Documentario sul coreografo Vincent Patterson con parti su MJ

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Documentario sul coreografo Vincent Patterson con parti su MJ

Messaggio Da King-Magic32 il Gio Apr 04, 2013 1:33 pm

CBC presenta un documentario che racconta il famoso coreografo Vincent Patterson intitolato "The Man Behind The Throne".
Patterson ha lavorato con artisti del calibro di Michael Jackson, Madonna e Björk, oltre ad aver coreografato spettacoli di Broadway e vari film.
Ha preso parte come ballerino nei video di Beat It e Thriller.
Il documentario dura 58 minuti ed è diretto da Kersti Grunditz. Sono presenti filmati personali del coreografo al lavoro con i vari artisti.

Trailer 1

Trailer 2

Una parte su MJ



Fonte: MJHideOut - MJWorld - MJFA
(Per quelli degli altri forum: se volete copiare la news citate anche MJFA come fonte)

Mi pare sia lo stesso pezzo apparso su Bad 25, solo che questo dura un pò di più...

_________________


FAN DI MICHAEL JACKSON DA SEMPRE, NON DA QUANDO E' MORTO
IL BREVE MESTIERE DI VIVERE È IL SOLO MISTERO CHE C'È
ROSSONERO
avatar
King-Magic32
Moderatore Globale
Moderatore Globale

Numero di messaggi : 40153
Età : 25
Località : Genova
Data d'iscrizione : 19.02.09

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Documentario sul coreografo Vincent Patterson con parti su MJ

Messaggio Da MaryJ il Dom Apr 07, 2013 8:54 pm

si è quello Smile
come è bello vedere Michael durante le prove Smile

Ma questo doc già è uscito?chissà se ci sono altre parti con Michael... pensieroso
avatar
MaryJ
Captain Eo
Captain Eo

Numero di messaggi : 317
Età : 30
Località : Napoli
Data d'iscrizione : 01.08.11

Vedi il profilo dell'utente http://www.youtube.com/user/MaryMJLover?feature=mhee

Tornare in alto Andare in basso

Re: Documentario sul coreografo Vincent Patterson con parti su MJ

Messaggio Da lorejacksina il Dom Apr 07, 2013 11:19 pm

io non ricordavo di aver visto questa parte nel docu Bad 25
che buffo Michael con i capelli con la forma del cappello...sembrano quasi stesi invece che ricci....a momenti non mi sembra nemmeno lui...dipenderà dalla scarsa qualità delle immagini...
avatar
lorejacksina
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 2073
Età : 45
Data d'iscrizione : 28.09.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Documentario sul coreografo Vincent Patterson con parti su MJ

Messaggio Da MICHAELINMYHEART il Lun Apr 08, 2013 1:48 pm

infatti nel documentario mi sembra non fossero le stesse immagini ... buffo i capelli schiacciati dal cappello ... se ci fate caso li ha anche nel video originale di SC quando balla la parte senza musica con tutti gli altri ballerini attorno mj
avatar
MICHAELINMYHEART
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 1728
Età : 42
Località : ANCONA
Data d'iscrizione : 19.10.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Documentario sul coreografo Vincent Patterson con parti su MJ

Messaggio Da luna7MiKE il Lun Apr 08, 2013 8:08 pm

riguarderò il video di sc Razz e anche le immagini di bad25
grazie
avatar
luna7MiKE
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 2756
Età : 30
Data d'iscrizione : 08.09.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Documentario sul coreografo Vincent Patterson con parti su MJ

Messaggio Da Giuspe il Dom Giu 09, 2013 12:44 pm

Vincent Paterson al Biografilm: “Michael Jackson aveva paura di tutto, ma era una persona straordinaria”



Uno tra i più importanti ospiti di questa nona edizione del Biografilm Festival è il coreografo di fama mondiale Vincent Paterson, che ha lavorato con veri e propri miti del panorama musicale internazionale, come Michael Jackson, Madonna e Bjork. Giunto a Bologna in occasione della proiezione di The Man Behind the Throne, il documentario della regista svedese Kersti Grunditz che racconta la sua carriera artistica e parte del suo cammino personale, Paterson ha raccontato la sua esperienza, dichiarando che fare questo film lo ha aiutato ad aprirsi e a capire quello che ha dentro, ripercorrendo la sua vita da quando era un ragazzo di formazione cattolica con la passione del teatro, fino all’inizio della sua carriera come coreografo a fianco al Re del Pop Michael Jackson, fino ai palcoscenici più prestigiosi.

vincent“Il mio passato è parte del mio presente” ha dichiarato, parlando in modo molto amichevole e sincero con noi giornalisti, lasciando trasparire la sua estrema semplicità e simpatia, nonostante il suo grande talento e una vita ricca di esperienze interessanti ed uniche. Ricordando le grandi star con cui ha lavorato, ha sottolineato la differenza di prospettiva per esempio tra Michael Jackson e Madonna, sia nel loro modo diverso di approcciarsi al pubblico, sia nel modo di lavorare. “Michael lavorava tanto già da quando era molto piccolo. Ha sempre lavorato molto duramente e arrivava a provare per cinque ore di seguito anche un solo passo di un’intera coreografia. Amava i film, soprattutto quelli in bianco e nero e le star del cinema. Madonna invece aveva bisogno di pianificare quello che doveva fare e ovviamente doveva lavorare più duramente di Michael, perchè per lei non era una cosa così naturale. Ma è molto sveglia, conosce e adora l’arte, la moda, la fotografia e tutti questi mondi influenzano la sua personalità e il suo lavoro“. Un artista mosso molto dalla sfera emotiva e dalle vibrazioni dell’anima, Paterson ha lavorato non solo a teatro ma anche al cinema a fianco di due grandi registi come Steven Spielberg e Lars Von Trier. Quest’ultimo lo ha ingaggiato per il film Dancer in the Dark interpretato da Bjork, Palma d’Oro a Cannes. “Per questo progetto è stata importante la varietà, poichè per ogni canzone c’è uno stile diverso e, dapprima Lars lo aveva pensato in un modo, ma poi abbiamo praticamente riscritto il film insieme, rendendolo molto naturalistico. La storia era su una donna che ama i musical ma non è una ballerina, quindi doveva essere credibile e adatto alle esigenze della sceneggiatura“. Felice di aver partecipato a questo progetto, Paterson non nasconde la sua ammirazione per Von Trier e Bjork, dichiarandosi invidioso della loro folle genialità.

Durante l’intervista non si può fare a meno di notare la solarità e l’umiltà di questo artista della danza, ma la tristezza e la commozione lo investono appena comincia a ricordare Michael Jackson e i giorni di lavorazione con lui per Smooth Criminal, Black or White e Thriller. “Scusate, mi emoziono sempre a parlare di Michael. Lui era una persona straordinaria, era come un bambino ma aveva paura di tutto, della gente, di quello che poteva pensare di lui la gente e faceva fatica a capire chi gli volesse veramente bene, anche perchè per prima era proprio la famiglia a comportarsi male con lui. Non si fidava di nessuno, e continuava sempre a dire di voler dare al mondo qualcosa di nuovo. Mi chiedeva di aiutarlo in questo e io ho fatto il possibile“. Ricordando il Re del Pop con le lacrime agli occhi, ci racconta un particolare episodio che conferma questa estrema paura di Michael per il mondo esterno, quando era stata organizzata una festa e molta gente era lì a divertirsi e lui rimase dietro una tenda a guardare da lontano la serata dicendo: “Fammi vedere cosa fa la gente ad una festa“.

L’interessante incontro bolognese si conclude con la sua speranza di poter lavorare con Justin Timberlake, che ammira molto per la sua creatività e professionalità e dichiara che tra i nuovi talent anche Lady Gaga è una grande artista perchè imita Madonna ma lo fa a modo suo, dando un carattere personale a tutto quello che fa.




newscinema.it

La vanità di Madonna e le paure di Michael Jackson al Biografilm
Il coreografo Vincent Paterson svela i segreti dei sovrani del pop




Bologna - Droghe e alcolici con Lars Von Trier, un fiume improvviso di lacrime per Michael Jackson e la storia della rottura con Madonna. Vincent Paterson racconta la sua vita con emozione e senza troppi freni nel giorno in cui The Man Behind the Throne - documentario sulla sua arte di coreografo - viene proiettato al Biografilm Festival.

L'uomo dietro al trono, colui che ha incoronato la Signora Ciccone aiutandola a perfezionare i movimenti fino a metterla sul trono. Paterson che insieme a Madonna "ha nuovamente riportato il diavolo sulla Terra" (è stato il Papa a dirlo dopo il Blond Ambition Tour). In tutti questi anni è rimasto sempre dietro le quinte, ma è stato lui l'arma segreta del successo dei sovrani del pop. Nel corso della sua carriera ha lavorato anche per registi come Mike Nichols, John Landis, Steven Spielberg e Alan Parker, imponendosi sul podio di coreografo più ricercato oltreoceano e nella nostra vecchia Europa, dove ha aiutato Von Trier a guidare Bjork e gli altri attori sul set di Dancer in the Dark: "Con Lars abbiamo fatto uso di cocaina e bevuto tanta vodka per cinque giorni di fila - confessa Paterson - Funziona così la sua creatività... Eravamo nella sua baita sul Mare del Nord e lui riscriveva da capo il suo film seguendo i miei consigli sui numeri musicali. Quando uscì il film molti critici ci hanno distrutto. Poco tempo dopo il mio telefono è squillato tante volte: c'erano tanti produttori e cineasti che volevano contattarmi per realizzare film che avrebbero imitato le coreografie di Dancer in the Dark. Ho detto no a tutti ".

Ci sono due versioni di Madonna così come la conosciamo: prima e dopo il lavoro svolto con Paterson. "Quando ha cominciato non era una ballerina. Era più una che praticava freestyle, un po' come in discoteca. Mi ha chiamato e abbiamo deciso che avremmo sperimentato insieme. Le ho fatto studiare Fosse, Graham, la danza contemporanea e perfino il tip tap. Alla fine degli anni Ottanta il ballo era tornato in voga. E questo anche grazie a Michael Jackson".

Immagino che Madonna e Jackson fossero due personalità completamente diverse. C'era qualcosa che avevano in comune?
La voglia di sperimentare. Entrambi continuavano a dirmi: "Facciamo qualcosa che il mondo non ha ancora visto". Nessuno dei due voleva mai ripetersi: la differenza è che Michael era sempre entusiasta e aperto a qualsiasi idea, mentre Madonna voleva prima assicurarsi che avrebbe funzionato. E' stato difficile convincerla a travestirsi da Maria Antonietta per Vogue.

Ha lavorato con Madonna anche al cinema con Evita. Pare sia stata una lavorazione difficile, è così?
Anche di più. Abbiamo discusso tanto con il regista Alan Parker. Come vi dicevo Madonna è ossessionata dalle prove, mentre Alan voleva più velocità nel suo lavoro. Pretendeva che Madonna arrivasse in scena pronta a improvvisare il tango. Ho provato tante volte a dirgli che non lo avrebbe né potuto né voluto fare. Alan si arrabbiava e continuava a dirmi: "Tu stai dalla parte di Madonna!". Quindi l'atmosfera era piena di tensione. Alla fine però mi ha lasciato fare e il risultato si vede: Evita è la prova cinematografica migliore di Madonna.

Continuate a frequentarvi con Madonna?
In realtà lei non mi parla più. Mi ha contattato nel 1999 per propormi di aiutarla con un paio di coreografie per il film Sai che c'è di nuovo? Le ho spiegato che sarei stato impegnato a lavorare con Lars Von Trier e Bjork e che sarebbero state più di un paio di coreografie. Avrei lavorato all'intero film. A quel punto mi ha detto: "Cosa? Preferisci Bjork a me?". E' stata l'ultima volta che abbiamo parlato. Madonna è così.

Quindi cosa pensa di questi ultimi quindici anni della sua carriera?
Continuo a seguirla a distanza. Ho visto i suoi film e i suoi show. Penso che dovrebbe piantarla di vestirsi come una scolaretta o cheerleader e tornare a tenere in pugno il suo pubblico. Lei ha quel potere e potrebbe di nuovo essere un'icona innovativa alla sua età. Sarebbe fantastico...

Tornando alla mini-recensione del Papa sul Blond Ambition Tour. Come è riuscito a trovare redenzione dopo aver riportato Satana sulla Terra?
Continuando a fare quello che ho fatto. Sullo stesso percorso. E' un po' il cerchio perfetto!

Ha mai avuto paura nel suo lavoro?
Certamente non ho avuto paura delle polemiche che si sono create in quell'occasione. Per il resto ho sempre paura. La paura mi guida: non faccio mai nulla se non sono spaventato. La paura può essere un'incredibile emozione. Per gli artisti può essere anche più potente dell'amore e dell'odio. Può guidarli a trovare la forza nel loro cuore.

Michael Jackson aveva paura?
Ha sempre vissuto con la paura. Ora piangerò (Paterson piange subito dopo, n.d.r.): una volta ho invitato Michael a una festa. Lui mi disse: "Vorrei tanto venire a una festa. Ma non posso. Vorrei mettermi in un angolino e sbirciare cosa fa la gente in quel momento. Sarebbe bellissimo". Michael aveva paura di tutto. E' cresciuto con una famiglia che non lo ha mai supportato e che lo ha odiato. Sono stati cattivi con lui nel corso di tutta la sua vita. Anche per questo non sapeva più di chi fidarsi. Viveva nella paura che il suo pubblico gli avrebbe voltato le spalle. Alla fine la paura lo ha ucciso davvero.


film.it



Ultima modifica di Giuspe il Dom Giu 09, 2013 5:21 pm, modificato 3 volte

Giuspe
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 5581
Data d'iscrizione : 22.03.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Documentario sul coreografo Vincent Patterson con parti su MJ

Messaggio Da lorejacksina il Dom Giu 09, 2013 4:01 pm

Credo che per quanto ci si sforzi sia davvero impossibile immaginare cosa fosse la vita di Michael...una persona che guarda come uno spettatore le cose normali,la gente in un parco,le persone ad una festa e lui dietro la tenda,come se il suo fosse un mondo a parte,come guardare in un acquario....
ma chi stava dentro l'acquario?
può sembrare una domanda scema,ma è quello che mi è venuto in mente,perchè come lo si guardi,un acquario in una stanza,sia lui che chi è fuori rimarranno sempre separati e ognuno di loro guarderà quella parte di mondo senza poter interagire con l'altra.
Michael spettatore della normalità e noi spettatori della vita di un extraterreste!!
credo che la sua solitudine fosse immensa....
avatar
lorejacksina
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 2073
Età : 45
Data d'iscrizione : 28.09.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Documentario sul coreografo Vincent Patterson con parti su MJ

Messaggio Da KRISMICHAEL il Lun Giu 10, 2013 1:24 am

lorejacksina ha scritto:come lo si guardi,un acquario in una stanza,sia lui che chi è fuori rimarranno sempre separati e ognuno di loro guarderà quella parte di mondo senza poter interagire con l'altra.
Michael spettatore della normalità e noi spettatori della vita di un extraterreste!!
credo che la sua solitudine fosse immensa....
Condivido pienamente.
avatar
KRISMICHAEL
Greatest Entertainer of All Time
Greatest Entertainer of All Time

Numero di messaggi : 15390
Età : 20
Data d'iscrizione : 07.12.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Documentario sul coreografo Vincent Patterson con parti su MJ

Messaggio Da silvia80 il Lun Giu 10, 2013 1:35 am

Che tristezza...Che cosa gli hanno fatto.... Sad

silvia80
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 825
Data d'iscrizione : 24.05.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Documentario sul coreografo Vincent Patterson con parti su MJ

Messaggio Da MaryJ il Mer Giu 12, 2013 8:50 pm

“Fammi vedere cosa fa la gente ad una festa“ ...perché doveva desiderare questo tipo di cose?...è davvero molto triste...condivido anch'io il pensiero di lore ed il fatto che Michael fosse tanto solo è allucinante Sad però non credo che la famiglia lo odiasse addirittura...mi sembra esagerata come affermazione...purtroppo è un contesto talmente difficile da capire che non sapremmo mai come stanno veramente le cose...ma non credo che la famiglia lo abbia mai odiato...Joseph ha usato una disciplina troppo ferrea, Katherine l'ha sempre adorato e attualmente soffre in tribunale per dargli giustizia, le sorelle (a parte qualche pazzia di LaToya) gli hanno sempre voluto bene (Janet in particolare)...i fratelli...si magari un pò di invidia professionale ma per il resto non credo siano mai arrivati ad odiarlo... Sad
avatar
MaryJ
Captain Eo
Captain Eo

Numero di messaggi : 317
Età : 30
Località : Napoli
Data d'iscrizione : 01.08.11

Vedi il profilo dell'utente http://www.youtube.com/user/MaryMJLover?feature=mhee

Tornare in alto Andare in basso

Re: Documentario sul coreografo Vincent Patterson con parti su MJ

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum