A sua immagine e somiglianza? Meglio la morte

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

A sua immagine e somiglianza? Meglio la morte

Messaggio Da ^Vale-Heal the world-^ il Mar Feb 12, 2013 12:08 am

Spero che non sia stato ancora postato e che sia la sezione giusta Very Happy

A sua immagine e somiglianza? Meglio la morte- Jacko odiava a tal punto suo padre da non volergli più somigliare: è questo il motivo degli interventi estetici – Il suo biografo Randall Sullivan: “Era in balia della Sony” - “Lo stress l'ha distrutto,alle accuse di pedofilia non ho mai creduto” - Quando il suo manager Thome fu allontanato MIichael cominciò a perdere peso e a prendere sempre più droghe..."

Rolling Stone gli ha chiesto di scrivere «l'articolo del secolo su Michael Jackson» e lui, Ran-dall Sullivan, l'ha trasformato in M. Vita morte, segreti e leggenda del re del pop (Piemme) il libro definitivo sulla sua storia e soprattutto sui suoi ultimi quattro anni di vita. Così abbiamo pensato di sentire l'opinione di Sullivan sull'artista.


Jackson è morto come i maledetti del rock Jimi Hendrix, Janis Joplin, Jim Morrison ma era molto diverso da loro.
«Si, Hendrix e la Joplin sono morti giovani all'apice del successo. Morrison cercando di fuggire dallo status di rockstar. Michael se n'è andato a 50 anni dopo essere sopravvissuto a una serie di catastrofi personali (non ultima la famiglia che gli viveva sulle spalle da quando aveva 7 anni). La sua morte paradossalmente nasce da un eccesso di cure mediche».

Cioè?
«La negligenza del dr. Murray è stata la causa diretta della morte, ma l'enorme pressione che c'era su di lui per i concerti allo "02" di Londra ha contribuito.
Lo stress lo ha distrutto. Tom Mesereau, che lo ha difeso nel processo per pedofilia, ha detto che ne è uscito talmente ferito da non riprendersi più. Penso che Michael sia stato pro-cessato per un crimine che non ha mai commesso».


Cosa lascia Michael Jackson come testamento artistico?
«Nessuno può negare il suo ruolo di primo piano nella pop music. È stato la prima icona Usa amata da gente di tutte le razze. Al tempo stesso la sua musica e la sua vita sono diven-tati uno spettacolo pubblico ed è stato deriso da molti. Ha pagato caro le sue trasformazioni e i suoi strani comportamenti».


Cos'è successo veramente prima dei concerti londinesi?
« I concerti allo "02" sarebbero stati il più grande ritorno nella storia dello show business. Pochi pensavano che avrebbe retto 50 concerti ma all'inizio lui stava bene, grazie all'aiuto del suo manager Thome Thome. Ma questi fu allontanato e Michael cominciò a perdere pe-so e a prendere sempre più droghe. Non stava bene e voleva darsi al cinema, ma con i suoi guai Hollywood non l'avrebbe mai preso sul serio».


Perché un'icona pop diventa un giocattolo nelle mani del business?
«Per soldi. Michael era una parte importante dell'impero della Sony. Il suo catalogo valeva milioni di dollari».

Cosa pensa della presunta pedofilia di Michael?
« Ho studiato gli atti e ho visto quanto le prove contro di lui fossero deboli. Non penso fosse un pedofilo, né che abbia mai abusato di bambini. Dopo aver incontrato il primo bambino che lo accusava ho avuto qualche dubbio, ma le prove sono sempre a favore di Michael».


Cosa dice di un album mitico come Thriller?
«È stato l'apice della sua carriera, anche se Off the Wall secondo me è migliore.
Thriller è ispirato dal Lago dei cigni di Tchaikovsky e in esso c'è una perfezione difficile da imitare. Quella perfezione che poi ha nuociuto agli album successivi, cui mancava la carica e l'autenticità dei precedenti».

Michael è morto ricco o povero?
« Paradossalmente entrambe le cose. Aveva debiti enormi ma possedeva pur sempre un patrimonio di 500 milioni di dollari. Ma i debiti lo lasciavano spesso senza contanti. Nel 2007 gli fu tolta la sua unica carta di credito e lui e i suoi figli furono cacciati da una serie di alberghi. Nel 2008 il suo debito fu rifinanziato, ma l'accordo con la Sony lo mise alle strette; doveva guadagnare 100 milioni di dollari in due anni o avrebbe perso tutto. Per questo accettò di fare i concerti di Londra».


Perché tutti quegli interventi estetici?
«L'unico e vero motivo è che non voleva somigliare a suo padre, che odiava. Poi perché voleva essere un essere unico e particolare, ma tutto nasce dal suo odio per il padre e per la famiglia. Le contraddizioni della sua psiche lo hanno reso ostaggio di ogni tipo di gente, che ha cercato di trarne vantaggio».

Antonio Lodetti per "il Giornale"

Fonte: http://www.dagospia.com/rubrica-2/media_e_tv/a-sua-immagine-e-somiglianza-meglio-la-morte-jacko-odiava-a-tal-punto-suo-47102.htm
avatar
^Vale-Heal the world-^
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 2146
Età : 27
Data d'iscrizione : 28.01.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: A sua immagine e somiglianza? Meglio la morte

Messaggio Da smelly jackson il Gio Feb 14, 2013 9:27 pm

Grazie...io sto leggendo il libro, e nel complesso non mi sembra così male, a parte alcune sparate..( vedi la storia del naso e della somiglianza al padre)..
L'autore non è un fan, naturalmente, ma Michael secondo me ne esce bene...
Quelli intorno a lui invece un pò meno...
avatar
smelly jackson
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 1809
Età : 45
Località : TRENTO
Data d'iscrizione : 02.12.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum