Intervista a Marcel Avram su Michael Jackson

Andare in basso

Intervista a Marcel Avram su Michael Jackson

Messaggio Da Giuspe il Ven Feb 15, 2013 11:03 pm

Cosa vuol dire su Michael Jackson, signor Avram?
15/02/2013



La superstar e il suo promotore durante un concerto: Michael Jackson (a destra) e Marcel Avram.

Miami. Come promotore di concerti, Marcel Avram ha avuto per un lungo periodo di tempo una stretta amicizia con la superstar. A proposito di grande tempo trascorso con Michael Jackson, sulle sue presunte eccentricità e i punti di forza e di debolezza del suo amico, ha parlato a noi a Miami.

"Michael Jackson è stato il mio amico", dice Marcel Avram e tira le rughe della fronte in modo drammatico. ". Un artista del genere non virà mai più" Avram è l'unico promotore tedesco che abbia mai condotto tour mondiali - solo cinque con Michael Jackson.
Nel 2013 festeggia il suo 45 ° anniversario di carriera - e porta Eric Clapton, Bon Jovi, Leonard Cohen e Justin Bieber in tour. Senza Avram artisti come Bruce Springsteen, Pink Floyd e Michael Jackson non sarebbero mai venuti in Germania. Nel 2002 ha citato in giudizio "Jacko" per 17 milioni di euro - e nonostante lo tratta ancora come un amico. Marcel Avram è un uomo energico e ha poco tempo che trascorre sempre in aereo. Abbiamo incontrato il giramondo a Miami, dove ha preso un attimo di respiro per parlare della superstar scomparsa.

Eri promoter in tutto il mondo di Michael Jackson. Come hai fatto?

Nel 1984 Michael Jackson è voluto andare in tour in America, ero un promotore sportivo e ha prenotato con me le date. Mi sono avvicinato a lui attraverso i suoi show. Nel 1988, 1992, 1994, 1995 e 1997, ho organizzato i suoi tour in giro per il mondo -. In qualità di produttore e promotore - tranne in America dove non si è mai più esibito dopo il 1984 in tour. Credeva che gli americani non lo desiderassero. Inoltre, le città sono tutte molto simili in America. Michael Jackson aveva nostalgia di qualcosa di nuovo - e ha chiesto il mio aiuto per andare in Europa e in Asia, Africa e Sud America. Un Michael Jackson in concerto è stato interessante per tutte le generazioni e il mondo intero.

E' stato detto che Jackson prendeva le sue decisioni in maniera piuttosto irrazionale e imprevedibile. Come è riuscito a capirlo cosi bene?

Forse perché ho sempre detto il mio parere onesto. E lui lo ha accettato. L'ho sempre visto come una persona e non come artista, quello che lui è sempre stato per gli altri. A differenza del suo manager e suoi avvocati, che venivano solo pagati, io gli facevo guadagnare soldi. Mi piaceva perché era stato allontanato fino a quel momento da un sacco di persone intorno a lui. Lui in realtà voleva vivere normalmente - ma non aveva la possibilità di farlo. Era troppo noto, è stato anche presentato dai media come un pazzo, ma non lo era di sicuro.

Michael Jackson sarà sempre descritto tra genio e follia. Come l'hai visto?

Molti grandi artisti sono morti giovani, sono sulla linea sottile tra genio e follia. Mozart, Chopin e Van Gogh - erano tutti persone eccezionali. E Michael Jackson è stato il primo, la musica, la danza, i costumi, video ed effetti speciali lo hanno circondato. Una volta mi disse che voleva un UFO sopra il palco. Questo doveva esplodere alla fine dello show come un disaster movie di Hollywood. Ho risposto che non sarebbe stato possibile, volevamo fare il giro del mondo e non eseguire un solo concerto.
Da questo momento è stato preso completamente alla sprovvista.

Come si spiega che Michael Jackson voleva lavorare insieme a lei per un così lungo periodo di tempo esclusivamente come un organizzatore di concerti?

Ho avuto la fortuna di supportarlo per cinque tour in giro per il mondo occupando tre posizioni allo stesso tempo: ero l'organizzatore, l'agente e il promotore. Durante questo periodo, Michael Jackson ha cambiato quattro volte manager. Ma sono rimasto perché ho avuto tutto il necessario. Con me era confortevole. Ho sperimentato questo genio e il suo zenit. E 'stato senza dubbio il più grande intrattenitore del mondo. Il nostro tour ha visitato un totale di circa 15 capi di Stato - in Argentina, Cile, Brasile, Thailandia, Brunei. A Mosca, il sindaco è venuto al nostro hotel, ed è stato subito riempito di bicchieri - naturalmente con la vodka. Sussurrai a Michael che lui doveva solo sorseggiarlo. Ha bevuto così più di un bicchiere di vino rosso.


Al culmine del suo successo: Michael Jackson in concerto nel 1997, presso il Parco Gelsenkirchen Stadium

Interventi di chirurgia del viso, la vitiligine, evasione e i farmaci - Michael Jackson ha lasciato alle spalle una lunga storia misteriosa. . .

Michael Jackson soffriva di problemi alla pelle e di insonnia, che lo hanno derubato della qualità della vita e alla fine lo hanno ucciso. Mi chiamava spesso di notte e voleva parlare delle persone e delle nazioni su come dovevano comportarsi nei rispettivi paesi.
A volte lo faceva quando stavo dormendo, ma lo ascoltavo in ogni caso. I farmaci presunti che doveva prendere erano davvero solo sonniferi.



Come poteva gestire e assecondare tutte queste situazioni, nonostante una vita stressante?

Ora, l'eterna giovinezza non poteva essere comprata. Non ne voleva mai troppa. Ma mi ha colpito la sua stretta di mano, quanto era forte, dopo tutto. Sembrava molto magro, ma non appena camminava sul palco e cominciava a ballare sviluppava incredibili poteri.

Lei ha lavorato con molti grandi artisti. Qual è stato un altro Michael Jackson in tour?

Michael Jackson ha avuto un campionato molto speciale. Con nessun altro artista ho girato su aerei così tanti in tutto il mondo. E 'stato un vero e proprio esercito di personale. Nel 1992 abbiamo avuto quattro Antonov dell'Ucraina, mentre si spostavano dodici camion. Prima di iniziare, abbiamo avuto tre o quattro stadi. E un camion solo per Michael e i suoi più stretti collaboratori - che doveva avere la sua camera da letto. Era di una tale dimensione più di qualsiasi altro luogo. Una volta abbiamo dovuto fare appello per fare rifornimento in Papua Nuova Guinea. Anche lì era conosciuto. Era così felice.


Cosa pensa sulle accuse contro Jackson di molestie su minori, a posteriori?

Michael Jackson voleva essere di nuovo bambino. Se avesse avuto rapporti sessuali con i bambini, allora potevo giudicarlo. Giocava con loro, sì. Non è sbagliato. Altro non avrebbe mai potuto essere provato. Anche dopo la morte di Jackson, nessuno ha parlato nel suo ambiente. Pertanto, si dovrebbe lasciare questa storia, per sempre.

Come è potuto accadere che Jackson fu citato in giudizio nel 2002 per violazione del contratto e frode a 17 milioni di euro?

Michael Jackson voleva entrare nel titolo del libro del Guinness dei primati, ed è per questo che voleva esibirsi come l'unico artista al mondo con il primo e anche l'ultimo concerto del Millennio. Il piano era che il primo concerto doveva svolgersi nel porto di Sydney e quindi volare subito alle Hawaii. Avevo organizzato tutto, ma il mio Michael a quel tempo era molto contorto e circondato dalle persone sbagliate, aveva provato per questo evento a malapena. Il concerto è stato annullato. Poi ho dovuto parlare con lui, fargli presente la situazione in modo chiaro e alla fine denunciarlo. Si trattava di grosse perdite e ho vinto in tribunale. Al processo, Michael mi si avvicinò e voleva sapere perché eravamo tutti li. Mi ha portato al nulla. E mentre si preparava per i suoi concerti di ritorno a Londra, abbiamo telefonato di numi ha telefonato di nuovo. Voleva che andassi. Sapevo che avrebbe dovuto esibirsi in 50 concerti a Londra.

Jackson, però, è morto prima di poter attuare il "This Is It", una serie di concerti all'Arena O2 di Londra. Poteva probabilmente fare un ritorno?

Credo che in realtà voleva solo mostrarsi ai suoi figli, visto che non lo hanno mai visto esibirsi dal vivo. Sono potuto entrare effettivamente in contatto con lui, anche quando non abbiamo più lavorato insieme. E 'stato un amico. Peccato per lui, purtroppo, non ci sono tanti veri amici in questo mondo.




Michael Jackson e Marcel Avram, nel tribunale di Santa Maria, al processo del 2002

derwesten.de

Giuspe
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 5581
Data d'iscrizione : 22.03.10

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Intervista a Marcel Avram su Michael Jackson

Messaggio Da lila il Sab Feb 16, 2013 1:47 am

Non conoscevo questo tizio, grazie Giuspe
avatar
lila
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 5042
Età : 64
Località : toscana
Data d'iscrizione : 11.01.10

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Intervista a Marcel Avram su Michael Jackson

Messaggio Da smelly jackson il Sab Feb 16, 2013 5:58 pm

Grazie...il 2002 non era un bel periodo, per Michael....
avatar
smelly jackson
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 1810
Età : 45
Località : TRENTO
Data d'iscrizione : 02.12.10

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Intervista a Marcel Avram su Michael Jackson

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum