’uomo del rispetto».
«Quando si arrabbiava, gli bastava un’occhiata per rimetterci in riga. Sulla guancia aveva un neo grande come una moneta da 10 centesimi, e ancora adesso me lo rivedo davanti agli occhi: se perdeva davvero le staffe, tutta la sua faccia e il neo si corrugavano, come un cielo che si oscura prima della tempesta. Poi, arrivava il tuono: “Aspettami in camera tua”, seguito dal fulmine: la fitta incandescente della sua cintura di cuoio sulla pelle nuda. La punizione ordinaria era di 10 scudisciate. Le chiamavamo così, perché la cintura fischiava in aria come uno scudiscio. Io mi sgolavo a implorare l’intercessione di Dio, della mamma, chiedevo aiuto a chiunque mi venisse in mente, ma Joseph urlava più di me, ripetendo il motivo del castigo. Quando venivamo puniti, Michael sentiva le nostre urla, e quando andavamo a dormire vedeva i segni rossi che la cintura ci aveva impresso sulla pelle. Le une e gli altri gli misero in corpo la paura del castigo molto prima di sperimentarlo di persona. La disciplina di Joseph lo traumatizzò prima ancora di sfiorarlo».
Non mentiva dunque Jackson quando raccontava al mondo incredulo di un’infanzia e un’adolescenza all’insegna del terrore e del timore reverenziale per un padre padrone. Così come non mentiva quando tentava invano di convincere i media che non aveva mai fatto nulla per trasformarsi in un uomo bianco. Ma ormai le voci erano diventate certezze e, un giorno, durante una pausa del processo per molestie sessuali (verrà poi assolto da tutte le accuse), decide di fare chiarezza. Almeno con le persone che gli stanno vicino, racconta Jermaine.
«Michael si sbottona la giacca, non riesce a sfilare le maniche. La giacca gli cade dalle spalle, rimanendo incastrata sui gomiti e scoprendo il suo petto nudo. Sta singhiozzando. “Guardatemi! Eccomi qui. Sono la persona più incompresa del mondo”. Scoppia in un pianto dirotto. È in piedi davanti a noi, a testa bassa, come se si vergognasse. È la prima volta che vedo con i miei occhi la gravità della malattia che gli ha colpito la pelle, e resto scioccato. Lui è talmente riservato che finora aveva tenuto nascosto il suo corpo persino alla famiglia. Ha il torace marrone chiaro, con grandi chiazze bianche che si estendono su tutto il petto; una gli ricopre la cassa toracica e lo stomaco, un’altra gli scende sul fianco, altre ancora si allargano sulla spalla e intorno al bicipite. Il suo colore naturale è quasi sparito: sembra un bianco macchiato di caffè. Sono gli effetti della vitiligine».
Quella che racconta Jermaine è una vita senza normalità, sempre in bilico fra trionfi e discese agli inferi:
«Mi sono sempre domandato dove si nascondesse il limite di sopportazione di Michael, perché sapevo che il bambino di Gary che inveiva contro papà Joseph era da qualche parte dentro di lui. In fondo, aspettavo da sempre il momento in cui mio fratello avrebbe gridato e spaccato tutto». Quel momento arrivò: «Alle 8.30 del 18 novembre 2003 il procuratore Tom Sneddon (l’accusatore di Michael nel processo per molestie a minorenni, ndr) inviò la sua cavalleria a Neverland con un mandato di perquisizione volto all’arresto. Quando Michael sentì che c’erano circa 70 agenti al ranch, esplose. Nella sua suite d’albergo prese i piatti dal carrello del servizio in camera e li scagliò contro le pareti, colpì due lampade, buttò giù una scultura, rovesciò un tavolino e gettò all’aria ogni sorta di oggetto dai tavoli. “Perché? Mi arresteranno? Per cosa? Non possono farmi questo! Non ho fatto niente” ripeteva mentre camminava a grandi passi nella stanza».
Affrontò il lungo processo, con grande disciplina, ma un giorno, ricorda Jermaine,
«si stancò di tutte le regole e le formalità che avevano dominato la sua vita per quasi 5 mesi. Ero seduto dietro di lui quando alzò la mano titubante rivolto al giudice, come il bambino che in classe interrompe la lezione per fare una domanda, solo che Michael voleva gentilmente chiedere di potere andare in bagno. Il giudice non si accorse mai del suo gesto. Stanco di passare inosservato, visto che la sua vescica aveva raggiunto il limite, Michael si alzò silenziosamente, si voltò e mi diede un colpetto sulla spalla. Lo seguii fuori e, circondati dagli uomini della sicurezza, percorremmo il corridoio e salimmo le scale verso il bagno. Lasciammo una guardia alla porta, dopodiché entrammo e Michael orinò come un cavallo da corsa. “Non ci si crede” gridò. “Io cerco di richiamare la sua attenzione e lui mi ignora. Che cosa voleva che facessi? Che pisciassi in aula?”».
Venne assolto, provò a riprendersi il trono di re del pop accettando di tenere 50 concerti a Londra a partire da luglio 2009. Tutti i biglietti vennero venduti in 4 ore, ma durante le prove qualcosa non andò per il verso giusto.
«Aveva difficoltà a finire una canzone e qualche volta necessitava di un suggeritore per le parole. Inoltre aveva bisogno di aiuto per salire e scendere dalle rampe e dalle scale» ricorda Jermaine.
Un lento ma inesorabile declino che s’interruppe bruscamente il 25 giugno:
«Quando Michael tornò a casa dalle prove, si sforzò di dormire con il dottor Conrad Murray al suo fianco. Entro le successive 12 ore sarebbe morto».
Per quella fine Murray è stato riconosciuto colpevole di omicidio colposo e condannato a 4 anni di carcere per avere somministrato a Jackson una dose letale di un potentissimo anestetico, il Propofol. Caso chiuso, quindi? Non per Jermaine Jackson.
«Come famiglia, e per la pace della mente, vorremmo sapere chi altri entrò e lasciò la casa di Michael la notte della sua morte ma, anche se la polizia di Los Angeles indaga per omicidio, i suoi investigatori hanno deciso di considerare solo i 4 minuti di registrazione delle telecamere a circuito chiuso che mostrano il previsto arrivo del dottor Murray. A meno che le autorità non ci sorprendano, pare che ogni altra ripresa sia stata cancellata. Ci è difficile comprendere perché tali cruciali immagini possano essere state cancellate. La nostra unica speranza è che, alla fine, la giustizia non deluda Michael, come pare abbiano fatto tutti gli altri».

Fonte: BLOG Panorama.it

Giuspe
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 5581
Data d'iscrizione : 22.03.10

Torna in alto Andare in basso

[LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes" - Pagina 7 Empty Re: [LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes"

Messaggio Da lila il Mer Dic 21, 2011 4:36 pm

A me il libro di Jarmaine è piaciuto molto.
L'ho trovato dettagliato descrittivo e oserei dire anche umile e onesto da parte sua.
Di sicuro pieno di affetto.
Certo ci saranno stati attriti nel corso della vita come in qualsiasi altra famiglia e lui non se ne discolpa mai.
Tanti fatti si conoscevano, altri vengono chiariti.
Comprendo i Jacksons che lasciati soli si sentono persi dopo una vita in team e capisco Michael che ha avuto voglia di volare con piena ragione.
L'unica cosa che non ho capito è perchè non abbia chiesto aiuto alla sua famiglia quando si è sentito perso alla fine.
Io l'ho sempre visti come una famiglia (cosa rara in quel mondo). Con tutte i pregi e i difetti di tante famiglie. Ed è proprio così che Jermaine racconta.
lila
lila
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 5042
Età : 66
Località : toscana
Data d'iscrizione : 11.01.10

Torna in alto Andare in basso

[LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes" - Pagina 7 Empty Re: [LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes"

Messaggio Da onthefloorM il Dom Dic 25, 2011 3:35 am

non ha chiesto aiuto forse perchè erano poche le persone di cui si fidava nella sua famiglia,katherine janet e randy forse, ma gli altri non ispirano fiducia.
Poi se chiedeva aiuto magari avrebbero chiesto soldi non so,ma la famiglia jackson è molto malata di soldi e michael è la vittima preferita pultroppo
onthefloorM
onthefloorM
Victory Tour
Victory Tour

Numero di messaggi : 292
Età : 23
Località : Con te <3
Data d'iscrizione : 06.07.11

http://peterpan.forumattivo.it/

Torna in alto Andare in basso

[LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes" - Pagina 7 Empty Re: [LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes"

Messaggio Da lila il Dom Dic 25, 2011 8:51 pm

onthefloorM ha scritto:non ha chiesto aiuto forse perchè erano poche le persone di cui si fidava nella sua famiglia,katherine janet e randy forse, ma gli altri non ispirano fiducia.
Poi se chiedeva aiuto magari avrebbero chiesto soldi non so,ma la famiglia jackson è molto malata di soldi e michael è la vittima preferita pultroppo

No, non credo affatto che stia così. Michael amava la sua famiglia e viceversa, pur con gli screzi che si creano dentro qualsiasi famiglia.
Ho sempre pensato invece che volesse dimostrare di essere capace di fare da solo, che volesse far vedere che ce la faceva anche senza il loro aiuto. Il fatto è che in verità non ce la faceva. Infatti i buoni come lui mancano di quella scaltrezza che spesso salva. Gli scaltri sono maliziosi e non si fidano.
Lui era un buono, si fidava e lo raggiravano ben bene, parlo economicamente. Con lo scorrere degli anni lo hanno prosciugato. Se avesse avuto Joseph accanto non ce l'avrebbero fatta! Mai!...lui si sarebbe scocciato di brutto, ma credo che le sanguisughe l'avrebbero presa in tasca (scusate)!
Mentre sul lato talento non aveva rivali. E giustamente non doveva ascoltare nessuno.
Mi pare di capire che la sua famiglia sapendo bene quale fosse il suo tallone di Achille probabilmente glielo facesse notare e a lui desse fastidio. Così come ha sempre cercato di nascondere loro le sue dipendenze. In poche parole alla famiglia non si dicono le ns debolezze perché ci brontolano, anche se sono brontolate che colpiscono nel segno e a ragione. Non si vuole apparire deboli e perdenti. E si instaura un forma di braccio di ferro.
La storia che odiasse la sua famiglia è la storia che i fans amano raccontare come se a salvarlo da tutto fossero loro. Il fatto è che Michael era un uomo con le sue debolezze come tutti noi.
lila
lila
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 5042
Età : 66
Località : toscana
Data d'iscrizione : 11.01.10

Torna in alto Andare in basso

[LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes" - Pagina 7 Empty Re: [LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes"

Messaggio Da Giovanni il Lun Dic 26, 2011 2:04 am

Io davvero fatico a credere che avesse difficoltà a salire una rampa di scale quando poi in This Is It lo vediamo fare le sue coreografie. Per me è un mistero.

_________________
[LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes" - Pagina 7 2vj6csh
Giovanni
Giovanni
Admin & Founder
Admin & Founder

Numero di messaggi : 10734
Età : 31
Località : Napoli
Data d'iscrizione : 12.06.08

https://michaeljackson.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

[LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes" - Pagina 7 Empty Re: [LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes"

Messaggio Da onthefloorM il Lun Dic 26, 2011 3:20 am

è vero
onthefloorM
onthefloorM
Victory Tour
Victory Tour

Numero di messaggi : 292
Età : 23
Località : Con te <3
Data d'iscrizione : 06.07.11

http://peterpan.forumattivo.it/

Torna in alto Andare in basso

[LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes" - Pagina 7 Empty Re: [LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes"

Messaggio Da Giovanni il Mer Dic 28, 2011 1:16 am

Oggi ho iniziato a leggere questo libro, e devo dire che mi sta appassionando non poco. Scorre che è una meraviglia, sinora ne sono rimasto piacevolmente colpito.

_________________
[LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes" - Pagina 7 2vj6csh
Giovanni
Giovanni
Admin & Founder
Admin & Founder

Numero di messaggi : 10734
Età : 31
Località : Napoli
Data d'iscrizione : 12.06.08

https://michaeljackson.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

[LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes" - Pagina 7 Empty Re: [LIBRO] Jermaine Jackson "You are not alone: Michael: Through a Brother's Eyes"

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 7 di 9 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Seguente

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum