MJFA: MICHAEL JACKSON FORUM
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.

[8 NOVEMBRE] Oprah intervista Katherine, Joe e i figli di MJ

Pagina 9 di 9 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9

Andare in basso

[8 NOVEMBRE] Oprah intervista Katherine, Joe e i figli di MJ  - Pagina 9 Empty [8 NOVEMBRE] Oprah intervista Katherine, Joe e i figli di MJ

Messaggio Da Blum il Mar Nov 02, 2010 4:27 pm

Promemoria primo messaggio :

E' stato confermato che l'intervista a Katherine sulla morte di MJ, nello show di Oprah andrà in onda l'8 Novembre. All'intervista parteciperanno anche Joe, Prince, Paris e Blanket.

INTERVISTA COMPLETA:
Spoiler:
TRADUZIONE DELLA PRIMA PARTE DELL'INTERVISTA

Dal min. 0:38

OW: Grazie tante per avermi invitata a casa tua!

KJ: Prego, è un piacere…

OW: Sei bellissima in blu!

OW: Dunque, è questa la famosa Hayvenhurst?

KJ: Credo proprio di sì. Siamo qui da 40 anni…

OW: 40 anni in questa casa?

KJ: Sì

Nel 1949 Katherine, la figlia di un operaio metallurgico, sposò Joe Jackson in un paesino alle porte di Gary, Indiana. Per i 17 anni a venire allevarono 9 bambini in questa casetta di 4 camere con un solo bagno. Soldi ce n’erano pochi, ma tutto questo cambiò quando Marlon, Tito, Jackie, Jermaine e Michael divennero i Jackson Five. Questi principi del pop girarono il mondo e vendettero più di 250 milioni di album. Nel 1971 i Jacksons lasciarono le loro umili origini in Indiana e si trasferirono in questa proprietà ad Encino, in California, conosciuta come Hayvenhurst.

OW: Dunque, siamo sedute nella casa dove, 40 anni fa, hai portato la tua famiglia per creare questa vita del tutto nuova in California. Com’era la vita allora? Com’è stato trasferirsi in questa casa? Immagino che passare da quella casetta di 4 stanze a questo posto, deve esserti sembrato…un palazzo!

KJ: Infatti!

OW: Quali sono i ricordi più profondi che hai di Michael mentre cresceva in questa casa?

KJ: Lui e suo fratello Randy sono cresciuti insieme. Così uscivano ed andavano a provare, abbiamo anche uno studio qui…Scrissero…(sorride) “Dancing Machine.”

OW: Scrissero “Dancing Machine” qui?

KJ: Sì

OW: Quando siete arrivati in questa casa, eravate già alquanto famosi…Quell’era l’epoca in cui speravo diventassi mia suocera, lo sapevi? Perché ero innamorata di Jackie Jackson, era il mio Jackson preferito…

KJ: Mi fa ridere sta cosa…

OW: Ero solita guardare il cartone animato dei Jacksons ed ogni volta che vedevo i Jackson 5, pensavo, “Sposerò Jackie Jackson! Voglio sposare Jackie Jackson!” Beh, non è successo, ma ad ogni modo… Allora cosa desideravi per i tuoi figli e la tua famiglia?

KJ: Volevo semplicemente che diventassero dei bravi cittadini e dei buoni padri, cosa che in realtà sono, ognuno di loro…

OW: Hai scritto questo libro per lui, come un saluto, come un semplice omaggio, s’intitola “Never Can Say Goodbye”. Perché hai voluto farlo?

KJ: Ho voluto farlo per i suoi fans e per la gente che lo ha frainteso. Ho semplicemente raccontato storie su di lui…

OW: Pensi che (Michael) sia stato incompreso?

KJ: Sì

OW: Quando ho sfogliato questo libro composto di tante foto di famiglia, per molti di noi inedite, questa è l’immagine che mi ha colpito maggiormente, perché è così che io lo ricordo. Invece, tu come lo ricordi principalmente? Quando pensi a tuo figlio…Michael Jackson, è questo il ritratto che vedi nella tua mente?

KJ: Penso a mio figlio tutto il giorno, non mi piace parlare di lui perché non riesco, le emozioni mi soffocano…(si commuove) E’ buffo…Da quand’era un neonato tra le mie braccia, quando ho scelto il suo nome insieme a mia madre, fino a quando è cresciuto…è questo quello che mi ritorna in mente, ogni giorno…sì, è così…

OW: Ti ho fatto questa domanda in quanto, non avendo avuto personalmente dei figli, mi chiedevo se una madre serbasse nel cuore un’immagine specifica del proprio bambino…

KJ: Sì

OW: E si tratta del viso di quel ragazzino?

KJ: Sì e a volte durante il giorno, riesco a sentire la sua risata nella mia mente. Prendeva sempre in giro tutti, rideva sempre, si divertiva con i fratelli mentre provavano oppure si preparavano per partire, cose del genere, faceva sempre scherzi, era un…

OW: Burlone?

KJ: Già…

OW: Ricordo quando lo intervistai nel 1993, quando andammo in diretta internazionale ed ero così nervosa, l’unica cosa sulla quale avemmo delle divergenze fu che lui non voleva che mostrassi sue immagini da teenager…

KJ: Perché era iniziato a cambiare…

OW: Sì, perché era iniziato a cambiare e non si piaceva…

KJ: Da adolescente…

OW: Già, diceva, “Non voglio che le mostrate”, ed io, “Perché? Bisogna far vedere quelle immagini!” e lui, “Perché sono brutto!” Si vedeva brutto…

KJ: Già, mi sentii così male per lui quando attraversò quella fase…

OW: Ha mai condiviso con te questi problemi?

KJ: Sempre

OW: Cosa ti diceva?

KJ: Diceva, “Sono così brutto! Non voglio uscire” Per una madre tutti i suoi figli sono sempre belli…così, un giorno, decise. Si alzò e disse, “Vado a rifarmi il naso! E’ troppo grande!” Un giorno si decise, e se ne andò. E quando cercai di capire dov’era andato, scoprii che si era sottoposto ad una plastica al naso. Pensava che avrei cercato di dissuaderlo, così andò a rifarselo…

OW: Cosa ne pensavi?

KJ: Beh, se era quello che voleva, se ciò lo rendeva felice…Perché era così triste. Pensava di essere così brutto. Così lo fece.

OW: Dev’essere stato difficile per te, come madre…

KJ: Molto, molto difficile…

OW: Quando ha continuato a sottoporsi ad altri interventi, cambiando il suo aspetto, sentivi di potergli dire qualcosa in merito?

KJ: Ha subito tutte quelle operazioni al naso ma non ad altre parti del viso, eccetto che per la sua vitiligine. Diceva di non voler iniziare a sembrare una mucca chiazzata così si fece tutto, non so come fece, ma fece tutto, tranne le parti coperte dagli indumenti, quelle continuavano a cambiare, le gambe ecc.

OW: Erano macchiate?

KJ: Sì, ma riuscì a cambiare questa parte del corpo (indicando il torace) e le braccia. Non ho la più vaga idea di come fece a cambiare, ma lo fece.

OW: Ma per quanto concerne il suo aspetto, il pubblico l’ha visto letteralmente trasformarsi, a noi sembrava che continuasse a sottoporsi ad interventi ma, se non ricordo male, quando lo intervistai mi disse di averne subiti solo 2…

KJ: Ne ha subiti più di 2, era semplicemente imbarazzato…

OW: Si vergognava di dire quanti ne avesse subiti realmente?

KJ: Sì

OW: Ma quando ha continuato a cambiare il suo aspetto, a cambiarsi il naso, rendendolo sempre più piccolo, più piccolo…

KJ: Ad un certo punto era come uno stuzzicadenti…sì, pensavo fosse troppo piccolo…

OW: Sentivi di poter dire qualsiasi cosa ai tuoi figli, in particolar modo a lui, sentivi che se qualcosa non andava, come in questo caso il suo continuo cambiare d’aspetto, sentivi di potergli dire, “Michael, basta!”

KJ: Sì, ma…ho sentito dire che ci sono persone che sviluppano una dipendenza dalla chirurgia plastica e penso che sia ciò che è successo a lui…Perché gli avevo detto, “Basta! Perché continui?” ed ho finanche parlato con un suo chirurgo plastico, gli dissi, “Se viene da te con l’intento di operarsi al naso, digli di averlo fatto, fai la stessa cosa, ma non cambiarlo…Digli, “Ok, ho finito.”

OW: Quindi hai parlato con il suo chirurgo?

KJ: Sì

OW: Ma non ti hanno ascoltato?

KJ: No

OW: Sai, ho parlato con Lisa Marie Presley recentemente…e credo sia stata un’intervista bellissima, perché per la prima volta ho capito che lo ha davvero, davvero amato.

KJ: E’ così…

OW: Cosa pensavi di loro? Le dissi che nessuno di noi sapeva cosa pensare di quel matrimonio…Tu cos’hai pensato quando Michael ti disse di essersi sposato con Lisa Marie Presley?

KJ: Fu una sorpresa per me…mi chiamò dopo averla sposata, mi telefonò e mi disse, “Ora te la passo…”, me la passò e pensai, “Non è lei!” e lui, “Ti dico di sì!” Non sembrava lei, aveva un vocione, non ne ero al corrente, (bisbigliando) sembrava una ragazza di colore…

OW: (ridendo) “Sembrava una ragazza nera”, puoi anche dirlo ad alta voce…

KJ: OK…Dissi, “Quella non è Lisa Marie” e lui, “Sì, è lei, mamma.”

OW: L’avevi mai incontrata prima?

KJ: No, non avevo incontrato Lisa prima, l’avevo vista ma…

OW: Dunque, la sposò senza averla portata prima a casa di sua madre?

KJ: Sì

OW: Una delle cose che (Lisa) ha condiviso con me è che l’amore che Michael provava per te era incondizionato. Non c’era nulla che non avesse fatto per te. Anche tu eri consapevole di questo?

KJ: Sì, e tutti quelli che lo conoscevano mi dicevano la stessa cosa… anch’io lo sentivo ed anch’io lo amavo veramente…

OW: Era proprio un ragazzo che adorava la sua mamma!

KJ: (ridendo) Sì, devo ammetterlo

OW: E’ stato uno shock per te? Il 25 giugno?

KJ: O Dio…(commuovendosi) Sì…Il peggiore giorno della mia vita…

Il 25 Giugno 2009 viene fatta una telefonata al 911 da questa villa di L.A.
“Ho bisogno di un’ambulanza il prima possibile.”
All’interno, Michael Jackson è privo di sensi.
“Abbiamo un signore qui che ha bisogno di aiuto ed ha smesso di respirare. Non respira. E abbiamo bisogno, stiamo cercando di rianimarlo ma non, non…” “OK”
Secondo il rapporto del coroner, il sangue di Michael conteneva una concentrazione letale di Propofol, un potente anestetico generalmente somministrato solo in ambienti ospedalieri. Il Dr. Conrad Murray, forse l’ultima persona ad aver visto Michael vivo, tenta di praticargli un massaggio cardiaco.
O: “Qualcuno l’ha visitato?” C: “Sì, abbiamo un medico personale qui” O: “Ma qualcuno ha visto cos’è successo?” C: “Uh, no. Solo il dottore. Il dottore era l’unico presente.”
Troupe televisive scrutarono la scena.
“MJ. Fonti dichiarano sia stato trasportato urgentemente in ospedale…”

OW: Dove ti trovavi?

KJ: In mattinata ero andata a svolgere il “servizio pionieristico” e Joe mi chiamò…

OW: Servizio pionieristico?

KJ: Sono una Testimone di Geova

OW: Servizio pionieristico significa che vai porta a porta?

KJ: Sì, ma questo è successo prima…

OW: Lo fai ancora!?

KJ: Sì. Quando tornai a casa, ricevetti una telefonata, mi dissero di recarmi in ospedale. Ma nel frattempo, Joseph mi aveva già chiamato dicendomi di aver visto qualcuno lasciare la casa di Michael, in ambulanza, con il corpo tutto coperto…Ho pregato durante tutto il tragitto fino all’ospedale…Puoi immaginare come mi sentivo, il cuore mi è collassato. Così mi chiamarono dicendo: “Vieni all’ospedale, Michael è in ospedale.” Era già morto allora, ma non me lo dissero. Mi recai lì e mio nipote continuava a ripetermi, “Prega, zia K, prega che tutto sia ok!”

OW: In cuor tuo sapevi?

KJ:In un certo senso lo avvertii, ma speravo che non fosse così…

OW: E poi quando ti hanno detto, “Vieni all’ospedale, si tratta di Michael…”

KJ: Mi dissero che stava male, non mi dissero che era morto. Volevano che venissi in ospedale.”

OW: Quando sei arrivata in ospedale, chi te l’ha detto?

KJ: Hanno fatto in modo che me lo dicesse il dottore. Abbiamo atteso a lungo prima che venisse a dirmelo, suppongo che nemmeno lui volesse dirmelo. Ma fu il medico a dovercelo dire, il Dr. Murray.

OW: Te lo disse il Dr. Murray?

KJ: Tergiversava, si dilungava, fino a quando gli chiesi, “Allora, cos’è successo? Come sta? Ce l’ha fatta?” rispose, “No, se n’è andato.” E’ tutto quello che ricordo. Mi dispiace.

OW: No, dispiace a me, dispiace a me. Chi era con te?

KJ: Mio nipote, ecco chi era con me. I bambini erano lì, i suoi bambini, ma erano in un’altra stanza, non sapevo che si trovavano lì, così me li portarono e quello fu il momento peggiore…

OW: I suoi bambini…Prince, Paris e…

KJ: …il piccolo. Piangevano. Temevo che Paris stesse per svenire…Continuava a ripetere, “Papà, non ce la posso fare senza di te!”

TRADUZIONE DELLA SECONDA PARTE DELL'INTERVISTA

KJ: “Voglio andare via con te!” Mi sentivo così male per loro…

OW: Chi lo disse ai bambini?

KJ: Qualcuno glielo aveva già detto perché quando entrarono piangevano.

OW: Quindi, qualcuno glielo aveva detto…

KJ: Sì, qualcuno l’informò.

OW: Così Paris diceva, “Voglio stare con te”?

KJ: “Voglio andare via con te! Non voglio vivere senza di te…”

OW: E’ davvero molto, molto difficile…

KJ: E’ stato così triste…

OW: Poi hai cercato di mettere insieme i pezzi ed hai scoperto, all’epoca, che si trattava di una presunta overdose da farmaci. Ne sei rimasta scioccata?

KJ: Non scoprii questo, scoprii che si trattava di Propofol. Penso si trattasse di un’overdose di Propofol, un farmaco utilizzato durante gli interventi chirurgici per anestetizzarti…

OW: Già, è un anestetico…

KJ: Esattamente

OW: E’ stata quella la prima volta in cui hai sentito che assumeva…

KJ: Sì, la prima volta.

OW: Dunque, Sig.ra Jackson eri consapevole del fatto che assumesse farmaci? Per dormire oppure per sentirsi più equilibrato, affrontare la giornata…N’eri al corrente?

KJ: No, ma ricordi quando si ustionò la testa e dovette assumere quei farmaci? Ci è voluto molto tempo prima che capissi che n’era diventato dipendente.

OW: Quindi divenne farmaco-dipendente in seguito all’ustione della Pepsi, divenne dipendente da antidolorifici…

KJ: Già, esattamente

OW: Ma questo è stato molto tempo prima che scoprissi la sua dipendenza?

KJ: Sì

OW: Ora, quando Janet è stata ospite della mia trasmissione, disse che la famiglia aveva tentato d’intervenire con lui… Tu lo sapevi questo?

KJ: Sì, me lo dissero, furono i bambini a riferirmelo…

OW: …Che avevano cercato d’intervenire…

KJ: …che avevano tentato di prenderlo e portarlo in un centro di disintossicazione o qualcosa del genere, per cercare di purificarlo…

OW: Hai mai parlato con lui della sua “dipendenza”?

KJ: Gliene parlai una volta, quando lo scoprii, ma negò tutto.

OW: Te lo negò?

KJ: Sì. Gli dissi che non volevo apprendere, un giorno, che era morto per overdose perché mi avrebbe spezzato il cuore ed ucciso. Ma continuava a ripetere di non essere dipendente, diceva, “Madre, non mi credi?”, ripeteva, “Mia madre non mi crede.” Si dice che siano “in negazione” quando ti dicono così.

OW: C’era una parte di te che voleva credergli pur essendo consapevole della verità?

KJ: Beh, c’era una parte di me che voleva credergli, ma non gli ho creduto.

OW: Non gli hai creduto?

KJ: No, no.

Nel 2005 MJ affrontò un processo per esser stato accusato di aver molestato un ragazzo 13enne. Dopo 5 mesi Michael fu dichiarato non colpevole per tutti i capi d’accusa.

OW: Quello che credo fu più notevole fu che durante il processo del 2005 tu eri presente in quel tribunale ogni singolo giorno. Com’è stato per te?

KJ: Non fu difficile per me perché era il mio bambino ad essere processato e so che era innocente. La cosa più difficile era l’eventualità che la giuria lo mandasse in prigione, è stato così difficile. Ho pregato affinchè la verità venisse a galla. Pensavo, “Se solo sapessero la verità, potrebbe andarsene da quel tribunale.” Ed è quel che è successo. Ma, non riesco a parlare…Non riesco nemmeno a parlare di quell’orribile periodo perché fu davvero un periodo difficile per lui. Sento che per tutta la vita abbia dovuto passare cose simili e non facevano che mentire su di lui…

OW: Quindi, non hai mai pensato, nemmeno per un istante, che potesse essere colpevole di aver molestato un bambino?

KJ: No, non l’ho mai pensato perché so che non avrebbe mai potuto farlo. Amava i bambini, era sempre con loro e questo è stato l’unico modo in cui queste persone, quelli lì fuori che l’hanno fatto e sono ben consapevoli di chi sono, io non faccio nomi, ma loro sanno chi sono…Quello era l’unico modo per far credere alla gente che avesse fatto qualcosa perché era sempre in compagnia di quei bambini. Michael diceva sempre, “Madre, perché mi accusano per la cosa che amo di più? Mi taglierei le vene piuttosto che ferire un bambino.” Lo diceva sempre.

OW: Come stava in quel periodo? Riguardando i filmati di quell’epoca, ad un certo punto, quando entrava in tribunale, sembrava essere un po’ assente, forse assumeva farmaci, chi lo sa…Ricordi quel giorno in cui arrivò indossando quello che sembrava essere un pigiama?

KJ: Beh, arrivò in pigiama perché si era recato in ospedale in seguito ad una caduta avvenuta prima della pausa del giorno. Cadde, così dovette essere portato d’urgenza in ospedale, cosa che ci avrebbe fatto un po’ ritardare. Il giudice disse, “Se non vieni qui in un determinato tempo, ci terremo tutti i soldi della cauzione,” che se non ricordo male ammontava a 3 milioni di dollari. L’avrebbero tenuta tutta senza restituirgliela. Così l’avvocato chiamò e gli disse, “Vieni subito qui!” E’ per questo che giunse in pigiama così com’era uscito dall’ospedale.

OW: Il processo lo cambiò?

KJ: Sì

OW: Dimmi come…

KJ: Perché era solito fidarsi della gente, il suo problema era che si fidava troppo e dopo quel processo non si fidava più di nessuno.

OW: Davvero?

KJ: Mi diceva sempre, “Madre, non mi fido di nessuno. L’unica persona di cui mi fido sei tu.”

OW: Cos’è che vorresti dire al Dr. Conrad Murray?

KJ: Ci ho pensato, migliaia di volte…Cosa gli direi? Perché non si è preso cura del mio bambino? Perché ha lasciato la stanza e perché gli ha dato quella roba? Se era pericoloso, perché l’hai fatto?

OW: Pensi che abbia ucciso tuo figlio?

KJ: Non posso accusarlo di omicidio, non so se l’abbia fatto accidentalmente o intenzionalmente, non voglio addentrarmi n questo argomento. Ho le mie opinioni ma non voglio dirle.

Ecco gli ultimi aggiornamenti sul Dr. Murray. E’ accusato di omicidio colposo e si è dichiarato non colpevole. Tornerà in tribunale a gennaio. Qualora venisse incriminato, potrebbe scontare fino a 4 anni in galera.

OW: Tutti abbiamo sentito dire il proverbio: “Il tempo guarisce ogni ferita” E’ stato così per te nel caso della perdita di tuo figlio?

KJ: No, per niente, non credo che sarà così. Penso che non guarirò mai. Andrà meglio ma alcuni giorni è come se fosse appena successo.

OW: E’ stato così per te?

KJ: Sì. Ogni volta che parlo di Michael mi commuovo. Fa male, fa davvero male.

OW: Così ora stai crescendo i suoi figli?

KJ: Sì

OW: Quanto spesso vedevi i bambini? Li conoscevi bene?

KJ: Li conoscevo. Non posso dire che li conoscevo molto molto bene, ma li conoscevo abbastanza. Li andavo sempre a trovare, proprio come tutte le nonne…

OW: Cosa pensavi riguardo a come li cresceva? Tutto quello che il mondo sapeva su come stesse crescendo i suoi bambini, risaliva all’epoca in cui Blanket fu fatto penzolare dalla finestra e i bambini andavano in giro mascherati. Tu cosa pensavi delle maschere?

KJ: Non le approvavo, non gli dissi niente al riguardo, ma poi è stata la madre biologica a dirmi che era stata una sua idea, non di Michael.

OW: Davvero? Quella di coprirli?

KJ: Sì

OW: Presumo non lo approvassi perche non la ritenevi una cosa buona per lui o per loro…

KJ: Consideravo quello che la gente poteva pensare, so come la pensa, le cose brutte che potevano dirgli…

OW: Dimmi, se puoi, com’è stato, perché i bambini sono stati portati in questa casa immediatamente, la sera stessa in cui è morto, giusto?

KJ: Sì, immediatamente

OW: Dev’essere stato traumatico! Traumatico, perché tu dovevi fare i conti con il tuo ed il loro dolore, praticamente tutta la casa piangeva…Chi ti ha dato la forza di superare tutto questo?

KJ: Sai cosa mi spezzò il cuore più di ogni altra cosa a questo mondo? Quando le persone all’ospedale ci dissero, “Potete andare adesso” e Paris mi chiese, “Nonna, e noi dove andiamo?”…Mi spezzò il cuore…Risposi, “Venite a casa con nonna, non vuoi?” e lei, “Sì, è esattamente dove vogliamo andare…”Ma quando mi disse quella frase, Dio, è stato troppo!

OW: “Nonna, e noi dove andiamo?” Così li portasti a casa, dove con te abitavano già alcuni figli di Jermaine e di Randy….Come hai fatto a farli integrare? E’ successo naturalmente oppure…

KJ: No, è successo spontaneamente…Hanno legato subito, dal primo minuto che sono arrivati qui hanno legato, si sono divertiti tanto. I bambini hanno fatto tante cose che non avevano fatto prima, come andare in campeggio. Andammo a comprare delle tende in modo che potessero piantarle in giardino…Hanno fatto molte cose insieme e qualsiasi cosa volessero fare, all’epoca, l’ho fatta per loro perche il loro papà, tutto il loro mondo, se n’era andato, conoscevano solo Michael. Mi ha semplicemente spezzato il cuore…

OW: Sig.ra Jackson, penso sia incredibile che tu abbia questi bambini che sono letteralmente vissuti nel loro piccolo mondo di MJ…Sei stata tu a decidere che dovevano integrarsi in una scuola normale anziché continuare a venir istruiti a casa?

KJ: Sì, me ne hanno parlato, ne abbiamo parlato e ne abbiamo discusso con i bambini. Paris disse di non voler andarci, mentre Prince sì. Poi, dopo che Prince aveva deciso di voler andare, lei andò a visitare la scuola e se ne innamorò, così anche lei voleva andarci. Il più piccolo, che è Blanket diceva che non ci sarebbe mai andato ma, adesso che i bambini tornano e raccontano di essersi divertiti tanto con gli amici e gli amici vengono a casa, dice di volerci andare anche lui. Quindi, forse l’anno prossimo, andrà pure lui.

OW: Che classe dovrebbe frequentare l’anno prossimo?

KJ: Blanket? Blanket frequenterà la quarta l’anno prossimo.

OW: Pensi che sia pronto per andarci? Vuoi che vada?

KJ: Non penso che per lui sia ancora il momento di andare, perché è semplicemente timido, molto timido.

OW: Pensi che sia un bene per i bambini essere esposti al pubblico e non mascherati? Credi che sia un bene?

KJ: Sì e penso che anche loro lo apprezzano. Non me l’hanno mai detto, però…credo di sì.

OW: Come diresti che se la stanno cavando?

KJ: Molto bene, molto bene

OW: Parlano mai di quanto gli manchi il loro papà? Sono in grado di condividerlo con te o temono di rattristrarti troppo?

KJ: A volte. Dicono cose del tipo, “Papà farebbe questo, papà farebbe quello”, dicono sempre, “Così faceva papà!” Paris è molto emotiva e parla sempre di lui ma, è forte. Tutte le foto sulle pareti della sua stanza sono di Michael. Non capisco come faccia a guardarle in quel modo, senza piangere, io non ci riesco…

OW: Dunque, hai intitolato il libro “Never Can Say Goodbye-The Katherine Jackson Story”…Pensi a lui tutti i giorni?

KJ: Ogni giorno, non passa giorno, neanche un giorno. A volte cerco di scuotermi per non pensarci, ma non ci riesco…

OW: Lo pensi sempre con tristezza oppure…

KJ: A volte, lo penso con un sorriso…Ripenso alle cose che era solito fare quand’era bambino, ad alcune battute che era solito raccontare…ma è sempre nella mia mente.

OW: Pensi che stia con te?

KJ: Il suo ricordo…ed ho un sacco di bei ricordi, questa è una cosa che non potranno mai portarmi via…

TRADUZIONE DELLA TERZA ED ULTIMA PARTE DELL'INTERVISTA

OW: Sono davvero sorpresa di vederla qui Sig. Jackson perchè il mondo è convinto che voi due siate divorziati…

KJ: Non siamo divorziati!

OW: Non vi è stata alcuna richiesta di divorzio!?

KJ: No, mai

OW:Mai? Effettivamente sembrate molto amichevoli…

JJ: Non litighiamo

OW: Qual è la qualità della Sig.ra Jackson di cui va più fiero?

JJ: E’ una persona meravigliosa. Penso sia troppo disponibile, è proprio come Michael.

OW: cosa le manca di piu' di Michael?

JJ: Per me Michael non se n’è mai andato, non riesco a credere che se ne sia andato. Ogni volta che vado in qualche posto, al cinema o al ristorante, mettono la sua musica, è dappertutto…

OW: Non si scappa…

JJ: mi riporta alla mente ricordi. Ricordo le canzoni, ero presente a tutte le sessioni discografiche che abbia mai fatto…Riporta alla mente ricordi…

OW: pensa che (Michael) avesse paura di lei?

JJ: Non credo avesse paura di me, quello di cui aveva paura era di sbagliare e di essere castigato, non di essere picchiato, non l'ho mai picchiato come dicono, non è mai successo…

OW: Però, nell'intervista che gli feci nel 1993, lui mi disse che lei lo picchiava…

JJ: Sono fiero che sia stato cresciuto in un modo che lo ha fatto apprezzare in tutto il mondo. Poteva fare la fine di molti ragazzi di Gary che morivano, o facevano uso di tante droghe, oppure finivano in galera.

OW: Specifichiamo una cosa…Anch’ io sono stata picchiata da piccola, perché quella era la cultura, quello era il modo in cui venivamo cresciuti… Dunque, era questo il modo in cui anche lei cresceva i suoi figli?

JJ: Picchiare o frustare?

OW: E’ la stessa cosa quando ricevi cinghiate sulla schiena! Ok, allora hai un problema con la parola "picchiare”, giusto?

JJ: No, ho un problema con la parola “frustare”…

OW: (ridendo) Ok, allora cosa usavi per disciplinare i tuoi bambini?

KJ: Faresti meglio ad ammetterlo: questo è il modo in cui le persone di colore crescono i loro figli.

OW: Giusto. Ti sto semplicemente chiedendo…anzi, (rivolgendosi a Katherine) puoi rispondermi tu… Cosa utilizzava?

KJ: Usava la cinghia.

OW:La cinghia…

KJ: Sì

OW: Lascia che ti chieda questa cosa. Col senno del poi, saresti stato un padre diverso?

JJ: Lo punivo frustandolo con la cinghia per tenerlo alla larga dai guai, dal carcere. Mike non è mai stato in galera, di 9 figli, nessuno è mai stato in carcere.

OW: (applaudendo) E questo è stato un bene… Si pente di quelle cinghiate?

JJ: No, perché, grazie a quelle cinghiate, sono stati fuori dal carcere e son diventati dei bravi ragazzi.

OW: Quando vi accorgeste per la prima volta che Michael aveva qualcosa di speciale?

KJ: Quand’era molto piccolo. Avevamo una vecchia lavatrice sgangherata, hai presente, quella dotata di un agitatore…

(Oprah imita il rumore della lavatrice)

KJ: Ad ogni modo, essendo sgangherata faceva molto rumore quando lavava e lui non era che un bambino con il biberon in bocca, credo che avesse poco più di un anno, e se ne stava sul pavimento a ballare al ritmo della lavatrice.

OW: Wow!

KJ: Fu allora che pensammo, “Questo bambino è speciale!”

JJ: E avevamo ragione…

OW: Stanno arrivando tutti i ragazzi! Ciao. Presentatevi.
Prince Michael, ciao. Tu sei Paris, ciao. Io sono Oprah. Randy, Jafaar, piacere di conoscerti. Jermajesty?? Fammi lo spelling?

Jerm: J-E-R-M-A-J-E-S-T-Y

OW: Quindi cosa dovremmo fare in tua presenza? Un inchino? Jermajesty. Mi sento come se tu meritassi un inchino.Ciao Donte, Genevieve, piacere di conoscervi, ragazzi. Manca Blanket... Ciao Blanket! Sono Oprah, piacere di conoscerti. Ragazzi ci sediamo e parliamo un po'?

Jaafar: Perchè no?

OW: Forza, e' pieno di sedie. Allora... vivete tutti qui?

Ragazzi: Si'

OW: Parlatemi un po' di voi. Cosa vi piace fare?

PR: Video giochi e sport

OW: Videogames e sport…

KJ: Dille cosa ti piacerebbe fare da grande…

PR: Il produttore e regista cinematografico.

OW: OK.

(ridono)

OW: Così, vorresti produrre e dirigere films?

KJ: Paris e tu cosa vorresti diventare?

PA:Da grande, vorrei diventare un’ attrice.

OW: Stai studiando, quindi? Intendo, seriamente?

PA: Si', a volte ho fatto improvvisazione teatrale

OW: Davvero? Dove?

PA: Beh, lo facevo con mio padre.

OW: Scommetto che sei portata per le parodie, giusto?

PA: Sì

Donte: Le fa sempre!

(ridono)

OW: Avete tutti intenzione di seguire la tradizione di famiglia dei Jackson? Siete tutti nel mondo dello spettacolo?

Randy: Sì

OW: Anche tu?

Jaafar: Sì, canto.

OW: Canti? E tu cosa fai, Jermajesty?

Jerm: Canto

OW: Anche tu canti?

Gen: Anch’io canto.

OW: Allora cantate tutti!?

Randy: Canto e recitazione

OW: Canto e recitazione…

Randy: Frequento il primo anno al college

OW: Ragazzi, vi ricordate la prima volta che avete visto filmati della vostra famiglia nei panni dei Jackson 5? Come ad esempio all'Ed Sullivan Show?

Donte: Siamo cresciuti guardandoli

OW: Siete cresciuti guardandoli…

Donte: Sempre

OW: Quali sono state le vostre prime impressioni?

X: Credo che il mio primo ricordo risalga a quando avevo 3 anni

OW: Tu sei la figlia di?

X: Rebbie

OW: OK, quindi la tua prima impressione fu…

X: Il primo ricordo che ho riguardo ciò che questa famiglia fa, è un concerto, un tour…

OW: (con tono ironico) E’ stato allora che hai pensato: "La nostra famiglia non è come le altre, la nostra famiglia è leggermente diversa.” Siete cresciuti sentendovi normali o è forse questa la normalità per voi?

Gen: questa per noi è la normalità

OW: Quindi, quando andate a scuola tutti…

Randy: Sì. Di certo cambia la percezione che tutti hanno di noi…

OW: (rivolgendosi a Prince) Dunque, è il primo anno che frequentate una scuola normale?

PR: Sì

OW: E com’è stato?

PA: All’inizio, ero un po’ tesa, credo…

OW: Per cosa?

PA: Per tutto

OW: Per quello che avrebbero detto, ti chiedevi se ti saresti integrata…Come ti sei presentata alla classe? Sono stati loro a dire, "Oggi, abbiamo con noi un altra alunnoa"?

PA: No, hanno solo detto, "Chi è nuovo alzi la mano”, così tanti ragazzi hanno alzato la mano…

OW: Ti sarai sentita meglio, vero?

PA: Si'

O: Come hanno reagito gli altri ragazzi nei vostri confronti?

PA: Una mia amica ad esempio non sapeva chi fossi, l'ha scoperto solo in seguito…

OW: E poi cos’è successo? Cosa succede quando la gente capisce chi siete?

PA: Non le è importato…

OW: Ti ha fatto piacere questa cosa?

(Paris annuisce)

OW: Allora Blanket, tu invece ricevi ancora lezioni private a casa?

B: Si'

OW: dev’ essere stato difficile per voi che avete vissuto letteralmente una vita “velata.”C’è stato un tempo in cui eravate letteralmente dietro a un velo. Ve li ricordate quei tempi?

PR: Si'

OW: All’epoca, sapevate perchè portavate la maschera?

PR: Si'

OW: Perché?

PR: Perché così quando uscivamo senza nostro padre nessuno ci riconosceva.

PA: Ha cercato di crescerci senza farci capire chi fosse realmente…diciamo che non ci è riuscito un granchè…

OW:All’epoca, vi piaceva portare la maschera?

PA: Sì

OW: Capivi che era per…

PA: Non era sempre comodo portarla, ma sì capivo…

OW:…che era per proteggerti. Sì, era per proteggerti.

OW: Sai che tutti ti abbiamo sentita parlare al funerale e tutti ne siamo rimasti toccati…

Paris: “Papà è stato il miglior padre che possiate mai immaginare”

OW: Qual è il ricordo più caro che hai di tuo padre?

Paris: E’ una domanda molto difficile.

OW: Ti lascio pensare, mentre faccio a te la stessa domanda…

Prince: Quando eravamo in Bahrein e ci svegliavamo presto per camminare sulla spiaggia, bevendo una coca-cola e mangiando skittles o sneakers…

OW: Vi svegliavate e camminavate sulla spiaggia…

Prince: Sì

OW: E’ un bel ricordo

Paris: Direi semplicemente quando trascorrevo del tempo di “qualità” con lui, quand’eravamo solo io e lui…Ricordo quella volta che eravamo sul tetto della nostra casa a Las Vegas e guardavamo il Luxor e tutte le luci della città mangiando sneakers, bevemmo della gassosa…

OW: Che tipo di padre era? Era severo oppure vi lasciava fare quello che volevate?

Voce di Blanket fuori campo: Lui poteva fare quello che voleva…

(ridono)

OW: Lui poteva fare quello che voleva e tu no!? Cosa facevate quando trascorrevate insieme del tempo di qualità? Oltre che a mangiare Sneakers…

Paris: A volte mi portava ad un museo d’arte, in quanto entrambi amavamo l’arte…giocavamo a chiapparello, poi 4 anni fa ci regalò Kenya…

OW: Kenya il cane? Il labrador?

Paris: Kenya, vieni qui!

OW: Quando vivevi con tuo padre ti sembrava una situazione normale?

Paris: In un certo senso sentivo che nessuno si rendeva conto di quanto fosse un buon padre. Ad esempio posso dire che era il miglior cuoco di tutti!

OW: Un cuoco!? Davvero??

Paris: Sì, tutti esclamano, “Un cuoco!?”, come se ne fossero sorpresi…

OW: Certo che lo sono!

Paris: Era semplicemente un padre normale, se non il migliore…

OW: Beh, questa è una delle ragioni per cui ho voluto fare quest’intervista e sono molto felice del fatto che abbiate tutti parlato con me, perché penso che il mondo, di certo, non sa nulla di lui come padre e penso che anche quelle poche parole che hai detto al suo funerale abbiano concesso alla gente di dare una sbirciatina al tipo di padre che era. Sono ancora scioccata di aver scoperto che sapeva cucinare. Cosa cucinava?

Paris: Faceva i migliori toast francesi di questo mondo.

OW: Intendi quelli passati nell’uovo, giusto?

Paris: Sì. Preparava le migliori colazioni del mondo.

OW: Cucinava spesso per voi?

Paris: Sì

OW: Cosa ti manca di più?

Paris: Tutto

OW: Già, tutto. Grazie per aver parlato con me, ho apprezzato che abbiate condiviso questi ricordi.


Traduzione a cura di loyalfan79 per MJJForum. Si Ringrazia lisalovemj per aver contribuito alla traduzione della terza parte.

[8 NOVEMBRE] Oprah intervista Katherine, Joe e i figli di MJ  - Pagina 9 12181511

Articolo:
Spoiler:
Michael Jackson's mom to talk on 'Oprah' next week
(AP) – 15 hours ago

CHICAGO (AP) — Katherine Jackson will discuss the death of her son, pop superstar Michael Jackson, in an interview with Oprah Winfrey.

Harpo Productions said Monday that Winfrey's interview with Jackson's mother will air Nov. 8 on "The Oprah Winfrey Show." Jackson's father, Joe Jackson, and his three children will also appear during a backyard visit taped for the episode.

Winfrey and Katherine Jackson filmed the interview at the family's home in Encino, Calif. The Chicago-based production company says Katherine Jackson talks about the day her son died and reflects on his life as a childhood star.

Michael Jackson died unexpectedly in June 2009. He gave an interview to Winfrey in 1993 in which he first disclosed suffering from the skin condition vitiligo.

Fonte: Copyright © 2010 The Associated Press. All rights reserved; Mjj forum.it
Blum
Blum
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 3678
Età : 42
Data d'iscrizione : 19.08.09

Torna in alto Andare in basso


[8 NOVEMBRE] Oprah intervista Katherine, Joe e i figli di MJ  - Pagina 9 Empty Re: [8 NOVEMBRE] Oprah intervista Katherine, Joe e i figli di MJ

Messaggio Da Mena*MJ* il Ven Nov 12, 2010 1:55 pm

traduzione parte 2
Spoiler:
PARTE 2

K : Ero così in pena per loro.
O : Chi l'ha detto ai bambini? Qualcuno l'ha fatta.
K : Qualcuno gliel'ha detto perche quando sono arrivati stavano già piangendo.
O : E Paris diceva..?
K : Voglio andare via con te, non voglio vivere senza di te. Diceva tutte queste cose.
O : Molto, molto difficile.
K : Molto triste.
O : Poi ha provato mettere insieme i pezzi e ricostruire l'accaduto. Si parlava, allora, di un presunto overdose di farmaci. Era sotto shock sentendo tutto questo?
K : Non ho sentito nulla di farmaci, ma di propofol. Credo sia stata una overdose di propofol.
O : Si, overdose di propofol.
K : E usato nelle operazioni, per anestesiare i pazienti.
O : E un anestetico.
K : Esattamente.
O : E stata sorpresa, era la prima volta che sentiva che lui usava il propofol?
K : Si, la primissima volta.
O : Era a conoscenza del fatto che prendeva farmaci sotto prescrizione per aiutarsi a dormire, a sentirsi più equilibrato e ad arrivare a fine giornata? Era minimamente a conoscenza di questo?
K : No, ma ti ricordi quando ha subito ustioni allo scalpo e ha preso quei farmaci? Dopo molto tempo sono venuta a sapere che aveva sviluppato una dipendenza di questi farmaci.
O : Quindi era dipendente dopo l'incidente con Pepsi? Dipendente di analgesici.
K : Si.
O : E questo molto prima che lei arrivasse a saperlo?
K : Si.
O : Janet è stata lì da lui e ha dichiarato ch'è esistito un tentato intervento da parte della famiglia. Lo sapeva?
K : Si, me l'hanno detto loro. I bambini anche.
O : Che volevano implicarsi, intervenire e..
K : Semplicemente portarlo in un centro di riabilitazione e ripulirlo.
O : Non gli ha mai parlato di questa “dipendenza” sua?
K : Gli ho parlato una volta, quando l'ho saputo, ma lui lo negava.
O : Glielo ha negato.
K : Si. Gli ho detto che non vorrei sentire un giorno ch'è andato in overdose, perché mi avrebbe spezzato il cuore, avrebbe uccisa anche me. Però lui continuava a dirmi che non era [dipendente]. “Mamma, tu non mi credi. La mia propria mamma non mi crede!” Insisteva nel dirmi questo. Ho sentito però che sono in fase di negazione quando dicono questo.
O : C'era una parte di Lei che gli voleva credere, ma sapeva...?
K : Ebbene, c'era una parte di me che gli voleva credere, ma non l'ho creduto.

O : Cosa vorresti dire a Dr.Murray?
E a seguire, la mia visita nel giardino dietro casa,con i figli di Michael Jackson.

Nel 2005 Michael è stato processato, essendo accusato di molestie ai danni di un ragazzo di 13 anni. Dopo 5 mesi, Michael è stato assolto e giudicato “Innocente” su tutti i capi di accusazione.

3:55
O : Quello che credo sia notevole è che durante il processo del 2005 Lei era presente in quella aula di tribunale ogni singolo giorno. Come si è sentita Lei in questa situazione?
K : Non mi è stato affatto difficile essere lì ogni giorno per mio bambino che veniva processato e di cui sapevo fosse innocente. La cosa più dura è stata il capire se la giuria lo avessero creduto. Lo avrebbero mandato in prigione? Questo è stato terribilmente difficile. Pregavo per la verità. Mi dicevo : se solo avrebbero capito qual'è la verità, lui sarebbe fatto uscire subito e per sempre da quell'aula. Ed è successo. Non posso più parlare di questo.. non è terribile come non posso parlare di niente senza piangere? Sono stati dei tempi molto duri.
O : Si, dei tempi veramente duri.
K : Per lui e per la sua vita. Tutta la sua vita ha affrontare delle miserie del genere, ed erano tutte solo bugie.
O : Ha mai pensato, anche per solo un attimo, fosse esistita anche una sola possibilità che lui potesse essere colpevole di molestare un bambino?
K : No, non l'ho mai pensato, perché sapevo che non lo avrebbe fatto. Amava i bambini e siccome lui era sempre in mezzo a loro, questa era l'unico mezzo per questa gente - quelli la fuori che hanno messo sù tutto, loro sanno chi sono, non faccio dei nomi - di poter far pensare alla gente che lui abbia commesso queste cose. Perché lui era sempre circondato dai bambini. Lui mi diceva sempre : “Perché mi accusano di quello che amo di più? Piuttosto mi sloggerei il polso che fare del male ad un bambino.” Lo diceva sempre.
O : Lui come stava in quel periodo? Se riguardiamo le registrazioni di allora sembra che ad un certo punto sia entrato nell'aula in qualche modo fuori di se, forse prendeva dei farmaci? Chi lo sa. Si ricorda quel giorno quando è arrivato vestito di quello che sembrava il suo pigiama?
K : E arrivato in pigiama perche era andato all'ospedale. Era caduto, noi c'eravamo svegliati prima dell'alba, lui cade ed ha dovuto andare all'ospedale. Così facendo noi altri siamo arrivati un pò in ritardo e il giudice ci disse: se lui non arriva subito nell'aula, gli riteniamo la cauzione. Si trattava di circa 3 milioni di dollari e loro lo avrebbero ritenuta, non glielo avrebbero ridata. Quindi l'avvocato gli telefono e gli disse: vieni subito qui e lui venì vestito così com'era andato in quel ospedale, in pigiama.
O : Il processo l'ho ha cambiato?
K : Si che lo ha cambiato.
O : Come?
K : Si fidava della gente, il problema era che si fidava troppo. Però dopo quel processo non si fidava più di nessuno. Mi diceva sempre : “Mamma, non mi fido di nessuno fuor che di te.”

6:54
O a Joe : Si rimprovera quelle cinghiate ai suoi figli?
Seguono Joe, il padre di Michael e poi i suoi figli.
O ai figli : Cosa vi manca di più?

O : Che cosa, se mai, vorresti dire a dr.Murray?
K : C'ho pensato migliaia di volte su cosa gli avrei detta. Perche non hai avuto cura del mio bambino, perche sei uscito dalla stanza e s'era così pericoloso perche glielo hai somministrato?
O : Crede che Le ha ucciso il figlio?
K : Non lo posso accusare di uccisione[murder] , non so s'è stato intenzionale o accidentale. Non voglio addentrare nella questione, però mi sono fatta una mia idea, solo non la voglio divulgare.

Ecco le ultime notizie su dr.Murray. E accusato di omicidio involontario, si è dichiarato innocente e ritornerà in tribunale a gennaio. Se giudicato colpevole, potrebbe dover affrontare fino a 4 anni di prigione.

8:18
O : Tutti conosciamo il detto: “Il tempo guarisce tutte le ferite.” Si potrebbe applicare anche a Lei, per questa perdita del suo figlio?
K : No, per niente. Non credo proprio che succederà. Non credo che riuscirò mai a guarire. Migliorerà, ma in alcuni giorni è come se fosse appena accaduto.
O : E così ch'è andata per Lei?
K : Si. Ogni volta che mi capita di parlare di Michael, mi viene da piangere. Fa male, fa veramente male.
O : E ora sta crescendo i suoi figli?
K : Si.
O : Quanto spesso aveva visto i bambini? Li conosceva bene?
K : Li conoscevo, non posso dire di averli conosciuti veramente molto bene, ma solo abbastanza bene. Ci andavo sempre a trovarli, delle normalissime visite della nonna.
O : Cosa ne pensa del modo in cui li cresceva? Tutto quello che noi, tutto il resto del mondo, sapeva sul suo modo di crescerli era legato al momento in quale sporgete Blanket dalla finestra e ai momenti in cui abbiamo visto i bambini velati a passeggio. Qual'è la sua oppinione sui veli?
K : Non lo approvavo, ma poi non gli ho nemmeno detto niente al riguardo. Mi è stato detto dalla loro madre, la madre biologica, ch'era stata la sua idea e non di Michael.
O : Davvero? Di coprirli?
K : Si.
O : Presumo che se gli fai passeggiare velati questo non vada bene né per loro né per lui.
K : Oppure per quello che pensa la gente. So come la gente ti giudica, come diffondono dicerie.

10:00
O : Mi dica, se se la sente, come si è sentita Lei, visto che i bambini sono stati portati qui immediatamente dopo la sua morte, la sera stessa? Dev'essere stato veramente traumatico. Doveva vivere il suo personale lutto, i bambini dovevano vivere il loro, così che tutta la casa era in lutto. Che cos'è che le ha dato la forza di passare attraverso tutto questo?
K : Sai, quello che mi ha addolorata più di qualsiasi altra cosa al mondo è stato quando il personale dell'ospedale ci ha detto : “Ora potete andare via” e Paris mi disse: “Nonna, noi dove andiamo?”. Questo mi ha proprio spezzato il cuore. Le ho detto: andate a casa, dalla nonna. Non è questo quello che volete fare? E lei mi rispose: “Si, è lì che vogliamo andare”.
O : Li ha portato a casa con Lei, dove alcuni dei figli di Jermaine e Randy ci vivevano già. Com'è riuscita a farli integrare oppure è semplicemente andato tutto da se?
K : E andato da se. Hanno subito legato tutti quanti, il momento stesso che sono arrivati. Si divertivano molto, volevano fare molte cose che loro non avevano provato prima, come ad esempio quello che per loro era “andare in campeggio”. Abbiamo comprato un paio di tende e loro hanno campeggiato nel cortile. Hanno fatto molte cose insieme. Li ho assecondato in tutto quello che volevano fare in quel periodo. Il loro padre, il loro intero mondo era svanito; loro conoscevano solo Michael, il mio e il loro intero mondo erano polverizzati. Mi si stringeva il cuore.
O : Sig.ra Jackson, credo che sia veramente incredibile che dati questi bambini, loro avevano visuto letteralmente nel mondo di Michael Jackson. Di conseguenza è stata Lei quella che ha deciso che debbano essere integrati in un sistema scolastico comune e non più educati a casa?
K : Si, si è discusso questo, abbiamo parlato tra di noi e poi con i bambini. Paris mi aveva detto di non voler andare in una scuola, Prince invece era quello che voleva. Dopo che Prince ha deciso di andare, anche lei ha voluto vedere la scuola, decidendosi pure lei per la scuola fuori casa. Il più piccolo, Blanket, ci ha detto che lui non ci andrà mai, però adesso che gli altri tornano da scuola e raccontano quanto sia bello e hanno degli amici che vengono a trovarli, ora vuole provarci anche lui; forse l'anno prossimo ci andrà pure lui.
O : Che classe farà l'anno prossimo?
K : Blanket farà la 4-a l'anno prossimo.
O : Crede che sia venuto il tempo per lui di andare a scuola? Lei vuole mandarlo?
K : Non credo sia arrivato già il suo momento, perche è ancora timido, tanto timido.
O : Crede sia un bene per i bambini entrare nella società e non portare più il velo?
K : Si e credo che anche loro lo apprezzano, pur non avendomelo mai detto.
O : Secondo Lei, come si stanno adattando?
K : Molto, molto bene.
O : Parlano della mancanza del padre? Riescono a condividere questo con Lei oppure temono di renderla troppo triste?
K : A volte sì. Quello che dicono è “Papà avrebbe fatto questo o quello”, e sempre : “E così che faceva papà.” Paris e molto emotiva e parlava di lui tutto il tempo, ma è lei la più forte. Tutti i manifesti sui muri di stanza sua sono di Michael. Non capisco come riesce a gaurdarlo senza piangere. Io non ci riesco.

14:00
O : Ha intitolato il suo libro “Never Can Say Goodbye. Il racconto di Katherine Jackson”. Pensa a lui ogni giorno?
K : Ogni singolo giorno, senza eccezione, nemmeno una. A volte dico a me stessa di oddiarmi per pensare continuamente a lui, ma so ch'è fuori dal mio controllo.
O : Questi suoi pensieri sono sempre tristi oppure è capace a volte anche di...
K : A volte sono accompagnati da un sorriso. Penso a quello che usava fare, a com'era da piccolo, alle barzellette che era solito a dire, ma..Sarà per sempre nella mia mente.
O : Sente la sua presenza ?
K : Il suo ricordo è con me e ne ho tanti bei ricordi. Sono queste le cose che non ti possono essere mai portate via.
Mena*MJ*
Mena*MJ*
Greatest Entertainer of All Time
Greatest Entertainer of All Time

Numero di messaggi : 15868
Età : 29
Località : Napoli
Data d'iscrizione : 28.02.10

Torna in alto Andare in basso

[8 NOVEMBRE] Oprah intervista Katherine, Joe e i figli di MJ  - Pagina 9 Empty Re: [8 NOVEMBRE] Oprah intervista Katherine, Joe e i figli di MJ

Messaggio Da Giovanni il Ven Nov 12, 2010 2:39 pm

L'intervista completa è leggibile al primo post Wink

Edit: dopo aver letto quest'intervista mi è quasi scappata la lacrimuccia, non oso immaginare lo STRAZIO del genitore che perde un figlio e del figlio che perde l'unico genitore che ha ... dev'essere qualcosa che non è possibile comprendere per chi non ci è passato. Onore a lei e ai figli, davvero Wink

_________________
[8 NOVEMBRE] Oprah intervista Katherine, Joe e i figli di MJ  - Pagina 9 2vj6csh
Giovanni
Giovanni
Admin & Founder
Admin & Founder

Numero di messaggi : 10734
Età : 31
Località : Napoli
Data d'iscrizione : 12.06.08

https://michaeljackson.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

[8 NOVEMBRE] Oprah intervista Katherine, Joe e i figli di MJ  - Pagina 9 Empty Re: [8 NOVEMBRE] Oprah intervista Katherine, Joe e i figli di MJ

Messaggio Da angi25 il Sab Nov 13, 2010 1:51 am

MJ non voleva andare più in tour già dal 1988!
Malgrado il Bad Tour fosse risultato un enorme successo,sembra che non avesse più voglia di fare spettacolo a quelle condizioni..amava esibirsi,ma era molto pesante in quei termini..un giorno disse:''..a me non piacciono i tour''..tra le molteplici difficoltà che questo comportava e le diverse problematiche fisiche che lamentava,per Michael,era un vero e proprio ''hell''!Tornare oggi era solo l'obbligo di chi non poteva dire più di no!!!!!Era arrivato il tempo,senza più rimandare,di riprendersi dal collasso finanziario. Questi concerti servivano a segnare il suo ritorno,dando così vita ad altre iniziative già discusse e concordate.
Erano già pronti progetti che si sarebbero dovuti sviluppare al termine degli spettacoli,i quali misteriosamente aumentavano di numero col passare dei giorni. Queste iniziative avrebbero garantito buone entrate al patrimonio e non solo per risanare i debiti,ma soprattutto per riprendere in mano ciò che stava perdendo per sempre e assicurarsi un futuro senza più difficoltà economiche...tutto ciò significava solo risalire e rimanere sulla cresta dell'onda,prima che fosse troppo tardi,al di là di quanto potesse risultare difficile o del prezzo che avrebbe dovuto pagare...
Ho visto l'intervista e letto le traduzioni..ho un grande e profondo rispetto per il dolore di mamma Jackson,ma in questa intervista ci sono state alcune cose che non mi sono piaciute molto...
Sono dolcissimi e tenerissimi i bambini,sembra che reagiscano al lutto anche se traspare il loro dolore..mi chiedo se perdoneranno tutto il male,se capiranno tanto accanimento...le tante cose cattive fatte e dette che hanno contribuito a distruggere la loro famiglia..è così difficile riuscire a resistere in mezzo a tutti gli squali e gli avvoltoi che li circondano,purtroppo tutto questo li accompagnerà per il resto della loro vita...
angi25
angi25
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 1483
Data d'iscrizione : 13.10.10

Torna in alto Andare in basso

[8 NOVEMBRE] Oprah intervista Katherine, Joe e i figli di MJ  - Pagina 9 Empty Re: [8 NOVEMBRE] Oprah intervista Katherine, Joe e i figli di MJ

Messaggio Da Mena*MJ* il Sab Nov 13, 2010 12:08 pm

Giovanni ha scritto:L'intervista completa è leggibile al primo post Wink

Edit: dopo aver letto quest'intervista mi è quasi scappata la lacrimuccia, non oso immaginare lo STRAZIO del genitore che perde un figlio e del figlio che perde l'unico genitore che ha ... dev'essere qualcosa che non è possibile comprendere per chi non ci è passato. Onore a lei e ai figli, davvero Wink

quoto quoto Sad
Mena*MJ*
Mena*MJ*
Greatest Entertainer of All Time
Greatest Entertainer of All Time

Numero di messaggi : 15868
Età : 29
Località : Napoli
Data d'iscrizione : 28.02.10

Torna in alto Andare in basso

[8 NOVEMBRE] Oprah intervista Katherine, Joe e i figli di MJ  - Pagina 9 Empty Re: [8 NOVEMBRE] Oprah intervista Katherine, Joe e i figli di MJ

Messaggio Da MJJ4ever il Sab Nov 13, 2010 12:42 pm

angi25 ha scritto:MJ non voleva andare più in tour già dal 1988!
Malgrado il Bad Tour fosse risultato un enorme successo,sembra che non avesse più voglia di fare spettacolo a quelle condizioni..amava esibirsi,ma era molto pesante in quei termini..un giorno disse:''..a me non piacciono i tour''..tra le molteplici difficoltà che questo comportava e le diverse problematiche fisiche che lamentava,per Michael,era un vero e proprio ''hell''!Tornare oggi era solo l'obbligo di chi non poteva dire più di no!!!!!Era arrivato il tempo,senza più rimandare,di riprendersi dal collasso finanziario. Questi concerti servivano a segnare il suo ritorno,dando così vita ad altre iniziative già discusse e concordate.
Erano già pronti progetti che si sarebbero dovuti sviluppare al termine degli spettacoli,i quali misteriosamente aumentavano di numero col passare dei giorni. Queste iniziative avrebbero garantito buone entrate al patrimonio e non solo per risanare i debiti,ma soprattutto per riprendere in mano ciò che stava perdendo per sempre e assicurarsi un futuro senza più difficoltà economiche...tutto ciò significava solo risalire e rimanere sulla cresta dell'onda,prima che fosse troppo tardi,al di là di quanto potesse risultare difficile o del prezzo che avrebbe dovuto pagare...
Ho visto l'intervista e letto le traduzioni..ho un grande e profondo rispetto per il dolore di mamma Jackson,ma in questa intervista ci sono state alcune cose che non mi sono piaciute molto...
Sono dolcissimi e tenerissimi i bambini,sembra che reagiscano al lutto anche se traspare il loro dolore..mi chiedo se perdoneranno tutto il male,se capiranno tanto accanimento...le tante cose cattive fatte e dette che hanno contribuito a distruggere la loro famiglia..è così difficile riuscire a resistere in mezzo a tutti gli squali e gli avvoltoi che li circondano,purtroppo tutto questo li accompagnerà per il resto della loro vita...

quoto Sad
MJJ4ever
MJJ4ever
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 2635
Età : 27
Località : Canosa di Puglia
Data d'iscrizione : 31.03.10

Torna in alto Andare in basso

[8 NOVEMBRE] Oprah intervista Katherine, Joe e i figli di MJ  - Pagina 9 Empty Re: [8 NOVEMBRE] Oprah intervista Katherine, Joe e i figli di MJ

Messaggio Da TheLostChildren il Sab Nov 13, 2010 1:51 pm

qui ci sono i video dell'intervista completa sottotitolati in italiano che si cominciano a trovare in rete...
https://michaeljackson.forumattivo.com/mj-video-f17/oprah-intervista-katherine-sottotitoli-in-italiano-t10461.htm
TheLostChildren
TheLostChildren
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 5786
Età : 40
Località : neverland
Data d'iscrizione : 01.01.10

Torna in alto Andare in basso

[8 NOVEMBRE] Oprah intervista Katherine, Joe e i figli di MJ  - Pagina 9 Empty Re: [8 NOVEMBRE] Oprah intervista Katherine, Joe e i figli di MJ

Messaggio Da Marina il Sab Nov 13, 2010 2:35 pm

Leggere l'itervista è stato veramente forte emotivamente, non riuscivo a trattenere le lacrime e non riuscivo ad arrivare alla fine. Credo comunque che abbiano fatto bene, anche a rendere partecipi i bambini, perchè hanno veramente, ancora una volta fatto capire, che persona straordinaria e papà meraviglioso fosse Michael Jackson. E poi l'aver affrontato il mondo, così carico di cose negative su di lui, è stato per loro come un grido di liberazione, e sicuro gli ha fatto bene poter dire a parole loro tutto ciò che è chiuso dentro i loro pensieri, ora hanno esternato al mondo intero e traspare tutto l'amore che gli è stato donato e in più la determinazione in particolar modo di Paris, è davvero una donnina, profonda e tenera. Speriamo continuino ad affrontare la vita con questa determinazione e serenità. Sembrano davvero sereni. Che tristezza il punto in cui la nonna dice che i bambini hanno detto: e noi dove andiamo? Deve essere stato un momento terrificante di piena consapevolezza del fatto che erano rimasti soli!!! Che sconforto. Anche per la nonna credo proprio sia stato brutto, anzi aggiungerei doppiamente brutto sia da nonna che da mamma.
Marina
Marina
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 1463
Età : 52
Località : Roma
Data d'iscrizione : 19.12.09

Torna in alto Andare in basso

[8 NOVEMBRE] Oprah intervista Katherine, Joe e i figli di MJ  - Pagina 9 Empty Re: [8 NOVEMBRE] Oprah intervista Katherine, Joe e i figli di MJ

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 9 di 9 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.