Intervista a Katherine Jackson su "Windy City Live"

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Intervista a Katherine Jackson su "Windy City Live"

Messaggio Da Giuspe il Ven Lug 25, 2014 1:50 pm





Val si è seduta per un'intervista esclusiva con Katherine Jackson, madre di Michael Jackson, per un colloquio intimo ed emozionale.

Nella prima parte dell'intervista, Katherine rivela che fu lei che ha "scoperto" che i suoi figli avessero del talento musicale.

In un momento emozionante durante la seconda parte del colloquio, Katherine Jackson ha parlato del perdono a Conrad Murray e quando è stata vicina a suo figlio durante un periodo tumultuoso della sua vita.


windycitylive.com

Giuspe
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 5581
Data d'iscrizione : 22.03.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Intervista a Katherine Jackson su "Windy City Live"

Messaggio Da katia75 il Ven Lug 25, 2014 4:09 pm

Grazie Giuspe! peccato che non ci siano i sottotitoli Sad 
avatar
katia75
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 4362
Data d'iscrizione : 09.06.13

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Intervista a Katherine Jackson su "Windy City Live"

Messaggio Da butterflies il Ven Lug 25, 2014 8:52 pm

Grazie tante Giuspe!! Smile
avatar
butterflies
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 2707
Data d'iscrizione : 07.07.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Intervista a Katherine Jackson su "Windy City Live"

Messaggio Da Giovanni il Ven Lug 25, 2014 9:15 pm

Traduzione dell'intervista a cura di Laura Messina:

I. Signora Jackson, quando lei torna in questa casa, quali sono i suoi ricordi più belli che le vengono in mente appena entra dalla porta?
K.Quando entro dalla porta resto sorpresa di quanto sia piccola la casa! Perché adesso la nostra casa è molto più grande di questa, di cui non conosco nemmeno la metratura

I. Ho pensato la stessa cosa quando sono entrata, come ha fatto a crescere 10 bambini in questa casa?
Non lo so, lo dico sempre anch'io!

I. Ci sono solo 2 camere da letto, e una era per lei e suo marito. Come ha sistemato i bambini?
K. Beh, avevo triplici letti a castello per i maschi e per le femmine avevo un divano letto in salotto ma mi lamentavo sempre sulla necessità di un'altra stanza perché le ragazze avevano bisogno della loro privacy.

I. Se questi muri potessero parlare, cosa direbbero della famiglia Jackson?
K. Se potessero parlare, probabilmente direbbero che erano stufi di tutto il rumore che facevamo, con i ragazzi che cantavano, ballavano, facevano le prove tutto il tempo, amavano fare questo, e i vicini non si lamentavano, anzi, molti bambini circondavano il cortile per ascoltarli, e loro provavano almeno 3 volte a settimana.

I. A che punto si è resa conto che c'era qualcosa di speciale in questi ragazzi?
K. Ho scoperto che avevano talento e ho dovuto pregare Joe di ascoltarli perché lui non ci credeva. Loro lo facevano per lo più quando lui non era a casa. I miei ragazzi amavano i Temptation e cercavano di imitarli. Anche quando erano a letto cantavano, io andavo a svegliarli e li trovavo che cantavano, e lo facevano molto bene.
I. Lei è mai stata critica con Michael quando lui si esibiva? Con i video, le canzoni, ha mai avuto qualche influenza, gli ha mai detto: figliolo, dovresti provare questo o quest'altro?
K.No, anche quando hanno cominciato con i Jackson 5, quando scendevano dal palco mi chiedevano: come siamo andati? cosa pensi che dovremmo fare? Io sono stata sempre sincera con loro. E anche adesso, i miei ragazzi... beh, in realtà ora sono degli uomini adulti, ma sì, sono sempre i miei ragazzi, ero preoccupata quando loro mi dissero che si sarebbero esibiti di nuovo, per via della loro età. Ma sono piuttosto bravi.

I.Qual è la sua canzone preferita di Michael Jackson?
K. Caspita, ne ho tante di preferite, ma una che amo davvero è Man In The Mirror.

I. Perché?
K.Non lo so, è una delle canzoni che più... molte sue canzoni riguardano il guardare a sé stessi, per insegnarti qualcosa, questo è ciò che i fan mi dicono.

I. E immagino che ora che sta crescendo i figli di Michael, lei riveda lui in loro...
K.Oh, sì!

I. Perciò, è come se lui fosse ancora qui in qualche modo...
K. Sì, Prince è uno studente bravissimo, ha avuto anche un riconoscimento, e mi rende orgogliosa.

I. Crescere 3 nipoti adesso è più difficile di aver cresciuto dei figli qui a Gary? Voglio dire, oggi ci sono gli I-pad, i computer, gli sms, i selfie, non c'erano tutte queste distrazioni all'epoca... qual è la sua maggiore difficoltà ora?
K. Non c'erano tutte queste cose... ma non è male oggi perché posso permettermi una tata, una cuoca, e tutte quelle cose che aiutano veramente molto, perciò non è così difficile, i bambini sono bravi.

I. Michael ha parlato del fatto di non aver mai avuto un'infanzia, per questo era sempre circondato da bambini, aveva creato Neverland, e i suoi erano i modi di un bambino anche da adulto. Lei ha qualche rimorso sul fatto di averlo lasciato crescere nel mondo dello spettacolo così piccolo o rifarebbe le cose allo stesso modo?
K. Non lo so perché lui ha sempre parlato del fatto di non aver avuto un'infanzia, ma ha anche sempre detto che non l'avrebbe cambiata perché amava quello che faceva. E l'amava davvero. Lui ha avuto un'infanzia, ma raccontava di quando vedeva gli altri bambini giocare dallo studio di registrazione, e credo che a volte si sentiva come se voleva giocare, ma non poteva.

I. Pensa che questo lo abbia reso triste?
K. Penso di sì, che sia accaduto qualche volta, ma io non l'ho mai visto perché lui a casa era sempre allegro, rideva sempre.

I. Quando Michael è diventato adulto, con i suoi processi e le sue tribolazioni, com'è riuscita ad essere per lui una madre in modo speciale o diverso?
K. All'epoca, quando ci è passato per la prima volta, era ancora a casa, o comunque veniva a casa spesso. Io sapevo che lui non aveva fatto niente, lui lo sapeva. Lui è stato accusato 2 volte, perché Michael amava i bambini ed era sempre circondato da loro, e loro hanno pensato che quello era il modo per ottenere cose da lui...

(Sta parlando del processo...)
Sì, lui continuava a dire: Non è vero, non devi preoccuparti. Io lo chiamavo e gli dicevo: devi venire qui, questa è una cosa terribile, non puoi vivere laggiù. Ma era terribile. L'accusa di abuso su minore è la cosa peggiore che si possa fare a qualcuno! E Michael non avrebbe mai fatto una cosa simile. Al processo per le seconde accuse, quando io ero lì, loro avevano accusato Michael, credo fossero 10 o 11 capi d'accusa, e io semplicemente pregavo, dicevo: lo stanno accusando di tutto questo perché stanno cercando di incastrarlo e metterlo in prigione. E io mi sentivo come se non potevo farci niente...

Quando hanno cominciato a leggere tutti i capi d'accusa... (piange)... mi scusi... Lui era libero! Da tutte le accuse, NON COLPEVOLE. E c'era una fan fuori, non so chi fosse, ma lei portò delle colombe e ... (piangendo) ogni volta che liberavano Michael, lei liberava una colomba...

I. Io non riesco nemmeno a immaginare come madre... lei ha detto che conosce suo figlio meglio di chiunque altro...
K. Ed è ancora così.

I. Perché crede che Michael sia stato così frainteso, allora e anche adesso?
K. Perché le persone Michael NON lo conoscevano, e molte persone quando diventano popolari perdono l'umiltà, mentre Michael era umilissimo. Non sto tessendo le lodi di mio figlio, ma io mio figlio lo conosco! Conosco tutti i miei figli.

I. Ci dica chi era Michael Jackson.
K. Michael Jackson era la persona più generosa e amorevole che si possa mai incontrare. E chiunque glielo dirà, delle persone che gli erano vicine e lo conoscevano. Anche molti suoi fan lo conoscevano. Michael era il tipo di persona che ti dava tutto quello che poteva darti, ecco quanto era amorevole. Quando era un ragazzino e stavamo guardando la tv, c'erano questi bambini denutriti con le mosche che gli volavano attorno, e lui piangeva! (commossa) Riusciva a sentire il loro dolore. E mi disse: mamma, un giorno farò qualcosa per questo. E io non gli prestai attenzione. Ma... lui ci chiamò a New York e mi portò in un hangar, piena di cose su dove si trovavano questi bambini poveri, voleva che io vedessi quello che lui aveva fatto per loro.

I. Per questa sua natura, lei pensa che si fidasse troppo degli altri?
K. Lui si fidava di tutti finché non facevano qualcosa di male, e quando le persone scoprono che sei così fiducioso, amorevole e premuroso, la prendono per debolezza e cominciano ad approfittarsene. Ed è quello che lui ha imparato.

I. E infine... lei non ha mai incontrato Conrad Murray.
K. No.

I. E Michael si è fidato di quest'uomo...
K. Sì, lo ha fatto.

I.Lei come madre riesce a perdonarlo avendo lui giocato un ruolo nella morte di suo figlio?
K. (Lunga pausa)... Io devo perdonare. Perdonare è la cosa più difficile del mondo. Ma io devo farlo. E tu devi pregare per questo. Non sono più arrabbiata, ma... (lunga pausa) sì, io riesco a perdonarlo.

I. La fama di Michael, o degli altri ragazzi, l'ha mai spaventata?
K. No, l'unica cosa che dissi ai miei figli prima di lasciare Gary, parlai con loro della fama, parlai di quello che sarebbero andati a fare, e dissi loro: è solo un lavoro, come quello di chiunque altro, solo che voi intrattenete le persone, e molti che entrano in questo business, pensano di essere migliori degli altri, ma in questa casa non c'è posto per chi si monta la testa,

I. Questo è il modo in cui li ha tenuti con i piedi per terra?
K. Non lo so, ma loro hanno tenuto i piedi per terra. E Michael è rimasto umile dal giorno in cui ha cominciato fino al giorno in cui è morto.

I. Con il passare dei giorni, è mai diventato più facile...
K. Non passa giorno in cui io non pensi a mio figlio tutto il giorno, per tutto il tempo.

I. Lei quale vuole che sia l'eredità di Michael Jackson?
K. Voglio solo che la gente lo ricordi, ricordi che buona persona fosse, che persona amorevole fosse, e voglio solo che il ricordo di lui continui a vivere nella mente e nei cuori della gente.

_________________
avatar
Giovanni
Admin & Founder
Admin & Founder

Numero di messaggi : 10733
Età : 28
Località : Napoli
Data d'iscrizione : 12.06.08

Vedi il profilo dell'utente http://michaeljackson.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Intervista a Katherine Jackson su "Windy City Live"

Messaggio Da katia75 il Sab Lug 26, 2014 5:28 pm

Grazie infinite Giovanni per la traduzione! kiss , si percepisce molto bene l'affetto che prova per Michael, poverina soffre ancora come il primo giorno...
avatar
katia75
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 4362
Data d'iscrizione : 09.06.13

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Intervista a Katherine Jackson su "Windy City Live"

Messaggio Da butterflies il Sab Lug 26, 2014 6:57 pm

Grazie mille anche da parte mia Giovanni per la traduzione! Very Happy
avatar
butterflies
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 2707
Data d'iscrizione : 07.07.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Intervista a Katherine Jackson su "Windy City Live"

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum