Il Dr. William Alleyne ricorda di quando salvò la vita a MJ nel 1995 da un collasso

Andare in basso

Il Dr. William Alleyne ricorda di quando salvò la vita a MJ nel 1995 da un collasso

Messaggio Da butterflies il Gio Gen 08, 2015 1:25 am

Il Dr. William Alleyne ricorda di quando salvò la vita a MJ nel 1995 da un collasso

Quando il Dr. William Alleyne sentì parlare della morte di Michael Jackson la scorsa settimana, la sua mente lo riportò indietro nel tempo.
Nella sua mente, era Bill Alleyne, il ragazzo giovane che spendeva tutti i soldi che aveva per comprare gli album di Michael Jackson. Il ragazzo che divenne poi un medico e salvò la vita al suo idolo di sempre. 
"E' stato scioccante, davvero molto triste"
William Alleyne ha dichiarato per la prima volta martedì scorso, di essere stato il medico che salvò la vita a Michael Jackson.
Nel dicembre del 1995 Alleyne era il direttore del Beth Israel Hospital e quando una sua infermiera gli disse che stavano trasportando Michael Jackson Alleyne non ci credeva.
"Ahah, molto divertente!".
Aveva visto tante celebrità, ma ora era diverso. Migliaia di persone cominciarono a circondare l'ospedale. Il posto si stava trasformando in un vero manicomio. 
Dieci minuti più tardi, Michel Jackson venne trasportato su una barella nell'ospedale. Il Re del Pop era crollato dopo una prova generale del suo tour vicino al Beacon Theater.
Alleyne e sua moglie lo videro tempo prima in televisione ma ora Jackson era in attesa che Alleyne gli salvasse la vita. 
"Il signor Jackson era in condizioni critiche. Era disidratato. Aveva la pressione sanguigna bassa. Aveva una tachicardia. Il suo stato era vicino alla morte". 
Alleyne, che era un conoscente del dottore al tempo in cui aveva visitato alcuni suoi pazienti, fu scelto direttamente da quel dottore per essere il medico che avrebbe avuto in cura Jackson in caso di emergenza. Alleyne diede l'ordine di avere il defibrillatore pronto se necessario.
Dopo circa un'ora di trattamenti per endovena, Aleyne trasferì Jackson in rianimazione. Nel frattempo la folla fuori dall'ospedale era diventata enorme. 
"Guardai fuori dalla finestra e la folla era davvero enorme molto più di quelle che faceva il Papa, il Presidente e anche Nelson Mandela. Nell'ospedale era pandemonio assoluto".
Alleyne ebbe anche un breve scontro con una guardia del corpo di Jackson che non voleva lasciarlo entrare nella stanza di rianimazione dove c'era il cantante. Alleyne gli disse:
"Il tuo capo sta morendo lì dentro e sto entrando in quella stanza per salvargli la vita. Puoi dire quello che vuoi ma tu lasciami entrare".
Alleyne entrò e salvò Michael Jackson. 
Le tante persone all'interno dell'ospedale non erano però ancora finite. Oltre l'entourage di Jackson, arrivò anche la moglie Lisa Marie Presley che entrò subito nella stanza. Successivamente arrivò anche la sorella Janet Jackson. "Ecco Janet". "Lei poi mi ringraziò per prendermi cura del fratello". 
Alleyne trovò il tempo di chiamare a casa sua moglie. Cheryl Courtlandt, anche lei medico, pediatra al Levine Children's Hospital di Charlotte. Era a casa e con due bambini piccoli. 
"Farò un pò tardi stasera tesoro. Accendi il notiziario".
Disse a sua moglie che Michael Jackson era il suo paziente e lei disse al marito parole che Alleyne non dimenticherà mai: 
"Bene, prenditi cura del Signor Jackson e torna a casa perchè ho due figli qui e devi portare fuori l'immondizia".
Alleyne e Jackson iniziarono ad avere il classico rapporto medico/paziente anche se quello, era differente da qualsiasi altro rapporto ebbe Alleyne. Le persone si arrampicavano sugli alberi per per avere immagini e notizie di Jackson, la stampa mondiale invadeva i marciapiedi e la strada per informazioni sulla sua condizione. 
Alleyne cercava di mantenere Michael jackson in vita con cibo per via endovenosa. 
Michael Jackson era il ragazzo meno esigente che si potesse incontrare.
"Tutto quello che diceva era un sussurro. la sua preoccupazione era se poteva ancora ballare. Io allora lo rassicurai".
Alleyne ottenne l'autorizzazione a rilasciare informazioni alla famiglia Jackson. Ebbe anche a che fare con altri medici che venivano a vedere ogni sua mossa, ed era un modo per avere informazioni su Michael Jackson.
Dopo circa 72 ore Alleyne e jackson rilasciarono una conferenza stampa. Alleyne disse a Jackson di non dichiarare oltre quello che potesse dire. Alleyne disse che Jackson non aveva alcun problema al sistema immunitario, poichè cominciarono a girare voci sull'AIDS.
Era scontato però che Jackson non avesse droga nel suo sistema immunitario.
Le condizioni di Jackson erano state però ben critiche.
"Michael Jackson era incosciente quando arrivò. Vorrei fare questa precisazione".
Nei giorni successivi Alleyne diventò il medico di Jackson.
Jackson ha dovuto fare quello che ogni paziente in ripresa deve fare, passeggiare ed essere monitorati.
"Dopo un paio di giorni il signor Jackson mi disse che aveva bisogno di una acconciatura per i capelli. Gli dissi così che avevamo un barbiere nell'ospedale. L'entourage di Jackson si mise a ridere".
Verso la fine della permanenza in ospedale Jackson chiese ad Alleyne se poteva visitare altri pazienti in terapia intensiva. Jackson incontrò una signora a cui diede regalò un quadro autografato. 
Dopo aver pregato con lei, la signora disse al medico queste precise parole:
"Alleyne, adesso posso anche morire, ho pregato con Michael Jackson".
Dissi al Sig. Jackson che forse la sua visita alle persone che avevano subito un infarto o altri gravi problemi, non era stata proprio una buona idea".
Quando Jackson fu dimesso Alleyne restava sullo sfondo quando le telecamere si spensero ed il video fu girato. Ma Jackson chiese ad Alleyne di fare delle visite a domicilio per i successivi tre giorni. Controlli della pressione sanguigna, battito e cose del genere.
Alleyne fece delle visite a domicilio anche se non rientrava nei suoi compiti. Ma Michael Jackson glielo chiese, perciò lui accettò visite a domicilio nell'attico del Four Seasons hotel.
"Affittò gli ultimi due piani per intero".
In un momento di debolezza Alleyne chiese a Jackson se gli poteva insegnare a ballare il suo celebre passo Moonwalker. Ma Alleyne era professionale con Michael Jackson ed era controllato di continuo dal suo entourage.
Infine, dopo due settimane di cura Alleyne disse a Jackson: 
"Mr Jackson il suo sistema immunitario è ora regolare. Posso smettere di essere il vostro medico e tornare il fan che sono sempre stato".
Alleyne chiese infine a Jackson un quadro autografato per i suoi figli.
Prima che Alleyne lasciasse l'albergo quel giorno Jackson gli ricordò "Grazie per avermi salvato la vita".
Jackson disse poi ad Alleyne quanto fosse stato sicuramente difficile per un uomo di colore come lui, arrivare a una pozione distinta all'interno del mondo medico.
"E' stato molto commuovente quello che mi disse, non lo dimenticherò mai".
Alleyne non ha mai rilasciato nessuna intervista e non ha mai parlato di quel momento così doloroso e preoccupante. Dopo quell'avvenimento non ebbe più occasione di riparlare con Michael Jackson. Alleyne non ha mai detto a nessuno di essere stato il medico dell'artista più famoso e conosciuto del mondo. I suoi figli appresero la notizia solo quando uscì un documentario qualche anno fà che conteneva alcuni filmati della conferenza stampa del 1995. C'era anche lui.
"Papà, tu sei stato il medico di Michael Jackson?".
"A quel punto la verità era necessaria. Sì, sono stato il medico di Michael Jackson".
Questo uomo con origini della Carolina in famiglia, arrivò a Charlotte nel 1996. Iniziò poi la pratica in medicina a Rock Hill nel 1999. Egli ha fatto quello che i dottori umili fanno: dedicare un pò di tempo alla lettura nelle scuole, volontariato e cresciuto i suoi bambini.
L'insegna all'esterno del suo Rock Hill di pratica in medici, riporta solo il suo nome. Michael Jackson non viene menzionato da nessuna parte dell'edificio. 
Solo ora, dopo la morte di Jackson, Alleyne accetta di condividere i ricordi di quei giorni. Alleyne dichiarò di aver detto alla moglie in tono scherzoso che i riflettori del mondo srebbero puntati sui dui dottori che si sono di recente occupati di Michael Jackson prima della sua morte.
Alleyne ha detto che sarebbe stato ricordato come: il medico che ha salvato la vita a Michael Jackson. 
"Che ancora oggi Michael Jackson è amato non è una sorpresa per me. Era una persona graziosa".
Martedì pomeriggio, quando decine di milioni di persone guardavano il memorial di Jackson a Los Angeles, Alleyne faceva il suo lavoro come sempre: 
"Visitavo gli altri pazienti, non guardavo la tv".
Aiutò una signora con problemi cardipolmonari, un altro con asma. Tutti ricevettero la massima attenzione da Alleyne, proprio come fece nel 1995 con Michael Jackson.
Alleyne ha rilasciato questa intervista e poi è tornato a casa come al solito.
Proprio come fece dopo essersi preso cura di Jackson nel 1995.

Fonte heraldonline / michaeljackson
Fonte Traduzione http://michaeljackson.forumup.it/about3191-0.html Michael Jackson Anotherpartofus
avatar
butterflies
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 2707
Data d'iscrizione : 07.07.14

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Il Dr. William Alleyne ricorda di quando salvò la vita a MJ nel 1995 da un collasso

Messaggio Da katia75 il Gio Gen 08, 2015 3:19 pm

Grazie cara Giovanna kiss , testimonianza molto interessante! Very Happy, Michael si faceva sempre notare per la sua dolcezza ed umilta', vedo che tutti quelli che lo hanno conosciuto ci tengono a dire quanto fosse una persona semplice:D
avatar
katia75
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 4420
Data d'iscrizione : 09.06.13

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Il Dr. William Alleyne ricorda di quando salvò la vita a MJ nel 1995 da un collasso

Messaggio Da butterflies il Gio Gen 08, 2015 8:23 pm

Prego cara Katia  kiss In realtà oltre ad avere una ennesima testimonianza del fatto che Michael fosse una persona umile e di modi troppo gentili ho trovato interessante postare la traduzione di questo articolo in relazione al dubbio sullo svenimento che Michael ebbe il 6 dicembre 1995 durante una prova dello show "Michael Jackson One Night Only". Il fatto che non sia mai più stata riprogrammata la data del concerto può far ancora formulare tante supposizioni e lascerà i suoi interrogativi ma....che Michael stette davvero male e che svenne questo credo possa evincersi facilmente dalla dichiarazione di questo medico. Se poi, in conferenza stampa, allora, e poi nel 2009 (data a cui si riferisce l'intervista fatta al Dr Alleyne) si disse la verità o meno sul reale motivo per cui Michael svenne non possiamo saperlo con precisione.
Mi dispiace non aver potuto postare l'articolo originale che da varie ricerche risulta essere stato archiviato in quanto probabilmente obsoleto ma ho trovato la pagina del giornale che riporta parte dell'articolo con annesse le foto del dottor Alleyne e il giornalista, Andrew Dys, che lo scrisse.
E' a questo link:
http://webmedia.newseum.org/newseum-multimedia/tfp_archive/2009-07-08/pdf/SC_TH.pdf
avatar
butterflies
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 2707
Data d'iscrizione : 07.07.14

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Il Dr. William Alleyne ricorda di quando salvò la vita a MJ nel 1995 da un collasso

Messaggio Da Sette di Nove il Ven Gen 09, 2015 11:17 am

grazie butterflies Smile
"Dopo un paio di giorni il signor Jackson mi disse che aveva bisogno di una acconciatura per i capelli. Gli dissi così che avevamo un barbiere nell'ospedale. L'entourage di Jackson si mise a ridere". lol!
avatar
Sette di Nove
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 1397
Età : 68
Località : Roma
Data d'iscrizione : 06.11.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Il Dr. William Alleyne ricorda di quando salvò la vita a MJ nel 1995 da un collasso

Messaggio Da butterflies il Ven Gen 09, 2015 1:52 pm

Di nulla Sette di Nove  Very Happy
Quando ho letto questa frase ho cercato di immaginarne la scena credimi  lol!
avatar
butterflies
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 2707
Data d'iscrizione : 07.07.14

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Il Dr. William Alleyne ricorda di quando salvò la vita a MJ nel 1995 da un collasso

Messaggio Da katia75 il Ven Gen 09, 2015 3:07 pm

Sono d'accordo con te cara Giovanna Very Happy , non capisco proprio come i giornalisti potessero dubitare dello svenimento, visto la quantita' di testimoni presenti, secondo me era solo un volergli dare addosso Mad, sul motivo delle svenimento io credo che non ci fossero altre motivazioni oltre al fatto della pressione bassa e dello sforzo, unite sicuramente allo stress, difatti è rimasto in ospedale pochissimi giorni, il che mi fa' pensare che non fosse null'altro.Per il fatto che non l'hanno piu' programmato, avevano detto che fosse un problema relativo all'assicurazione, credo che potrebbe essere vero anche questo...comunque grazie ancora Giovanna kiss
avatar
katia75
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 4420
Data d'iscrizione : 09.06.13

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Il Dr. William Alleyne ricorda di quando salvò la vita a MJ nel 1995 da un collasso

Messaggio Da luna7MiKE il Ven Gen 09, 2015 11:26 pm

Grazie butterflies Very Happy
avatar
luna7MiKE
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 2756
Età : 31
Data d'iscrizione : 08.09.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Il Dr. William Alleyne ricorda di quando salvò la vita a MJ nel 1995 da un collasso

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum