[LIBRO] "Untouchable" - biografia su MJ di Randall Sullivan

Pagina 3 di 8 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

[LIBRO] "Untouchable" - biografia su MJ di Randall Sullivan

Messaggio Da Giuspe il Gio Ott 04, 2012 10:33 am

Promemoria primo messaggio :

La sepoltura di MJ venne ritardata a causa di Janet



La sepoltura di Michael Jackson venne ritardata di quasi tre mesi a causa di una disputa tra Janet Jackson e l'Estate di suo fratello, un dettaglio rivelato nel numero di novembre in esclusiva da Vanity Fair, estratto da "Untouchable", biografia Randall Sullivan su Michael Jackson, che sarà pubblicata il mese prossimo.
Secondo Sullivan, Janet aveva messo in deposito $ 40.000 a Forest Lawn per assicurarsi un posto per Michael, ma si rifiutò di lasciare che i funerali si svolgessero fino a quando il denaro non fosse stato rimborsato.

Sullivan riferisce che Ronald Williams Talon, capo della sicurezza di una società privata che inviò una squadra di sicurezza nel castello affittato da Michael Jackson a Holmby Hills, la notte della tragedia, poche ore dopo la morte di Jackson, La Toya e il suo fidanzato, Jeffre Phillips, arrivarono in casa chiedendo di poter entrare
"Siamo una famiglia e dovremmo avere accesso alla casa" riferirono.

Sullivan riferisce che anche la madre Katherine Jackson arrivò quella notte, entrò nella casa, dove telefonò a Grace Rwaramba, la storica tata che di recente ha terminato il rapporto con i figli di Michael. Secondo Rwaramba, Katherine ha detto,
"Grace, i bambini piangono. Chiedono di te. Non riescono a credere che il loro padre è morto. Grace, ti ricordi cosa Michael utilizzava per nascondere denaro in casa? Sono qui. Dove può essere nascosto? "

Rwaramba ha descritto che la pratica standard di Michael era nascondere il suo denaro in sacchetti neri di plastica e sotto i tappeti. Talon descrive che vide La Toya e il suo fidanzato caricare dei sacchetti neri di plastica, per l'immondizia, in borse da viaggio e metterli in garage. (La Toya insiste sul fatto che quasi tutti i soldi di Michael erano scomparsi nel momento in cui arrivò nella casa di Holmby Hills.)

La mattina seguente, Janet Jackson è arrivata con un furgone e ha chiesto di poter entrare. Poche ore dopo, il camion è uscito attraverso la porta anteriore con Jeffre Phillips al volante. Katherine Jackson e le sue figlie hanno messo in chiaro che non avrebbero lasciato presto il posto.
"Si accamparono per la maggior parte per una settimana", dice Williams Sullivan, con partenze e rientri "ogni volta che ne avevano voglia."

I rappresentanti di Katherine Jackson hanno svelato ultimamente i dettagli del suo recente "rapimento" con Sullivan, che descrive ciò che è accaduto dal suo punto di vista per la prima volta. Uno dei rappresentanti di Katherine Jackson dice che Sullivan che era con Janet Jackson il 14 luglio 2012, ha organizzato con il dottor Allen Metzger di recarsi nella villa di Calabasas, dove sua madre vive con i tre figli di Michael.
Metzger è stato introdotto come un socio di lunga data del medico di Beverly Hills della sig.ra Jackson e ha detto che il suo medico voleva che si controllasse, prima di andare ad Albuquerque per l'Unity Tour dei suoi figli. Dopo un breve esame, Metzger ha detto che la pressione di Katherine era elevata e che sarebbe stato meglio per lei non per fare il viaggio in New Mexico con l'auto come aveva previsto.
Katherine ha lasciato casa la mattina successiva con la figlia Rebbie e sua nipote Stacee Brown e assistente personale della signora Jackson. Non sapeva nulla fino a quando sono arrivati ​​in aeroporto e Katherine si rese conto che non erano diretti a Albuquerque, ma a Tucson, dove fu prenotato per lei un pernottamento presso il Resort & Spa Miraval. Janet Jackson era lì quando sono arrivati.

Il rappresentante dice che sia Sullivan che il dottor Metzger non avevano alcuna associazione con il medico della signora Jackson e che lui non lo aveva mandato a vedere la signora Jackson. Il dottor Metzger è stato, infatti, lo stesso medico che era stato chiamato come testimone della difesa al processo contro Conrad Murray, il medico accusato di fornire i farmaci che hanno ucciso Michael Jackson. E' stato anche rimproverato dal Consiglio di Stato per delle prescrizioni mediche per Janet Jackson con nomi falsi o fittizi.

Il nipote di Katherine, TJ Jackson e gli altri che erano alla ricerca dei figli di Michael nella sua casa di Calabasas, hanno presto dedotto che i cinque fratelli Jackson quella stessa settimana avevano inviato una lettera agli esecutori di Michael chiedendo loro di dimettersi e sostenendo che la loro madre aveva subito un mini ictus, mentre Katherine erano sotto la loro custodia, a parere dei rappresentanti della signora Jackson, nel tentativo di ottenere una tutela dei beni al suo posto, forse per dimostrare la sua incompetenza a servire in qualità di custode dei figli di Michael.
Speravano di ottenere quindi il controllo della fortuna del fratello, che avrebbe seguito Prince, Paris e Blanket ovunque andassero.

Sullivan esplora la questione di come John Branca, un avvocato che è stato licenziato da Michael Jackson nel 2003 ed ora sta guadagnando decine di milioni di dollari come esecutore dell'Estate è riuscito a mantenere il possesso di un testamento che avrebbe dovuto consegnare con tutte le carte di Jackson ad un nuovo avvocato, David LeGrand.

"Ho avuto accesso a tutti i file e ho dovuto passare attraverso di loro," dice LeGrand a Sullivan. "E l'ho fatto. Non c'era volontà. Non c'era fiducia. E' arrivato tutto appena dopo la sua morte. "(riferito a Branca, anche se l'avvocato non ha voluto commentare.)

John Branca, ha detto che la volontà che ha presentato ai Jackson nel luglio 2009 è stata accolta dalla famiglia con un applauso, ma Katherine Jackson ricorda l'incontro in modo diverso. "Secondo lei, l'atmosfera è passata da tranquilla a triste", riferisce Sullivan. "Katherine è rimasta personalmente offesa da John Branca che non ha mai detto una volta quanto fosse dispiaciuto per la sua perdita. L'uomo era freddo, la signora Jackson pensò, proprio come Michael l'aveva descritto: '.
Mio figlio aveva detto a me e ai bambini che non avrebbe mai voluto che Branca facesse parte delle sua attività...mai piu' "


vanityfair.com



Ultima modifica di Giuspe il Lun Ott 08, 2012 8:26 pm, modificato 4 volte

Giuspe
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 5581
Data d'iscrizione : 22.03.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso


Re: [LIBRO] "Untouchable" - biografia su MJ di Randall Sullivan

Messaggio Da lila il Lun Ott 22, 2012 8:20 pm

infatti l'unica arma per questi pettegoli è la querela
avatar
lila
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 5042
Età : 63
Località : toscana
Data d'iscrizione : 11.01.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: [LIBRO] "Untouchable" - biografia su MJ di Randall Sullivan

Messaggio Da 2 Bad il Lun Ott 22, 2012 10:00 pm

Giuspe ha scritto:Non è vero che i giornalisti devono essere "all'assalto" senza rispetto, nè etica, nè morale....ce un'enorme differenza tra "giornalisti" e "gossippari" di quart'ordine....
Ascoltate ad esempio una professionista come Silvana Giacobini che ha detto parecchie volte nelle interviste di aver vietato di postare su suoi giornali intercettazioni o foto di dubbio gusto, per rispetto al personaggio che trattava...al contrario di altri che si sarebbero venduti anche l'anima al diavolo per fare uno scoop (magari falso)...poi fanno bene a denunciarli per diffamazione...come il caso recente di Sallusti!

Vero, però purtroppo la maggior parte sono senza etica nè morale.
avatar
2 Bad
Greatest Entertainer of All Time
Greatest Entertainer of All Time

Numero di messaggi : 12373
Età : 24
Località : Monopoli (BA)
Data d'iscrizione : 22.04.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: [LIBRO] "Untouchable" - biografia su MJ di Randall Sullivan

Messaggio Da luna7MiKE il Mar Ott 23, 2012 12:06 pm

infatti vero, la maggior parte non ha nè etica nè morale, nemmeno se si tratta di un fatto di cronaca, omicidi ecc...
avatar
luna7MiKE
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 2756
Età : 30
Data d'iscrizione : 08.09.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: [LIBRO] "Untouchable" - biografia su MJ di Randall Sullivan

Messaggio Da Giuspe il Sab Nov 03, 2012 6:02 pm

La famiglia Jackson sostiene Obama e La Toya risponde alle accuse del libro


Pink Carpet at Mr. Pink’s Ginseng Drink Launch Party on October 11th at the Regent Beverly Wilshire Hotel in Beverly Hills

La Toya Jackson ha detto che "vuole che la gente sappia la verità" sugli estratti dei libri che appariranno nel numero di novembre della rivista Vanity Fair.
Il libro, intitolato Untouchable: la strana vita e tragica morte di Michael Jackson, racconta i dettagli degli eventi successivi alla morte di suo fratello.

Grover Publishing ha in programma di rilasciare il libro du Randall Sullivan il 13 novembre 2012. Ha espresso la sua infelicità circa il contenuto e le accuse.

Quando un reporter del New York Daily News ha detto che avevano ricevuto una copia di una lettera del suo avvocato a Vanity Fair, LaToya ha risposto: "E 'abbastanza terribile ed è per questo che sto combattendo, perché voglio che la gente sappia la verità. Si tratta di una vera e propria spudorata menzogna. Ho intenzione di porre fine ad essa: sto prendendo azioni legali verso tutti, su chiunque sia coinvolto in questo ".

"Hanno detto che è tutto scritto nel libro," ha ribattuto il giornalista, "in modo che le persone possano sapere su quello che è successo dopo..."

"E 'sbagliato, è sbagliato," ha insistito LaToya Jackson.

Con la calda stagione politica e le elezioni presidenziali a meno di un mese di distanza, il tema del candidato migliore affiorata più volte.

Alla domanda su Obama, Paris Jackson risponde: "Obama, 2012", ma alla domanda 'perché?', Paris: "Non posso rispondere a questo."

Suo fratello maggiore Prince Jackson ha aggiunto: "Non prendo parti politiche".

Purtroppo per il presidente Obama, Paris Jackson non potrà votare fino ai suoi 18 anni nel 2016.

Quando Prince, Paris e Blanket Jackson si sono fermati a parlare, Paris ha detto "E 'bello e sono molto felice che finalmente abbiamo una bevanda energetica che è buono per tutti. "

"Abbiamo un sacco di cose interessanti in corso, ma stasera siamo qui per la bevanda, per Mr. Pink, e siamo davvero entusiasti", ha aggiunto LaToya Jackson.

washingtontimes.com

Giuspe
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 5581
Data d'iscrizione : 22.03.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: [LIBRO] "Untouchable" - biografia su MJ di Randall Sullivan

Messaggio Da Giuspe il Dom Nov 11, 2012 2:43 pm

ESTRATTI IN ESCLUSIVA DAL LIBRO "UNTOUCHABLE"

La maledizione dei milioni di Michael: la famiglia di Michael Jackson depredò la sua ricchezza trasportandoli con un Van, dopo la sua morte • Una nuova biografia esporrà come la famiglia Jackson utilizzò i soldi del Re del Pop


LINK: CLICCA QUI



Giuspe
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 5581
Data d'iscrizione : 22.03.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: [LIBRO] "Untouchable" - biografia su MJ di Randall Sullivan

Messaggio Da SanaJackson il Dom Nov 11, 2012 3:04 pm

lorejacksina ha scritto:la cosa brutta è che ognuno vive nel proprio piccolo mondo fatto di egoismo.
Se soltanto ci si immedesimasse nei panni altrui certe cose non si scriverebbero e per fare questo basterebbe avere una coscenza con cui confrontarsi.
Ormai il rispetto è andato a farsi benedire e non lo si porta più nemmeno per i defunti.
anche se fosse la verità,l'aspetto di Michael è qualcosa che non doveva trapelare.Lui ha difeso la propria privaci a scapito della propria vita e quando non ha più potuto difendersi ecco che arrivano ancora gli avvoltoi a profanare ciò che lui voleva rimanesse solo suo.
Voglio comunque rimuovere dalla mia mente questa immagine di Michael e pensarlo come lui avrebbe voluto essere pensato e ricordato.
Sono Assolutamente daccordo con te.
avatar
SanaJackson
Dangerous Tour
Dangerous Tour

Numero di messaggi : 488
Età : 19
Località : Neverland con Peter e i bimbi sperduti
Data d'iscrizione : 26.10.11

Vedi il profilo dell'utente http://www.facebook.com/pages/Michael-Jackson-The-True-Man/27251

Tornare in alto Andare in basso

Re: [LIBRO] "Untouchable" - biografia su MJ di Randall Sullivan

Messaggio Da childhood il Dom Nov 11, 2012 4:41 pm

in questa storia non ci sono buoni nè cattivi, son tutti fatti della stessa pasta!! vomit

_________________
...I've never seen nothing like this in my life. It's amazing! He's the greatest entertainer in the world...
!!this is it!!


Just because you read it in a magazine Or see it on the TV screen Don't make it factual, actual You're so damn disrespectable
Privacy, anonymity and integrity become an illusion
avatar
childhood
Moderatrice Globale
Moderatrice Globale

Numero di messaggi : 12721
Età : 32
Località : Bari
Data d'iscrizione : 13.08.09

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: [LIBRO] "Untouchable" - biografia su MJ di Randall Sullivan

Messaggio Da Giuspe il Lun Nov 12, 2012 12:51 pm

IL LIBRO ESCE IN ITALIA!

Chi ha ucciso Michael Jackson
il re del pop tra segreti e leggendaUn libro che esce in Italia svela come Jacko fosse al centro di un'orda di familiari, amici, medici, discografici che puntavano solo a sfruttare il suo successo


IL GIORNO in cui Michael morì, il mondo ebbe l'impressione che i Jackson avessero superato odi e rancori, che i genitori e gli otto fratelli stessero elaborando il lutto come normali esseri umani, distrutti dalla scomparsa prematura del numero uno, disorientati dalla perdita improvvisa di un padre nero che lasciava tre figli bianchi - Prince, Paris e Blanket - senza una mamma, affidati alle cure della nonna ottantenne.

Solo Joe Jackson, il patriarca, duro come una quercia e non meno spietato di quando vigilava sulla sua famiglia canterina come un mastino, si lasciò scappare una frase che i media, insolitamente clementi, attribuirono a un attacco di demenza senile: "Mio figlio vale più da morto che da vivo". Di normale nella dinastia del re del pop non c'era più nulla dal 1965, da quando Joe, nel giorno del settimo compleanno di Michael, portò i Jackson 5 a un concorso di canto e scoprì che il più giovane dei cinque era il genio di casa.

"Il padre dei Jackson, il vero artefice di quel successo, è un bruto scaltro, vanaglorioso e dispotico. Ferì a tal punto il più sensibile dei suoi sei figli che, per tutta l'età adulta, Michael sarebbe stato animato dalla fiera determinazione a somigliare il meno possibile a Joseph Jackson" scrive Randall Sullivan, il giornalista investigativo firma di punta di Esquire e Rolling Stone, che domani pubblica M - Vita, morte, segreti e leggenda del Re del Pop (Ed. Piemme, 688 pagg., 23,50 euro), l'unica biografia post mortem
circostanziata e attendibile su Michael Jackson.

A oltre tre anni dalla scomparsa di Michael, ora che i debiti sono stati sanati, la normalità è ancora tabù in casa Jackson. Tre miliardi di dollari che attualmente transitano nelle casse (rigidamente amministrati dai tre esecutori testamentari nominati dal defunto) e un patrimonio che ne può generare altrettanti nel giro di pochi anni hanno scatenato una ferocia all'interno della famiglia che Sullivan esplora col rigore del cronista, attenendosi ai fatti, schivando il gossip e lasciando il lettore con una domanda cui ad ogni capitolo si aggiunge un nuovo punto interrogativo: chi ha veramente ucciso Michael Jackson?

D'accordo, il dottor Conrad Murray sta scontando la pena per aver somministrato la dose fatale di Propofol, il potente ipnotico che il 25 giugno 2009 causò l'arresto cardiaco di Jacko, ma come mai un uomo di 50 anni era in uno stato di decadimento fisico da far pietà al medico legale? Come mai non riusciva a dormire neanche un'ora senza l'aiuto di un anestetico e la presenza di un anestesista? Come aveva fatto l'uomo che possedeva gran parte del catalogo dei Beatles a dilapidare una fortuna al punto da dover accettare un contratto che non sarebbe mai stato in grado di onorare? In quale solitudine era sprofondato l'artista che aveva messo la sua vita in mano ai Testimoni di Geova, a Scientology, al chirurgo plastico Arnold Klein, al Rabbino Boteach, alla Nation of Islam e al consigliere spirituale delle star Deepak Chopra?

L'agonia di Michael Jackson, rivela Sullivan, era iniziata nel 1994, all'epoca delle prime accuse per pedofilia, quando Evan Chandler, padre del dodicenne Jordan, l'aveva trascinato in tribunale con l'accusa di molestie ai danni di minore ed esposto a umiliazioni inaudite (fu fotografato nudo dalla vita in giù), salvo poi accettare venti milioni di dollari per risolvere il caso in via extragiudiziale - "il primo grande errore del cantante; per tutti significò un'implicita ammissione di colpa. E a rendere più penosa la situazione era il fatto che la fonte principale delle sofferenze da cui cercava di fuggire si annidava proprio all'interno della sua famiglia".

Sempre più debole, disorientato, schiavo di psicofarmaci eanalgesici, l'artista, lecuifortune erano centuplicate dopo l'uscita di Thriller e l'acquisizione del catalogo dei Beatles, faceva uso di Propofol in tour dall'età di 36 anni.

Era già al centro di un mostruoso meccanismo che coinvolgeva familiari, amici, legali, impresari, discografici, medici, consiglieri spirituali, governanti, creditori veri o presunti e un'orda di opportunisti che, nel tentativo di estorcergli denaro, macchinavano incessantemente alle sue spalle.

E i peggiori di tutti erano quelli che portavano il suo stesso cognome. Michael ne aveva fatto le spese già all'epoca della reunion dei Jacksons, un'operazione che il padre padrone non sarebbe riuscito a concludere senza la mediazione di mamma Katherine, l'unico membro del clan che avesse un ascendente su Michael. Fratelli e sorelle, voracissimi, agivano come trapani sulla matriarca affinché intercedesse presso Michael ogni qual volta avevano bisogno di contanti.

La caccia ai bigliettoni non ebbe termine neanche nelle ore successive alla morte. "La notte stessa - racconta Sullivan - la bambinaia Grace Rwaramba ricevette una telefonata da Katherine: 'I bambini piangono, chiedono di te, non riescono a credere che il papà sia morto. A proposito, ti ricordi che Michael nascondeva sempre contanti in giro per casa? Mi trovo nella sua villa proprio in questo momento. Secondo te dove li ha messi?'. I membri della squadra di sicurezza sostennero che fu La-Toya a riempire borsoni di tela con sacchi neri colmi di contanti e a sistemarli in garage".

Pur non consentendo ai familiari l'ingresso in casa, Jackson continuava a esserne ostaggio. All'epoca del tormentato processo per pedofilia, che nel 2005 si concluse con l'assoluzione, gli avvocati raccomandarono la presenza dei familiari in aula; avrebbe favorevolmente impressionato i giurati. Quelli ne approfittarono per riguadagnare terreno. Fu il fratello Jermaine, che si era convertito all'Islam, ad architettare la fuga in Bahrein, dove Michael e i figli divennero a tutti gli effetti prigionieri di lusso dello sceicco Abdullah, che finanziava i capricci della star con la mira di lanciare una propria carriera discografica.

Gli ultimi anni furono rocamboleschi, ma allo stesso tempo lividi. In fuga tra le sabbie arabe, nella verde Irlanda o in una sordida hacienda di Las Vegas, Jackson era costretto a confrontarsi quotidianamente con gli squali. Non c'era più ombra di creatività nell'artista, che per oltre quindici anni visse al centro di una miriade di complotti (quello della sua casa discografica per indebolirlo economicamente non è mai stato provato).

Dopo l'assoluzione del 2005, "tentava in tutti i modi di trovare un sistema di far soldi che non implicasse la sua presenza su un palcoscenico o in uno studio di registrazione". E allo stesso tempo era invischiato in tanti e tali procedimenti penali e civili da non potersi permettere neanche un conto a proprio nome; i capitali transitavano in quelli di fiduciari sfiduciati, di Arnold Klein o della bambinaia che gli aveva sguinzagliato la Nation of Islam.

Quando, in occasione dei concerti alla 02 Arena, si tornò a parlare di milioni, rispuntarono i vecchi 'amici': "L'ex manager Frank Dileo, membri della famiglia e persino John Landis, il regista di Thriller, che si era mosso per primo il 21 gennaio del 2009, quando i concerti di Londra erano solo un progetto".

Il quartier generale dei Jackson, la villa di Hayvenhurst, era (ed è) il centro nevralgico dove genitori, fratelli, nipoti, nuore sedotte e abbandonate tessevano trame degne delle Cronache dal Serraglio. Michael era diventato l'ultima ruota del carro, gli comunicavano a cose fatte che le serate da dieci erano diventate venti, poi trenta, poi cinquanta "perché altrimenti la cifra non sarebbe stata sufficiente a colmare i buchi".

Terrorizzato di finire sul lastrico e non riuscire a provvedere ai figli, l'artista firmava e invocava dosi sempre maggiori di Propofol per riuscire ad addormentarsi. I concerti di Londra non si sarebbero mai fatti, neanche se fosse vissuto.

Non ci fu pietà per il defunto. "Nel 2009, prima che le varie apparizioni (pagate) dei Jackson nel giorno del compleanno di Michael causassero il rinvio del funerale dal 29 agosto al 3 settembre, la sepoltura era stata ritardata per le discussioni tra Janet e gli amministratori del patrimonio da una parte, e tra Janet e la sua famiglia dall'altra. Essendo l'unico membro della famiglia a vantare una certa agiatezza, aveva versato il deposito di 40mila dollari a Forest Lawn. In luglio e agosto si era rifiutata di far celebrare il rito funebre senza prima aver riavuto i suoi soldi".

L'ultimo atto dei soliti noti è recentissimo, cinematografico e goffo: nel tentativo di sfiduciare i tre esecutori testamentari ed entrare in possesso del patrimonio i fratelli organizzano il rapimento di Katherine, l'unica in grado di contrastarli in quanto tutrice legale dei minori. Con l'aiuto di un medico compiacente le fanno credere di aver avuto un picco ipertensivo. Un commando guidato da Rebbie, Randy, Janet e Jermaine la accompagna
in una spa dell'Arizona, lasciandola per giorni senza cellulare e senza tv, mentre invia ai legali una lettera in cui reclamano la gestione del patrimonio (che sortisce tutto tranne il risultato sperato).

Prince e Paris, i due figli maggiori, mangiano la foglia e cominciano a inviare messaggi via Twitter in cui denunciano la scomparsa della nonna e accennano al complotto. "Quella serie di colpi di scena maldestri hanno diviso i suoi figli più che mai - conclude Sullivan - e la matriarca è ancora oppressa dalla tristezza della situazione".

Le è stata di conforto la finalizzazione dell'acquisto di altre undici tombe nella Holly Terrace di Forest Lawn. "Così da morto Michael Jackson sarebbe stato circondato dai membri di una famiglia che aveva cercato di tenere a distanza per gran parte della sua vita". L'ultimo capitolo del thriller è ancora tutto da scrivere. La parola, adesso, spetta ai figli. E stando alla cronaca non sono tre pezzi facili.
(12 novembre 2012)

http://www.repubblica.it/persone/2012/11/12/news/michael_jackson_ucciso-46424532/

M - Vita, morte, segreti e leggenda del Re del Pop



http://www.edizpiemme.it/libri/m-vita-morte-segreti-e-leggenda-del-re-del-pop

ANTEPRIMA - PDF

http://api.edizpiemme.it/storage/village/2012/10/22/566-1713.pdf


Giuspe
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 5581
Data d'iscrizione : 22.03.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: [LIBRO] "Untouchable" - biografia su MJ di Randall Sullivan

Messaggio Da lila il Lun Nov 12, 2012 1:27 pm

Grazie Giuspe.
E' tristissimo questo articolo, ma finalmente non lo attacca.
Ho paura che ci sia molto di vero....
avatar
lila
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 5042
Età : 63
Località : toscana
Data d'iscrizione : 11.01.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: [LIBRO] "Untouchable" - biografia su MJ di Randall Sullivan

Messaggio Da caterinawendy il Lun Nov 12, 2012 3:48 pm

Qualche verità, purtroppo, ma molte falsità, secondo me.
Dove sta scritto che "era stato trovato in un tale stato decadimento fisico" da far pietà al medico legale?
Poi, per quanto mi risulta, non si è mai messo nè nelle mani di Scientology, nè in quelle della nation of islam. In quanto al rabbino e a Chopra erano degli amici. Anche se l'amicizia del rabbino si è rivelata falsa dopo che ha pubblicato quel libro indegno.

avatar
caterinawendy
BAD
BAD

Numero di messaggi : 349
Località : agrigento
Data d'iscrizione : 24.06.12

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: [LIBRO] "Untouchable" - biografia su MJ di Randall Sullivan

Messaggio Da lorejacksina il Lun Nov 12, 2012 4:06 pm

Questo è lìarticolo che è uscito oggi sulla Repubblica,ma manca il riassunto in vari punti del libro....la cosa veramente pessima
in uno di questi punti dice:
nel 1979 Michael frequentava un dodicenne (nome e cognome) e gli telefonava tre volte a settimana.In una di queste telefonate gli chiese se si masturbava e se usasse del lubrificante.

un altro punto è che a Las Vegas Michael dette ai due figli una mazzetta di diecimiladollari cisacuno dicendogli:uscite un oretta e divertitevi!!

ancora afferma con certezza che i figli non sono suoi e insinua che siano del dottor Klain
dice altre cose,su come
tutti gli chiedessero dei soldi.

poi lo fa passare anche per scemo....dicendo che diceva ai figli in Irlanda ,di stare attenti agli gnomi,perchè lui credeva realmente agli esseri fatati e lo ammetteva candidamente.....

appunto,candidamente e non con cattiveria e malignità come l'autore di questo libro sembra dipingere Michael.....

veramente schifoso,
poi un articolo di tre pagine sulla Repubblica....se fosse stato solo quello che ha postato Giuspe sarebbe accettabile,ma il riassunto del libro vanifica tutto ciò che di positivo poteva venire dall'articolo....

non smetteranno mai questi infami di parlare dei fatti che non li riguardano!!!!
avatar
lorejacksina
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 2073
Età : 45
Data d'iscrizione : 28.09.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: [LIBRO] "Untouchable" - biografia su MJ di Randall Sullivan

Messaggio Da SanaJackson il Lun Nov 12, 2012 5:49 pm

brutti B******i senza cuore come ca**o si permettono???????
Ancora con ste storie false??? Ma La vogliono finire per una volta ????
Anche adesso che è morto continuano a romperee????
Maremma di Quella maiala!!!
avatar
SanaJackson
Dangerous Tour
Dangerous Tour

Numero di messaggi : 488
Età : 19
Località : Neverland con Peter e i bimbi sperduti
Data d'iscrizione : 26.10.11

Vedi il profilo dell'utente http://www.facebook.com/pages/Michael-Jackson-The-True-Man/27251

Tornare in alto Andare in basso

Re: [LIBRO] "Untouchable" - biografia su MJ di Randall Sullivan

Messaggio Da Giuspe il Lun Nov 12, 2012 6:22 pm

Appena passato un servizio a "La vita in diretta" sull'uscita del libro con alcune notizie, tra cui il gioiello regalato a Liz Taylor per partecipare al concerto del 2001 e i soldi rubati da LaToya nella sua casa dopo la morte....

Purtroppo nel libro sono contenute parecchie notizie FALSE e INVENTATE e smentite...una recente riportata da TMZ, nel 2001 dopo l'attacco alle Torri, MJ avrebbe richiesto un'aereo privato per raggiungere Los Angeles e avrebbe litigato con Mark Wahrlege che contendeva lo stesso aereo (pagato dalla Sony).....il portavoce di Mark Wahrlberg ha prontamente smentito questa notizia, dicendo che quest'ultimo aveva il suo aereo personale e non aveva bisogno di quello della Sony....



Giuspe
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 5581
Data d'iscrizione : 22.03.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: [LIBRO] "Untouchable" - biografia su MJ di Randall Sullivan

Messaggio Da lila il Lun Nov 12, 2012 7:17 pm

in effetti l'articolo postato di repubblica non è male per niente. Anzi...
Ma quanto postato dopo e anche prima e che proviene dal libro è tutto una cattiveria, i soliti sensazionalismi da querele
avatar
lila
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 5042
Età : 63
Località : toscana
Data d'iscrizione : 11.01.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: [LIBRO] "Untouchable" - biografia su MJ di Randall Sullivan

Messaggio Da childhood il Lun Nov 12, 2012 7:56 pm

grazie per l'articolo!!
tutto questo è agghiacciante!!!

_________________
...I've never seen nothing like this in my life. It's amazing! He's the greatest entertainer in the world...
!!this is it!!


Just because you read it in a magazine Or see it on the TV screen Don't make it factual, actual You're so damn disrespectable
Privacy, anonymity and integrity become an illusion
avatar
childhood
Moderatrice Globale
Moderatrice Globale

Numero di messaggi : 12721
Età : 32
Località : Bari
Data d'iscrizione : 13.08.09

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: [LIBRO] "Untouchable" - biografia su MJ di Randall Sullivan

Messaggio Da luna7MiKE il Lun Nov 12, 2012 9:15 pm

Mad muro orribile infame!!! da denuncia!!! ennesimo scempio fango, le solite menzogne infarcite con delle nuove fatte passare come verità schifoso!!! "unica biografia post morten attendibile su michael jackson " certo, è quello che piace a voi infami!!! Mad ho visto studio aperto che hanno mandato il loro servizietto dicendo altra falsità qualcosa riguardante le accuse: " jackson accusato più volte di pedofilia , costretto a pagare oltre 100 milioni per far ritirare le accuse" Mad stesso servizio riproposto poi a pomeriggio5 ovviamente. INFAMI!!!!
avatar
luna7MiKE
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 2756
Età : 30
Data d'iscrizione : 08.09.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: [LIBRO] "Untouchable" - biografia su MJ di Randall Sullivan

Messaggio Da lila il Lun Nov 12, 2012 9:31 pm

http://api.edizpiemme.it/storage/village/2012/10/22/566-1713.pdf

...eppure mi sono letta le pagine riportate in questo link e postato da Giuspe e non sembra infamante.
Non ci capisco più niente. Dico e contraddico in continuazione
avatar
lila
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 5042
Età : 63
Località : toscana
Data d'iscrizione : 11.01.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: [LIBRO] "Untouchable" - biografia su MJ di Randall Sullivan

Messaggio Da silvia80 il Lun Nov 12, 2012 9:32 pm

Ma infatti mi chiedo se Michael verrà universalmente riconosciuto come un artista (tentativo fatto eroicamente da John Voegel) o sarà massacrato dalla stampa anche tra 50 anni considerandolo un fenomeno da baraccone....

silvia80
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 825
Data d'iscrizione : 24.05.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: [LIBRO] "Untouchable" - biografia su MJ di Randall Sullivan

Messaggio Da lila il Lun Nov 12, 2012 9:34 pm

silvia80 ha scritto:Ma infatti mi chiedo se Michael verrà universalmente riconosciuto come un artista (tentativo fatto eroicamente da John Voegel) o sarà massacrato dalla stampa anche tra 50 anni considerandolo un fenomeno da baraccone....

hai ragione!
avatar
lila
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 5042
Età : 63
Località : toscana
Data d'iscrizione : 11.01.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: [LIBRO] "Untouchable" - biografia su MJ di Randall Sullivan

Messaggio Da smelly jackson il Mar Nov 13, 2012 12:31 am

Anch'io ho letto le pagine del link di Giuspe, e le trovo quantomeno verosimili... cioè penso che i fatti descritti possano essere stati descritti in maniere diverse dai diversi punti di vista dei vari protagonisti, quindi penso che ci possa essere alla fine più di una sola verità.. non sto assolutamente dicendo che tutti abbiano ragione, ma invece che ognuno tira l'acqua al suo mulino...Illuminante per me l'esempio della collana per Liz al 30^...per Cascio era un modo per far leva su un punto debole dell'attrice per convincera ad accompagnare Michael...per Sullivan era un vero e proprio pagamento per una prestazione... il fatto in sè è veramente accaduto, ma chi l'avrà interpretato correttamente? chi avrà ragione??
avatar
smelly jackson
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 1809
Età : 44
Località : TRENTO
Data d'iscrizione : 02.12.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: [LIBRO] "Untouchable" - biografia su MJ di Randall Sullivan

Messaggio Da lorejacksina il Mar Nov 13, 2012 1:34 am

Il fatto è che in quellink non c'è tutto l'articolo.
Alla pagina 41 di Repubblica dopo l'articolo questo c'è scritto:

Tra i passaggi più rilevanti del libro anche quello della "paghetta"ai bambini.

Marlon,Liz mamma Kate tutti prendevano soldi da lui.

Ecco quì di seguito i passaggi essenziali della biografia della popstar firmata da Randan Sullivan che esce domani anche in Italia:

.uno dei fratelli lo chiuse in una camera d'albergo con due prostitute che lo lasciarono spaventato,sconvolto e ancora illibato e che rimasero a loro volta sconcertate dal fatto che il ragazzo avesse resistito ai loro tentativi di spogliarlo afferrando la Bibbia e leggendo loro alcuni passi delle Scritture

.La frequentazione con Brooke Shields era solo una messinscena.L'attrice cercò di baciarlo un paio di volte ma sentire la sua lingua in bocca l'aveva disgustato.
Solo pochissime persone sanno che nel 1979 aveva incontrato a Londra il dodicenne Terry George e cominciò a chiamarlo tre volte a settimana.
Una volta mi chiese all'improvviso se mi masturbavo e se usavo lubrificanti

.per presenziare al concerto del trentennale al MSG nel 2001 i familiari pretesero la corresponsione di un cachet,Jermaine e il padre Joe,insieme alla madre Katerin diedero la caccia a Michael per tutta la California meridionale per fargli firmare un contratto minacciando in caso contrario di non presentarsi a New York
..Il suo "migliore amico" Marlon Brando pretese un milione di dollari per registrare un discorso umanitario da trasmettere il primo dei due concerti
..Liz Taylor chiese un gioiello di 638 mila dollari in cambio di un apparizione negli Home video e sua madre Katerin un assegno di 250 mila

..entrava e usciva da una dipendenza di oppiacei sintetici.Anche lo shopping era una droga.I suoi collaboratori raccontano di averlo visto sfogliare una rivista e ordinare ogni singoloprodotto che reclamizzava

...I dottori gli dicevano:prendi questo e ti sentirai meglio" e Michael eseguiva.Denaro denaro denaro i medici cercavano solo quello.

.....Il testimone di nozze con Debby fu un ragazzino di 8 anni.Dopo essersi scambiati due bacetti sulla guancia si ritirarono in due suite separate non dormirono mai nello stesso letto

....MJ non è il padre biologico nè di Prince nè di Paris nonostante si affannasse a ripetere che i bambini erano stati concepiti naturalmente.

...Nel 97 quando era sposato col Debby il cantante chiese a Mark Lester di donare il suo sperma a una clinica californiana.A Londra Mark fu colpito dalla somiglianza tra Paris sette anni e sua figlia di undici.

...Verso la fine del processo non mangiava nè dormiva per giorni interi,ricorda il suo legale Masereau.Ci chiamava in lacrime alle tre di notte preoccupato di ciò che sarebbe accaduto ai suoi figli se fosse finito dietro le sbarre.

....Negli ultimi dodici anni Michael aveva sborsato quasi centomilioni di dollari in patteggiamenti e onorari di avvocati per affrontare la montagna di azioni legali più o meno fondate,decine delle quali restavano pendenti.

...Klein era diventato negli anni una figura di riferimento nella vita di Michael dalla gestione delle sue finanze al concepimento di due dei suoi figli.

...Aveva iniziato ad usare il propofol per dormire dal 96,gli veniva somministrato da un medico di Beverly Hils che viaggiava con lui.

...La Nation of islam non permetterà mai che ti accada nulla "ti prroteggeremo"
Michael era talmente indifeso che si mise nelle loro mani.

....Occhio agli gnomi diceva a Prince e pARIS e Balnket in Irlanda.Credeva davvero all'esistenza di questi esseri fatati dei boschi e lo ammetteva candidamente a chiunque lo chiedesse.

...(a Las vegas) bambini venite quì" chiamò.
I piccoli gli si radunarono intorno e lui distribuì una mazzetta da diecimiladollari ciascuno."uscite e divertitevi=


Questa è la parte che manca nel link di Giuspe

alcune cose saranno anche vere,ma altre le trovo infamanti(come quella del ragazzino,)e altre sono le solite vecchie dicerie.....
questo libro abbiamo già potuto capire che è il resoconto di una persona che ancora una volta vuole fare sensazionalismo usando Michael come mezzo.
Vere o no alcune cose dovrebbero rimanere personali e private,non capisco che senso ha continuare a rivangare voci,vere o presuntespacciandole per verità assolute.....
ma poi chi è questo per credere di sapere tutta la verità su Michael,la sua famiglia e dire che è l'unica vera verità???
avatar
lorejacksina
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 2073
Età : 45
Data d'iscrizione : 28.09.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: [LIBRO] "Untouchable" - biografia su MJ di Randall Sullivan

Messaggio Da silvia80 il Mar Nov 13, 2012 2:01 am

Lorejacksina non ho letto il link di Gspe però non so, ho la sensazione da ciò che hai riportato, che siano solo cose riportate da questo Sullivan "per sentito dire" ed interpretate a modo proprio, molti pettegolezzi e verità confuse. Ripeto il libro di Voegel è il migliore se si vuole riabilitare Michael, le storie sul ragazzino dodicenne e sulla madre di Michael mi sembrano delle menzogne infamanti. Quanto ai suoi figli sono suoi e da questo deduco che di verità ce ne siano scritte la metà del libro (se va bene)...

silvia80
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 825
Data d'iscrizione : 24.05.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: [LIBRO] "Untouchable" - biografia su MJ di Randall Sullivan

Messaggio Da lorejacksina il Mar Nov 13, 2012 2:07 am

a dire il vero la storia del ragazzino a me non è nuova...mi sembra di ricordare un video su youtube che riportava la registrazione di questa o di altre telefonate con questo ragazzino,ma è passato molto tempo da quando l'ho vista e non saprei come ritrovarla.....comunque secondo me è una bufala.
Hai ragione sul libro di Vogel,anche perchè è uno dei pochi che parla di lui come genio artistico tralasciando il gossip.
quest'ultimo libro non credo affatto che abbia l'intenzione di riabilitare Michael,al contrario,getta nuove ombre oltre a quelle vecchie che con tanta fatica si cerca di far sparire dalla mente delle persone, ma mi accorgo che basta così poco per infamare una persona,basta un articolo di giornale ,che tutti possono leggere,come questo di oggi,per continuare ad avere opinioni sbagliate su Michael.

avatar
lorejacksina
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 2073
Età : 45
Data d'iscrizione : 28.09.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: [LIBRO] "Untouchable" - biografia su MJ di Randall Sullivan

Messaggio Da lorejacksina il Mar Nov 13, 2012 2:19 am

credo di aver trovato il video di cui parlavo prima ma è in inglese e non sò tradurlo.....magari siete più bravi di me
questo èil video
avatar
lorejacksina
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 2073
Età : 45
Data d'iscrizione : 28.09.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: [LIBRO] "Untouchable" - biografia su MJ di Randall Sullivan

Messaggio Da alessia jackson il Mar Nov 13, 2012 9:51 am

lorejacksina ha scritto:
quest'ultimo libro non credo affatto che abbia l'intenzione di riabilitare Michael,al contrario,getta nuove ombre oltre a quelle vecchie che con tanta fatica si cerca di far sparire dalla mente delle persone, ma mi accorgo che basta così poco per infamare una persona,basta un articolo di giornale ,che tutti possono leggere,come questo di oggi,per continuare ad avere opinioni sbagliate su Michael.

Sono d'accordo con te
avatar
alessia jackson
BAD
BAD

Numero di messaggi : 344
Età : 19
Data d'iscrizione : 26.06.12

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: [LIBRO] "Untouchable" - biografia su MJ di Randall Sullivan

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 3 di 8 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum