recensione di Invincible

Andare in basso

recensione di Invincible

Messaggio Da smelly jackson il Dom Feb 02, 2014 12:02 am


Recensione tecnica, di Francesco Formisano

Posto qui la recensione fatta da un fan:Francesco Formisano, buona lettura! Wink







Unbreakable

Dopo le accuse del 1993, dopo le illazioni della stampa, continuava a reputarsi indistruttibile e nel 2013 questa canzone che era una delle sue preferite del disco (assieme a Speechless e The Lost Children) non ha perso smalto.

MJ inizialmente la voleva come primo singolo e successivamente come terzo singolo per girarne un mastodontico cortometraggio che a causa delle note controversie non ha visto la luce. Sorprendentemente si è saputo che l'ha prodotta Eminem, con il beat che è simile ad "Unbelievable" di Notorious B.I.G. e che risente dell'influenza hip-hop pop da parte del MC di Detroit. Funziona il contrasto fra le grintose strofe e ritornelli, ed il preritornello in falsetto.


Heartbreaker

Rientra nell'approccio "futuristico" che voleva trasmettere con quest'album. Tra le pecche credo che duri troppo e il ritornello non è tra i più memorabili.Bellissimo il bridge e alcuni nuovi suoni che ancora oggi continuano a suonare moderni e di difficile emulazione.


Invincible

La più "melodica", minimalista ed Rnb delle prime tre. Qualcuno ha scritto che MJ con questo disco voleva avvicinarsi al suono che circolava all'epoca ma anche questa canzone ha indubbiamente suoni molto ricercati e che poco centrano con il sound dell'epoca. Come tematica dopo "Who is it", "Dangerous", "Heartbreaker" e proprio "Invincible" c'è da scommettere che Michael non ha incontrato nella sua vita donne "facili"....


Break of Dawn

Cory Rooney ha raccontato che questa è stata la prima canzone che Michael presentò ai discografici della Sony per il nuovo album e ne rimasero sbalorditi. Sinceramente dopo 12 anni continuo a non innamorarmene, nonostante parli di amore da fare fino all'alba con la propria amata. Per conoscere l'origine, potete ascoltare online la demo originale adopera di Dr.Freeze intitolata "Twilight", che ha una somiglianza solo nel ritornello ma per il resto è completamente diversa. Mi piace l'atmosfera, i fraseggi nelle strofe ed un fresco sound Rnb ma credo perda molto a causa dall'assenza di Michael nei cori del ritornello, con la massiccia presenza di Dr.Freeze.


Heaven Can Wait

Ha un sound caratteristico del periodo ed anche la melodia riecheggia quel RNB che tanto faceva furore soprattutto in Usa, tra la fine dei 90 e l'inizio del 2000. Michael ascoltò la demo di questa canzone e se ne innamorò e volle inciderla ma sinceramente continua a non colpirmi. Belle le atmosfere "celestiali" create dall'orchestra e la sua voce dove in alcuni passaggi è molto rauca e quasi irriconoscibile ma molto originale.


You Rock My World

Il ritorno di Michael Jackson sulla pista da ballo. Credo sia la più riuscita dell'intero lavoro con il team di Jerkins, riuscendo a coniugare suoni vintage come il basso ed i violini campionati ad altri elementi più moderni, come tutta la sezione ritmica e ciò rende questa canzone longeva e da non catalogare in un particolare periodo musicale. Questa è stata la prima canzone a cui ha lavorato nel 1999 con Rodney Jerkins, che nelle interviste ha dichiarato che inizialmente proponeva a Michael questo tipo di sound ma Michael voleva qualcosa di più futuristico. Personalmente credo che avrebbe fatto meglio a seguire il consiglio del producer, inserendo nel disco altre canzoni più "classiche" e da dancefloor come questa.


Butterflies

Andre Harris e Marsha Ambrosius si presentarono in studio con questa canzone e Michael come dargli torto decise di registrarla e di inserirla nel disco. Se ascoltate la versione di "Floetry" della demo originale è uguale a quella finita su disco ma ha l'aggiunta delle trombe che le danno un tocco in più di classe (torneranno in One more chance). Nel complesso ha un sound che si contraddistingue dall'rnb del periodo e l'interpretazione di Michael mostra una tecnica invidiabile, sperimentando cose che non aveva mai fatto prima. Un singolo di sicuro successo, che stava già andando forte nelle radio USA ed era pronto a dominare le charts in caso di pubblicazione.


Speechless

Intro e outro a cappella da brividi, per una canzone magica, 100% Michael Jackson. Sembrerà strano sapere che non l'ha scritta per una donna ma dopo una battaglia con i palloncini d'acqua con i bambini e ha sempre dichiarato che "le grandi melodie sono immortali" e questa indubbiamente lo è. Accompagnata dall'orchestra, tra l'altro condotta proprio da MJ e Jeremy Lubbock (I Have Nothing di W.Houston) e con un finale in crescendo non inferiore ai suoi più grandi classici.


2000 Watts

Era destinata all'album di Tyrese Gibson proprio dal titolo "2000 Watts" ma Teddy Riley la fece ascoltare a Michael e gli piacque così tanto da volerla inserire in "Invincible". Non ho apprezzato la scelta di abbassare la voce di un semitono e online potete trovare una versione fan-made con la voce originale. La produzione vede Riley tornato ai fasti di un tempo e la voglia di MJ di inserire suoni davvero unici, che possiamo trovare solo su quest'album e che a distanza di 12 anni continuano ad essere all'avanguardia. Con un video in stile "futuristico-cybernetico", credo che avrebbe avuto grande successo.


You Are My Life

Quando uscì l'album non era una delle mie preferite ma col tempo l'ho rivalutata. Per qualcuno lessi che era una ninnananna ma credo che sia una bella melodia accompagnata dall'ottima chitarra di Babyface e con un finale in crescendo in puro stile MJ. E' stata in ballottaggio fino all'ultimo con "Shout" e sono d'accordo con la scelta finale.


Privacy

L'intro è ben fatto e promette qualcosa di buono che però ahimè non arriva. Tema sviluppato in altre canzoni e il ritornello è davvero debole e continuo a non capire come sia potuto finire in un album di Michael Jackson. Si salvano alcuni FX e l'ottima chitarra che sembra suonata da Slash ma in realtà è di Michael Thompson. Nel complesso reputo questa canzone il punto più basso della discografia jacksoniana e molte altre meritavano di finire nella tracklist al suo posto.


Don't Walk Away

Resta quasi sulla stessa linea per tutta la sua durata senza andare in crescendo e il finale è un po' ripetitivo. Ma ha una buona melodia, belle atmosfere e si sente molto lo studio con Seth Riggs per ottenere una voce più rauca e "matura", che è un po' la caratteristica di quest'album.


Cry

Per tematica, sound e struttura è riciclata da alcuni classici jacksoniani, perciò R.Kelly cerca di emulare MJ ma non raggiunge quei picchi e non credo fosse all'altezza di uscire come singolo. Bello il bridge con il notevole finale in crescendo, che forse poteva arrivare prima rendendo la canzone più incisiva.


The Lost Children

Col tempo rivalutata, ed è 100% Michael Jackson per melodia e musica. Non solo perchè lo dicono i credits ma perchè queste erano le canzoni che venivano dal suo cuore, lanciando messaggi a cui era legato e con melodie a lui congeniali. Magari con un video ambientato a Neverland, poteva diventare un inno per i bambini di tutto il mondo.


Whatever Happens

Se ascoltate la demo originale ad opera di Gil Cang and Geoffry Williams, vi accorgerete che la melodia è la stessa finita sul disco. Ma la produzione by MJ e T.Riley sfocia in nuove atmosfere e l'interpretazione di Michael ha portato la canzone ad un livello superiore, ed ottimo è il contributo di Carlos Santana, con il fischio iniziale e la chitarra. Era programmata come singolo e sul suo successo non c'erano dubbi.


Threatened

Qui Michael non si pone in veste di vittima ma in veste di "mostro" e scrive uno dei testi più intriganti ed ironici della sua carriera. Omar Bhatti ha raccontato che MJ era solito raccogliere alcuni oggetti in un sacchetto collegandovi un microfono e poi lanciava il tutto giù dalle scale e campionava i suoni che ne venivano fuori e alcuni di questi li ha usati in questa canzone. Rodney Jerkins dichiarò che Michael voleva addirittura inventare nuovi strumenti e qui l'uso "creativo" che hanno fatto delle chitarre per il riff principale è qualcosa che ancora oggi fa scuola.Misteriosa, innovativa e originale chiude il disco col botto e resta il rimpianto di non aver visto un nuovo short film "horror" dopo Thriller e Ghosts, perchè c'erano tutte le premesse per creare qualcosa all'altezza dei suoi predecessori.

Fonte: mjfs

avatar
smelly jackson
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 1810
Età : 45
Località : TRENTO
Data d'iscrizione : 02.12.10

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: recensione di Invincible

Messaggio Da Smooth Criminal 90 il Dom Feb 02, 2014 12:18 am

Grazie molto interessante, non sapevo che la voce in 2000 watts e' piu' bassa di un semitono ecco perche' mi e' sempre parsa diversa la prima volta che l'ho ascoltatata non mi sembrava neppure Michael comunque a me piace tantissimo anche per questo forse.

Smooth Criminal 90
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 3263
Età : 27
Località : Taranto
Data d'iscrizione : 06.07.11

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: recensione di Invincible

Messaggio Da katia75 il Dom Feb 02, 2014 12:14 pm

Grazie, veramente interessante.
avatar
katia75
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 4413
Data d'iscrizione : 09.06.13

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: recensione di Invincible

Messaggio Da Dangerousboy89 il Sab Mar 01, 2014 5:50 pm

grazie
avatar
Dangerousboy89
OFF THE WALL
OFF THE WALL

Numero di messaggi : 182
Data d'iscrizione : 10.03.13

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: recensione di Invincible

Messaggio Da 2 Bad il Sab Mar 01, 2014 6:09 pm

Non sono per niente d'accordo con questa recensione.
avatar
2 Bad
Greatest Entertainer of All Time
Greatest Entertainer of All Time

Numero di messaggi : 12379
Età : 24
Località : Monopoli (BA)
Data d'iscrizione : 22.04.11

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: recensione di Invincible

Messaggio Da Dangerousboy89 il Lun Mar 03, 2014 7:24 pm

ecco la mia votazione brano per brano
Unbreakable 8
Heartbreaker 7
Invincible 6
Break of Dawn 8
Heaven Can Wait 7
You Rock My World 7
Butterflies 7
Speechless 8
2000 Watts 6
You Are My Life 8
Privacy 7
Don't Walk Away 8
Cry 7
The Lost Children 7
Whatever Happens 8
Threatened 8
voto complessivo all'album 7 ho fatto la somma dei voti e diviso per le canzoni che sono 16
avatar
Dangerousboy89
OFF THE WALL
OFF THE WALL

Numero di messaggi : 182
Data d'iscrizione : 10.03.13

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: recensione di Invincible

Messaggio Da trilli80 il Mer Mar 05, 2014 7:41 pm

però a Speechless potevi dare anche 10 Razz Razz Very Happy
avatar
trilli80
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 1252
Età : 38
Data d'iscrizione : 11.05.11

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: recensione di Invincible

Messaggio Da Dangerousboy89 il Gio Mar 06, 2014 8:08 pm

potevo ma non lo fatto Very Happy 
avatar
Dangerousboy89
OFF THE WALL
OFF THE WALL

Numero di messaggi : 182
Data d'iscrizione : 10.03.13

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: recensione di Invincible

Messaggio Da 2 Bad il Sab Mag 31, 2014 5:15 pm

@MJ Fan: Beh, che un solo brano di Off the Wall valga tutto Invincible mi sembra una grandissima esagerazione. E comunque sì, forse i brani che ho citato io non erano molto innovativi, ma a livello tecnico, di musica e voce, sono dei capolavori, e io una canzone la giudico per questo, non per l'innovazione. Per l'innovazione giudico gli artisti, e Michael è stato un grande anche in questo, pur non avendo innovato molto con Invincible. Anche se 2000 Watts, secondo me, è innovativa.
E comunque secondo me canzoni come You Rock My World, Cry, Speechless, o Butterflies sarebbero state dei successi anche se cantate da altri, sono proprio le canzoni che sono belle, anche se Michael le fa diventare bellissime.
Sì, che la maggior parte dei testi li abbia scritti insieme ad altri, e a volte nemmeno quello è vero, ma comunque come dici tu la voce che raggiunge in Invincible è incredibile, e secondo me è un bellissimo album, al pari degli altri.
avatar
2 Bad
Greatest Entertainer of All Time
Greatest Entertainer of All Time

Numero di messaggi : 12379
Età : 24
Località : Monopoli (BA)
Data d'iscrizione : 22.04.11

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: recensione di Invincible

Messaggio Da MJFan il Sab Mag 31, 2014 5:50 pm

'Off The Wall' è un album straordinario, un capolavoro intaccabile ed intoccabile, una sola 'Working Day And Night' vale tutta Invincible, e non è un esagerazione, ma pura realtà.
L'ultimo album di Mike non ha quasi nulla di suo tranne che la sua voce: sound già visti, troppe collaborazioni e scelte tecniche decisamente discutibili indi per cui imparagonabile ai capisaldi della sua carriera.
Il caro Michaelino fu furbissimo a pubblicizzare l'album dicendo che offriva di più rispetto a Thriller, ma mai cazzata fu più grande, ripeto che si tratta di un ottimo album guardando lo schifo che allora c'era in giro, ma non ha nulla a che vedere con gli standard di MJ.
Ad esclusione di 'Speechless' '2000 Watts' 'Butterflies' e 'Whatever Happens' (e due/tre di queste non sono manco sue), il resto non ha nulla di straordinario da offrire se non le sue interpretazioni, strapieno di buone intuizioni non valorizzate, esagerazioni e brani troppo banali e simili tra loro (produzione di R. Kelly docet, oh mio Dio non ci siamo ).
Quando si giudica un album, dovrebbe essere giudicato oggettivamente e non secondo i propri gusti, anche io adoro  'Heal The World' ma se dovessi dare un parere oggettivo riconosco che si tratta di una canzonetta se paragonata agli altri pezzi di Dang, per intenderci.

E comunque, dopo l'ascolto di 'Xscape' ho rivalutato molto l'abilità compositiva di MJ nel periodo 'Invincible', guardando agli outake non inseriti in quest'ultimo, ed allo scarso impegno nella scelta della track-list, sono abbastanza convinto che fu sua decisione lasciare i pezzi migliori in 'working progress' per il futuro, avendo già captato la via che avrebbe intrapreso Mottola nei confronti del suo album, pensiero mio ovviamente, non ne ho le prove, vado a logica d'ascolto.
avatar
MJFan
The Wiz
The Wiz

Numero di messaggi : 90
Data d'iscrizione : 09.05.13

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: recensione di Invincible

Messaggio Da 2 Bad il Sab Mag 31, 2014 6:18 pm

Che Off The Wall sia un capolavoro lo so, lo adoro anch'io. E per quanto possa essere bella Working day and night, puoi dire che è superiore a ciascuna delle canzoni di Invincible, ma non che una sola canzone sia superiore a 14 canzoni complessivamente, almeno secondo me. Se così fosse Bad dovrebbe essere superiore a tutti gli altri album di MJ messi insieme solo perché contiene Man in the mirror... Ma ovviamente non è così.
Che Invincible non sia superiore agli altri album di MJ ok, ma secondo me non è nemmeno inferiore, o quantomeno può competere con HIStory.
Ma comunque non capisco perché sia così importante che una canzone debba averla scritta lui, certo se l'avesse scritta lui sarebbe un ulteriore merito, ma in fondo un cantante deve essere bravo a cantare più che a scrivere. Man in the mirror non l'ha scritta lui, tuttavia secondo me è la sua più bella canzone.
Sì, io forse non sono molto bravo nel giudicare le cose oggettivamente e mi lascio trasportare dai miei gusti, ma ripeto, Invincible, oggettivamente, se la può giocare almeno con HIStory secondo me.
E vabbè, Heal the World può sembrare una canzonetta per via della melodia, ma sappiamo tutti che è una canzone con i contro fiocchi, quindi io non la definirei proprio una canzonetta.
avatar
2 Bad
Greatest Entertainer of All Time
Greatest Entertainer of All Time

Numero di messaggi : 12379
Età : 24
Località : Monopoli (BA)
Data d'iscrizione : 22.04.11

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: recensione di Invincible

Messaggio Da MJFan il Sab Mag 31, 2014 6:31 pm

Perché non posso dirlo? Certo che lo dico, WDAN vale da sola tutta Invincible, lo ripeto ancora, è così, e non c'è gusto che tenga, poi è ovvio che si tratta di un esempio per dimostrare che Invincible non è ai livelli di Michael Jackson.
Il paragone che hai fatto con Bad non c'entra nulla quindi, ma poi francamente non si può manco sentire che Invincible se la gioca con HIStory, ma dove? Forse per tuo gusto musicale, FORSE... ma 'Little Susie'? 'HIStory'? 'TDCAU'? 'Earth Song'? Ma proprio mai. Per non parlare di 'Morphine', inciso durante le sessioni di HIStory.
E mi dispiace, ma 'Heal The World' è una canzonetta, lo è per tanti motivi, e se mi citi 'Man In The Mirror' posso continuare a dimostrarti che discuti secondo i tuoi gusti, dato che se prendiamo 'Speed Demon' (sempre da Bad) c'è un abisso tra le due a favore di quest'ultima, quindi è inutile.
avatar
MJFan
The Wiz
The Wiz

Numero di messaggi : 90
Data d'iscrizione : 09.05.13

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: recensione di Invincible

Messaggio Da 2 Bad il Sab Mag 31, 2014 6:56 pm

Sì ok, sto giudicando secondo i miei gusti, anche se so che 'Little Susie', 'HIStory', 'TDCAU', 'Earth Song' sono superiori a tutte le canzoni presenti in Invincible, sia oggettivamente, e sia perché in effetti mi piacciono di più. Quello che voglio dire è che secondo me Invincible è comunque un buon album con delle buone canzoni. Se per esempio una You rock my world o Heaven can wait fossero state registrate ai tempi di Thriller, Bad, o Dangerous, tu le avresti considerate allo stesso modo in cui le consideri adesso? Forse no, ed è questo che voglio dire, non bisogna sottovalutare alcune canzoni solo perché fanno parte di Invincible.
Sì Heal the world è una canzonetta ok, ma è una canzonetta capolavoro, non una canzonetta qualsiasi, è questo che intendo.
E no scusami, ora devi dirmi i parametri su cui valuti una canzone, perché prima dici che il testo è importante, ma poi paragoni Man in the mirror a Speed Demon, la cui differenza di testo è sì abissale. Per quanto riguarda il livello tecnico invece, forse hai ragione, Speed Demon ha delle percussioni fantastiche ed è una canzone che si apprezza col corso degli ascolti, e infatti prima non mi piaceva, ma adesso la adoro. Ma comunque Man In The Mirror ha dei cori fantastici, e comunque sono due canzoni dal genere diverso.
avatar
2 Bad
Greatest Entertainer of All Time
Greatest Entertainer of All Time

Numero di messaggi : 12379
Età : 24
Località : Monopoli (BA)
Data d'iscrizione : 22.04.11

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: recensione di Invincible

Messaggio Da MJFan il Sab Mag 31, 2014 7:05 pm

Ovviamente giudico riguardo il lato strettamente tecnico e compositivo, nel caso non l'avessi capito, adesso sai il mio metro di giudizio, quindi avrei considerato nello stesso modo quelle canzoni anche se fossero state incise nel periodo migliore di MJ, non cambia nulla se i pezzi son quelli.
MITM è un classico, mai messo in dubbio: testo, interpretazione, va in crescendo ripercorrendo quelle che sono le classiche radici black/gospel di MJ, ma il mio era un esempio, intendo dire che se giudichi quest'ultima come il suo miglior lavoro, è palese che sia un tuo gusto personale, ma oggettivamente NON è il suo miglior lavoro, e così ho scritto seguendo questa linea di pensiero riguardo tutti i brani ed album che ho citato, tutto qui.
Che poi 'Heal The World' abbia un bel testo, che MJ l'abbia interpretata magistralmente, che sia stata impeccabilmente composta questo non lo nega nessuno, ma presa per quella che è, strutturalmente è di tante spanne inferiore a pezzoni coi controcogli**i presenti in Dang, è qui che voglio arrivare.
avatar
MJFan
The Wiz
The Wiz

Numero di messaggi : 90
Data d'iscrizione : 09.05.13

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: recensione di Invincible

Messaggio Da 2 Bad il Sab Mag 31, 2014 7:18 pm

Ok ho capito perfettamente cosa intendi, e gusti a parte concordo con te.
Una curiosità, come giudichi Keep The Faith? Secondo me è quella il miglior lavoro di MJ, Man In The Mirror la preferisco un filo di più per un fattore personale, ma ragionando oggettivamente definirei Keep The Faith come la canzone migliore di MJ, o comunque la metterei sicuramente tra le prime tre. Tu?
avatar
2 Bad
Greatest Entertainer of All Time
Greatest Entertainer of All Time

Numero di messaggi : 12379
Età : 24
Località : Monopoli (BA)
Data d'iscrizione : 22.04.11

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: recensione di Invincible

Messaggio Da smelly jackson il Sab Mag 31, 2014 7:32 pm

Shocked scrivo con un po' di timore, perché, MJ Fan, mi fai un po' di soggezione... Razz 
Per me personalmente è molto importante se una canzone è scritta da Michael o è "solo" interpretata... nel primo caso mi piace cercare di capire come si è evoluta, per es ascoltando la demo di Wanna be startin'.. poi penso che nella sua musica ci siano due filoni, quello più "sociale" e un altro più "introverso", personale, aggressivo...Healt the W. essendo un inno sociale, è naturale che possa sembrare ad alcuni per così dire "semplice" nelle armonie, perché il suo scopo è proprio quello di essere orecchiabile, e di arrivare subito...
Io amo le ballate, ma adoro le songs ritmate...In Xscape la mia preferita è Slave to..., seguita a meno di un'incollatura da love never felt so good...
avatar
smelly jackson
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 1810
Età : 45
Località : TRENTO
Data d'iscrizione : 02.12.10

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: recensione di Invincible

Messaggio Da MJFan il Sab Mag 31, 2014 7:47 pm

2 Bad ha scritto:Ok ho capito perfettamente cosa intendi, e gusti a parte concordo con te.
Una curiosità, come giudichi Keep The Faith? Secondo me è quella il miglior lavoro di MJ, Man In The Mirror la preferisco un filo di più per un fattore personale, ma ragionando oggettivamente definirei Keep The Faith come la canzone migliore di MJ, o comunque la metterei sicuramente tra le prime tre. Tu?

Ma proprio su Dang in generale ci sarebbe da dire veramente tanto, davvero un album prodotto col coraggio e la sfacciataggine di chi non guarda in faccia a nessuno.
'Keep The Faith' è un pezzo MASTODONTICO, di sicuro tra i top di Mike, e non solo.
avatar
MJFan
The Wiz
The Wiz

Numero di messaggi : 90
Data d'iscrizione : 09.05.13

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: recensione di Invincible

Messaggio Da MJFan il Sab Mag 31, 2014 7:56 pm

smelly jackson ha scritto:Shocked scrivo con un po' di timore, perché, MJ Fan, mi fai un po' di soggezione... Razz 
Per me personalmente è molto importante se una canzone è scritta da Michael o è "solo" interpretata... nel primo caso mi piace cercare di capire come si è evoluta, per es ascoltando la demo di Wanna be startin'.. poi penso che nella sua musica ci siano due filoni, quello più "sociale" e un altro più "introverso", personale, aggressivo...Healt the W. essendo un inno sociale, è naturale che possa sembrare ad alcuni per così dire "semplice" nelle armonie, perché il suo scopo è proprio quello di essere orecchiabile, e di arrivare subito...
Io amo le ballate, ma adoro le songs ritmate...In Xscape la mia preferita è Slave to..., seguita a meno di un'incollatura da love never felt so good...
Ma figurati, soggezione di cosa?  Wink 
Il mondo di Jackson è un intero viaggio di studio e di approfondimento, grazie alla passione per questo eccezionale artista ho visto, ascoltato ed ammirato cose per me impensabili. Se riesco ad analizzare un brano, riuscendo a percepire ogni piccola particolarità, ogni picco più alto o basso, è grazie alla voglia di ricercare che lui mi ha trasmesso attraverso la sua arte. Per questo scrivo di 'standard', e gli 'standard' al quale Mike era solito abituare i suoi Fan ed a chi chi ama la musica (e vuole analizzarla scavando pezzo per pezzo), erano altissimi.
avatar
MJFan
The Wiz
The Wiz

Numero di messaggi : 90
Data d'iscrizione : 09.05.13

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: recensione di Invincible

Messaggio Da 2 Bad il Dom Giu 01, 2014 9:12 pm

MJFan ha scritto:
2 Bad ha scritto:Ok ho capito perfettamente cosa intendi, e gusti a parte concordo con te.
Una curiosità, come giudichi Keep The Faith? Secondo me è quella il miglior lavoro di MJ, Man In The Mirror la preferisco un filo di più per un fattore personale, ma ragionando oggettivamente definirei Keep The Faith come la canzone migliore di MJ, o comunque la metterei sicuramente tra le prime tre. Tu?

Ma proprio su Dang in generale ci sarebbe da dire veramente tanto, davvero un album prodotto col coraggio e la sfacciataggine di chi non guarda in faccia a nessuno.
'Keep The Faith' è un pezzo MASTODONTICO, di sicuro tra i top di Mike, e non solo.

Sì, concordo pienamente Smile
avatar
2 Bad
Greatest Entertainer of All Time
Greatest Entertainer of All Time

Numero di messaggi : 12379
Età : 24
Località : Monopoli (BA)
Data d'iscrizione : 22.04.11

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: recensione di Invincible

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum