Vi ricordate di Michael Jackson 5 anni dopo?

Andare in basso

Vi ricordate di Michael Jackson 5 anni dopo?

Messaggio Da smelly jackson il Lun Lug 21, 2014 11:19 pm


Articolo di Brad Washington



In questo parla della sua esperienza di jacksoniano, e scommetto che in molti si riconosceranno nel suo percorso.





June 29, 2014 by Staff
Music Editor Brad Washington

L'estate del 2009 occuperà uno spazio permanente nel mio cuore e nella mia anima.
In autunno avrei frequentato l’ultimo anno (al college), avevo perso 11 chili giocando a basket con gli amici e la famiglia, e avevo anche la fidanzata del liceo al mio fianco. Andai ad Atlanta, Georgia, Montego Bay e in Giamaica in vacanza con la mia famiglia allargata. Andai in Giamaica a fine giugno e fu senza dubbio il viaggio più divertente e introspettivo io abbia mai fatto. Dico introspettivo, perché ero in Giamaica quando Michael Jackson morì all'età di 50 anni.

25 GIUGNO 2009. Fui informato da un lavoratore che (MJ) stava male ed era in condizioni critiche. Il tempo di collegarsi a un computer e controllare Yahoo, ed era già morto.
All'età di 17 anni, anche se riconoscevo le sue doti di intrattenitore, onestamente non ero un suo grande fan.
Ma quel giorno ho sentito di aver perso un membro della famiglia, un amico personale, per qualche motivo. Il resto di quel giorno fu pieno di dolore, come per l'intero resort bloccato davanti alla CNN per seguire la copertura della notizia. E, per fortuna, era il secondo ed ultimo giorno della nostra permanenza al villaggio, perché non vedevo l'ora di arrivare di nuovo a Columbia in South Carolina, la sera successiva, per approfondire la mia collezione di dodici canzoni di MJ.

Ben presto, il mio iPod fu riempito con quasi ogni canzone di Jackson possiate immaginare. Dai suoi primi, rassicuranti lavori con la Motown a quelli da solo e cantante dei Jackson 5, ai suoi tour de force da solista.
Per un paio di anni, ho seguito ogni suo singolo passo, letto tutti i possibili libri scritti su di lui.
Dire che era un'ossessione è esagerato; “vivo interesse per l’intrattenitore più interessante al mondo” è più adatto. Sono diventato uno storico non ufficiale di Michael Jackson, e mi sono divertito a fornire notizie a coloro che volevano sapere quando è uscito Thriller, in che anno è stato rilasciato Captain EO, e potrei guardare una foto e dire subito che anno è stata scattata in base alla sua apparenza. Ad esempio, i primi segni di pelle pallida sono del 1984, la fossetta sul mento è comparsa nel 1986 e il MJ “estremamente chiaro” è comparso la prima volta nel 1989, nella performance di chiusura del Bad tour a Los Angeles, ma in realtà è diventato il suo look nel 1990. Non vorrei sembrare saccente, ma mi sono divertito imparando i misteri di questo uomo.

La morte di Jackson mi ha salvato come intenditore di musica. Nel periodo in cui è morto, stavo già vivendo una fase in cui mi ero disinteressato alla musica non sostanziale. Il mio iPod al momento era immerso in Young Jeezy, Lil 'Wayne e Gucci Mane. Una volta ascoltati nel dettaglio Off The Wall, Thriller, Bad, Dangerous, HIStory e Invincible, la trappola rap come la conoscevo ha cominciato a diventare obsoleta. Mai nei miei diciassette anni avevo vissuto una scoperta di ascolto personale di un artista che metteva l'anima nel suo lavoro e non faceva musica “povera” come l'attuale.
Non per sembrare eccessivamente saputello (nell’originale fa riferimento a Stan di South Park , che spesso ci informa di quel che ha imparato nella puntata), ma penso che Jackson abbia realizzato musica perfetta.
Il periodo di maggior fissazione per Jackson è passato, ma la mia direzione musicale da quando ho finalmente sentito il corpo del suo lavoro solista nel complesso è cambiata completamente. R & B, rock, pop di ieri e musicisti underground non sono infrequenti sul mio iPad. Mi piace l'ascolto di artisti, musicisti e produttori che fanno musica per l'auto-godimento e per i fan allo stesso modo in cui Jackson ha fatto per sé stesso e i suoi fan. Anche se mi dispiace parafrasare Plies (credo faccia riferimento a questo, un rapper ), Michael Jackson mi ha introdotto alla realtà e ora odio (la musica) priva di senso.

Voglio scusarmi in anticipo per la consegna di questo articolo pochi giorni dopo il quinto anniversario della morte di Michael. Sto scrivendo questo articolo sul mio iPad (i google docs possono essere utilizzati offline), ma ero in crociera e internet era carissimo. Però non potevo lasciare passare questo anniversario senza le mie riflessioni.

Cinque anni fa, i miei coetanei hanno avuto il loro primo momento "dov'eri" , oltre agli sfortunati eventi dell'11 settembre. Fino ad oggi, ogni volta che Michael Jackson salta fuori in una conversazione, non ho incontrato nessuno che non ricordi esattamente cosa stava facendo quando ha sentito la notizia.
Shock e tristezza sono le risposte che di solito sento quando qualcuno descrive accuratamente come si sentiva.
Ma, e ciò è buffo per me, postumamente ha riottenuto la fama pre-1986, l’adulazione e il rispetto che non ha avuto dopo che le disavventure al viso, la vitiligine e il comportamento eccentrico han dominato sua immagine.

Sono direttore in un programma post-terapia, e ho visto bambini di cinque anni che sanno chi è Michael e possono recitare la sua musica senza sforzo. Se si mette su Billie Jean al lavoro, tutti i bambini rinoscono la canzone. La morte opera in modi misteriosi per i defunti e quelli intorno a loro che li amavano di più.

Ma l’immagine più duratura di Jackson è per me la sua incredibile intelligenza musicale.
La mia scena preferita in assoluto è come ha cercato di ottenere dal suo direttore musicale di riprodurre con precisione "The Way You Make Me Feel", in "This Is It". Anche se il direttore faceva del suo meglio, non riusciva a sentire quello che il suo capo stava sentendo. Quella scena rappresenta Michael per me: un genio che era in anticipo sul suo tempo allora e, anche nella morte, anni luce avanti alla massa.
Cinque anni sono trascorsi e passati, ma è evidente che la sua musica vivrà per sempre.
Riposa in pace, Michael Jackson, il tuo genio e intelletto musicale non saranno mai dimenticati.

Fonte: thyblackman.com
avatar
smelly jackson
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 1810
Età : 45
Località : TRENTO
Data d'iscrizione : 02.12.10

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Vi ricordate di Michael Jackson 5 anni dopo?

Messaggio Da butterflies il Mar Lug 22, 2014 12:16 am

Che bell'articolo smelly jackson! Grazie Very Happy
avatar
butterflies
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 2707
Data d'iscrizione : 07.07.14

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Vi ricordate di Michael Jackson 5 anni dopo?

Messaggio Da katia75 il Mar Lug 22, 2014 4:39 pm

Grazie Smelly!, devo dire che è una cosa che mi colpisce sempre molto, vedere come a tantissime persone ,me compresa, la morte di Michael abbia risvegliato una passione ed un amore cosi' improvviso quanto intenso, e aggiungo duraturo, perche' sono consapevole che di solito, quando muore un personaggio molto famoso ,molti si fanno trascinare dalla "moda" del momento e si mettono a seguire l'artista, ma è una passione effimera, poco dopo(finita 'ondata post mortem) li dimenticano, ma vedo che con Michael invece si parla di un vero sentimento ,tanto da durare cosi' a lungo.
avatar
katia75
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 4413
Data d'iscrizione : 09.06.13

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Vi ricordate di Michael Jackson 5 anni dopo?

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum