MJFA: MICHAEL JACKSON FORUM
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.

Neverland nelle foto di Jonathan Haeber

Andare in basso

Neverland nelle foto di Jonathan Haeber Empty Neverland nelle foto di Jonathan Haeber

Messaggio Da MOMO il Gio Dic 29, 2011 7:22 pm

Neverland nelle foto di Jonathan Haeber Neverland-ranch-train-station-lf

By Jonathan Haeber

Volevo fare questo post, non per saltare semplicemente sul carro dei media che si sfogano su Michael Jackson.
Non sono qui per giudicare la sua vita o parlare delle sue finanze, o il suo passato turbolento, o le accuse, o di Bubbles.
Sto scrivendo questo, semplicemente per raccontare una storia.
E' una storia che davvero no avevo voglia di dire prima.
Ora che Michael "Ranch" non esiste più - e cavalca smantellato - e si distingue semplicemente come una proprietà ombra di se stessa, volevo dire alcune cose sulla mia esperienza a Neverland, e la verità su come ho avuto modo di ottenerla.

Per certi versi, sento che questa è una sorta di confessione.
Non ho mai visto Neverland come un luogo interessante.
In un primo momento, non ho capito le sue potenzialità per raccontare una storia fotografica.
Come qualcuno che trova significato nell'architettura storica, io non ho visto Neverland come significativa, né storica.
Ma tutto questo è cambiato.

Nel dicembre del 2007, ero verso Ventura per le vacanze. Avevo già avuto viaggi lungo la 101.
Ed in ogni viaggio che ho fatto mi fermavo lungo la strada per fotografare di notte.
Come sempre ogni anno a dicembre, poco prima di Natale, le radio martellano ripetitivamente con vecchie canzonette natalizie. Di solito, le sei ore di macchina sono sopportabili se si passa da una stazione all'altra, tra spot pubblicitari. Per questa particolarità ho cominciato a stancarmi di quella musica.
Non sono esattamente sicuro perché Michael mi è venuto in mente. In parte, probabilmente, aveva a che fare con la mia abitudine al silenzio ed all'immaginare la musica nella mia testa in quei momenti. E' anche possibile che passata la rampa per Los Olivos ho pensato al luogo, e poi ci ho ripensato meglio sempre di più. Qualunque cosa fosse, l'idea di quella Neverland abbandonata ha cominciato a rotolarsi nella mia mente. La radio era spenta, e ho iniziato mentalmente a girare sui fatti del processo. Che significato ha la Neverland di Michael? Poi maggiormente incombeva: perché non potrebbe esserci una Neverland "storica" nella mia mente?

Devo ammettere, sono miope dal quel punto di vista, come la maggior parte degli storici - amatoriali o meno - che la storia debba essere sempre identificata con quella vecchia. Ecco perché per me Graceland é "storia", ma Neverland non lo sarebbe mai stata - almeno non fino a quando non sarebbe più esistita. Le ore passavano, e il desiderio di vedere l'interno di Neverland cresceva più forte. Avevo sostanzialmente esaurito tutte le altre possibilità fotografiche lungo la 101, e sapevo che questa opportunità non sarebbe durata a lungo. Poi, un giorno prima di iniziare il viaggio di ritorno a San Francisco, sono uscito per trovare quel teatro che sembrava neve che cadeva su di me. Ho subito capito che erano grossi fiocchi di cenere per un incendio nelle vicinanze. Il cielo era scuro e arancio. E' stato un segnale di lugubre presagio, o almeno questo è quello che ho pensato fosse. Avevo bisogno di fotografare Neverland, oppure -e ho avuto una sensazione forte- sarebbe andato tutto in cenere senza adeguata documentazione.

Una volta deciso, nulla mi avrebbe convinto del contrario.
Eppure, ho pensato più di una volta di rinunciarvi del tutto e di continuare a guidare verso Nord.
Ho cercato di convincermi che avevo trasgredito molte volte in altri luoghi - ma le implicazioni non mi avevano mai veramente dato fastidio fino a quando non avevo ritenuto di camminare nel parco privato di Michael.
Mentre scrivo questo cerco ancora di giustificare le mie azioni, pensando a quanto veramente Michael voleva condividere il suo mondo.
Il suo é stato un desiderio genuino di far capire a tutti le cose che fatto. E il mondo in gran parte non ha capito quello che stava cercando di comunicare con Neverland, così l'ha abbandonato.

Le persone mi hanno chiesto negli ultimi anni come mi sentivo a Neverland durante la notte, da solo.
Non volevo dire nulla, tranne che fu l'esperienza più surreale ed incredibile della mia vita.
Altri mi hanno chiesto che provavo nei confronti di Michael, dopo aver visto Neverland, ma non potevo assolutamente rispondere.
L'avrei ritenuto un giudizio. Forse, come tutte le livide battaglie degli esseri umani, avevo il sospetto che anche tutti i miei migliori sentimenti verso l'uomo l'avrebbero distrutto se ci fosse stata un'altra accusa. Ma non è mai successo, così come l'avevo sospettato, perché tutto quello che ho visto al Ranch mi ha indicato che lui era un uomo innocente.

La notte ho guidato fino alle porte anteriori, la guardia di sicurezza era lì, seduta in un ambiente ben illuminato nel fortino sul lato della strada. Neverland è di per sé sopra la strada a circa 400 metri dal cancello principale. Doveva essere una notte oscura. In realtà, c'era stata la luna nuova, e il cielo era chiaro di nuvole. A Los Olivos, le stelle brillavano, e c'era poco inquinamento luminoso in atmosfera. Ero sicuro di arrivare veloce come ho passato la guardia, e ho guidato ad est verso la piccola area parcheggio del parco. La passeggiata a Neverland era di circa mezzo miglio attraverso dolci colline in condizioni di buio pesto. Avevo portato un GPS, col suo livello più debole, e continuavo a cliccare dritto, verso la fine del nord del parco.

Mi sono imbattuto in una strada che sembrava essere una strada di utilità per i custodi degli animali. Da allora, tutti gli animali erano spariti, tranne alcuni cani nella voliera vecchia. Saltando fuori dai rami di una valle di quercie, mi sono trovato in una città in miniatura. Ero uscito sulla destra dello zoo. Da lì iniziò la mia avventura.

Stranamente, nel momento in cui sono entrato, ululava un vento che si diffuse in tutta la valle. Caderono rami massicci di alberi rotti, e ho potuto sentire lo scricchiolio della ruota panoramica e la corda del ponte levatoio che sventolava selvaggia e imprevedibile. Quando ho camminato fino alla tenda deserta degli autoscontri, il vento era diventato così forte, che strappava il tetto rosso in tela. E' una fortuna che il vento mi abbia permesso di vagare liberamente per il parco senza alcun latrato di cani nelle vicinanze.

In mezzo a tutto questo vento, unici elementi statici di Neverland, erano le facce congelate in bronzo di miriadi di statue che punteggiavano il terreno.
I sorrisi dei bambini sembravano quasi tristi, nel contesto, ma ebbi una scossa imprevista di paura quando ho incontrato una nuova figura congelata che credevo fosse una persona reale, e queste furono le statue che più hanno attratto la mia macchina fotografica.
Le stesse girls si sarebbero potute trovare in una qualsiasi fiera della contea, in ogni stato del paese.
Ma era la psiche di Michael Jackson che attirava la mia curiosità.
Le statue erano un canale, erano un manufatto per una mia catalogazione prima che la loro liquidazione finale fosse arrivata.

Ho fatto due viaggi in più a Neverland, di volta in volta con amici stretti. In tutto, ho catturato centinaia di fotografie del parco. Molte di queste fotografie, non le potrò mai pubblicare. Ogni viaggio è diventato progressivamente più agrodolce. Non ho davvero rimpianti per quello che ho fatto, ma se c'è una cosa che avrei voluto fare a Neverland, sarebbe stata quella di andare giù dal superscivolo; credo che a MJ sarebbe piaciuto, ed io sono sicuro che il mio viaggio finale con gli amici si sarebbe trasformato in un servizio fotografico.

Nonostante quanto tutto sembrava kitsch, nonostante le polemiche, e il fatto che ho potuto vedere Neverland solo da un punto di vista (quello della notte), i tempi che ho trascorso a Neverland sono tra i momenti più memorabili della mia vita.
Neverland mi ha permesso di sfuggire al cinico mondo xenofobo di un paese impantanato nella guerra, nel terrorismo e nei rapporti giornalieri dei kamikaze.
La luna (moon walking) cammina sulla mia strada che sta per finire, paesaggio da sogno di un'anima davvero magnanima.
Che tu possa riposare in pace, Michael, il tuo sogno continuerà a vivere.

Questa é la fonte, ci sono foto veramente bellissime!
http://www.terrastories.com/bearings/goodbye-michael-jackson
MOMO
MOMO
BLOOD ON THE DANCE FLOOR
BLOOD ON THE DANCE FLOOR

Numero di messaggi : 613
Località : Verona
Data d'iscrizione : 16.09.10

Torna in alto Andare in basso

Neverland nelle foto di Jonathan Haeber Empty Re: Neverland nelle foto di Jonathan Haeber

Messaggio Da lila il Gio Dic 29, 2011 7:47 pm

bello....grazie
lila
lila
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 5042
Età : 66
Località : toscana
Data d'iscrizione : 11.01.10

Torna in alto Andare in basso

Neverland nelle foto di Jonathan Haeber Empty Re: Neverland nelle foto di Jonathan Haeber

Messaggio Da MOMO il Gio Dic 29, 2011 8:33 pm

Jonathan Haeber
é un giovane scrittore e fotografo già ben affermato che collabora con TV e riviste note.
Il servizio é stato fatto pochissimo tempo prima che il tutto andasse all'asta, é per quello che dice che l'incendio é stato un presagio...

un suo precedente post riguardo le foto, pubblicate ancora nel 2008, diceva:

Michael Jackson Neverland Ranch è all'asta la prossima settimana.
Bearings ha ottenuto l'accesso al ranch, e ha pubblicato le immagini.
Per inciso, io personalmente credo che Jackson è innocente da ogni accusa.
Io parlo come qualcuno che è stato al Neverland Ranch di Jackson.
E' un po' sconcertante pensare che io sto in solidarietà con Geraldo Rivera, ma cosa si può fare eh?
Molte immagini non le sto inviando, per rispetto della privacy di Jackson.
Quelli che posto sono luoghi che erano in gran parte visti dal pubblico
(o almeno da orde di ragazzini che contano il privilegio di essere stato sul "Ranch").
Ma se tu non credi che sia innocente, almeno puoi ancora apprezzare la bellezza della visione di Jackson nella creazione di un luogo.
Nessuno di noi dovrebbe mai perdere il nostro senso di meraviglia e di stupore per il mondo,
e penso che Jackson veramente ha voluto dei figli per dar loro questo,
soprattutto perché lui non l'ha mai avuto da bambino...

Qui ci sono altri scatti, simili, di un altro fotografo suo amico
http://scotthaefner.com/photos/place/Neverland+Ranch/
MOMO
MOMO
BLOOD ON THE DANCE FLOOR
BLOOD ON THE DANCE FLOOR

Numero di messaggi : 613
Località : Verona
Data d'iscrizione : 16.09.10

Torna in alto Andare in basso

Neverland nelle foto di Jonathan Haeber Empty Re: Neverland nelle foto di Jonathan Haeber

Messaggio Da michael my hope il Gio Dic 29, 2011 10:29 pm

Grazie mille momo **
michael my hope
michael my hope
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 8856
Età : 28
Località : Verona
Data d'iscrizione : 13.11.10

Torna in alto Andare in basso

Neverland nelle foto di Jonathan Haeber Empty Re: Neverland nelle foto di Jonathan Haeber

Messaggio Da MOMO il Gio Dic 29, 2011 10:45 pm

e già MyHope ** anche a me ****
ce n'é una in particolare che trovo tristissima, molto simbolica, ed é quella dello scivolo
come se l'acqua che ci passava sopra arrivasse da una sorgente,
che é stata poi avvelenata e pian piano prosciugata,
...ed é ritornato il deserto...
MOMO
MOMO
BLOOD ON THE DANCE FLOOR
BLOOD ON THE DANCE FLOOR

Numero di messaggi : 613
Località : Verona
Data d'iscrizione : 16.09.10

Torna in alto Andare in basso

Neverland nelle foto di Jonathan Haeber Empty Re: Neverland nelle foto di Jonathan Haeber

Messaggio Da MICHAELINMYHEART il Sab Dic 31, 2011 1:36 am

Molto bello ma al tempo stesso molto triste...
MICHAELINMYHEART
MICHAELINMYHEART
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 1728
Età : 45
Località : ANCONA
Data d'iscrizione : 19.10.11

Torna in alto Andare in basso

Neverland nelle foto di Jonathan Haeber Empty Re: Neverland nelle foto di Jonathan Haeber

Messaggio Da forevermichael il Dom Gen 01, 2012 12:51 am

MICHAELINMYHEART ha scritto:Molto bello ma al tempo stesso molto triste...
quoto le foto sono ben fatte ma trasmettono tanta tristezza.
forevermichael
forevermichael
Captain Eo
Captain Eo

Numero di messaggi : 317
Età : 51
Località : Place without no name
Data d'iscrizione : 10.03.11

Torna in alto Andare in basso

Neverland nelle foto di Jonathan Haeber Empty Re: Neverland nelle foto di Jonathan Haeber

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum