L'uguaglianza raziale nell'arte di Michael Jackson

Andare in basso

L'uguaglianza raziale nell'arte di Michael Jackson

Messaggio Da lorejacksina il Sab Feb 11, 2012 7:19 pm

Quasto articolo è precedente a "la questione raziale in They don't care about us" che ho già postato,quindi per logica è meglio leggere prima questo.


di Willa Stillwater e Joie Collins.

FONTE: http://dancingwiththeelephant.wordpress.co...acial-equality/

TRADUZIONE A CURA DI Niki64.mjj PER IL MJFS FORUM


Willa: Un paio di mesi fa abbiamo sollevato la questione, "Michael Jackson era abbastanza nero?" E abbiamo finito davvero per impegnarci sull'argomento. Dopo tutto, cosa significa anche dire essere "abbastanza nero?" Come possiamo definire questo, e cosa vuol dire la definizione di come noi percepiamo e interpretiamo le differenze razziali?

Joie: Beh, penso che durante la discussione siamo giunti all'accordo che non possiamo definire questo. Nessuno può davvero dire se qualcun altro è abbastanza nero o bianco a sufficienza. Questo è qualcosa che può essere determinato solo dalla persona, e sento veramente che quando questa accusa è stata rivolta su Michael Jackson, era solo in realtà per mascherare qualcosa di più profondo.

Willa: Assolutamente. Penso che hai ragione, Joie. Sembra proprio come più la gente si senta minacciata da Michael Jackson e più in modo insistente si domandino se lui sia abbastanza nero e non stanno certo affatto parlando del colore della pelle. Invece, lo stanno usando come un indicatore per qualcos'altro. Stanno speculando sul colore della sua pelle, la forma del suo naso, la discendenza dei suoi figli, i suoi rapporti con le donne, i suoi vestiti, i capelli, i suoi mocassini, il suo personaggio pubblico, come manifestazioni esterne dei suoi pensieri e di come lui vedeva il mondo.

In altre parole, stanno usando la sua pelle come una metafora della sua mente. E quello che stanno realmente dicendo è che la sua mente non era abbastanza nera. Sembra che ci sia questa insistenza che un “vero” uomo nero deve avere una mente nera, e Michael Jackson sfida questa idea e mette in discussione l'intero concetto. Che cosa vuol dire avere anche una mente nera? Quali sono i risvolti nel giudicarlo da questi standard, soprattutto quando molti dei commentatori che stanno esprimendo un giudizio su di lui sono bianchi? E qualcuno, soprattutto una persona bianca, ha il diritto di imporre la sua definizione di nero su qualcun altro?

Abbiamo concluso che "Michael Jackson è stato più che sufficientemente nero", come dici tu. Tuttavia, lui insisteva sul fatto che aveva il diritto di cosa significasse definire se stesso. E infatti, tutti dovrebbero avere questo diritto di auto-definizione.

Joie: Sai, Willa, io odio davvero questo interrogativo “abbastanza nero” e lo trovo alquanto inquietante. Sarebbe come per me che cerco di dirti che non sei abbastanza bianca. Trovo in qualche modo ridicolo che qualcuno possa anche tentare di imporre la propria idea di come una certa razza dovrebbe "agire" sulle altre. Voglio dire, non è più o meno una definizione di uno stereotipo razziale? E mi chiedo come la gente si senta interrazziale su questo argomento. Sono sicura che questo sia un qualcosa che loro hanno avuto, in un certo senso, come esperienza. Sai, sono visti come non veramente neri, ma non del tutto bianchi e ancora, mi chiedo chi siamo noi per stabilire se siamo o non siamo abbastanza neri o abbastanza bianchi? E perché questa importanza? E mi chiedo a volte come i figli di Michael vedono se stessi e di come questa questione dell' ”abbastanza nero” li riguardi.

Willa: Questo è un punto veramente importante, Joie, e come il dottor Henry Louis Gates Jr. suggerì nella sua serie PBS, “Faces of America”, la maggior parte di noi sono meticci, se guardiamo geneticamente a questo. Io lo sono. Tu lo sei. Soprattutto negli Stati Uniti molte persone lo sono, con la possibile eccezione di Stephen Colbert. Si mise a ridere quando il dottor Gates gli disse che i test che aveva eseguito mostravano che lui era al 100 per cento bianco perché si adattava perfettamente al personaggio che interpretava nel suo show. Gates ha scoperto che anche lui stesso ha molto di più "una ascendenza bianca che nera", anche se ancora si auto-identifica come un nero.

Joie: Questo è molto interessante. E molto divertente su Stephen Colbert!

Willa: Non è vero? Fa piegare dal ridere! Ma questo non è davvero una questione genetica. E' una questione culturale. Ho pensato molto a questo ultimamente, da quando abbiamo guardato “You Rock My World” un paio di settimane fa. Le idee generate da quel video e dai commenti affascinanti che ne seguirono, hanno questa critica persistente, che Michael Jackson in qualche modo non fosse abbastanza nero, che si è infiltrata dall’inizio nel mio cervello.



Il conflitto centrale del video è tra il personaggio di Michael Jackson ed i manager di un club. E come ha evidenziato Ultravioletrae, tutti quei manager sono bianchi. C'è anche questa parentesi meravigliosa nella parte centrale del video, proprio mentre il grande faccia a faccia con i manager raggiunge il culmine, improvvisamente c'è una pausa nell'azione, mentre della gente comune crea nel club un tipo di musica di strada. Come lo hai descritto, Joie:

"Sentiamo il ritmo della scopa mentre spazza il pavimento ed i bicchieri che tintinnano, il lustrascarpe che lucida, il ticchettio dei tacchi alti e i clienti che picchiettano sui tavoli."

E tutta quella gente che sta creando questa musica da strada, sono neri. È importante sottolineare che il personaggio di Michael Jackson trae forza da questa musica, inserisce nella sua musica i ritmi e la grinta e quindi la utilizza per sconfiggere e sfidare i manager bianchi. E combatte duramente, ribaltando uno scagnozzo sulla sua schiena, prendendo a pugni in faccia il capobanda, e infine incendiando il club.

Così possiamo davvero guardare a “You Rock My World” come una rappresentanza del conflitto tra i musicisti neri e le persone che fanno soldi da loro. E, come Aldebaran ha sottolineato in un commento, quel conflitto ha una lunga storia travagliata, e Michael Jackson era ben consapevole di questo. Come Aldebaran ha scritto:

"Nella conferenza stampa di Michael sulla Sony e su Mottola, parla di come gli artisti neri (come James Brown) sono stati sfruttati dall'industria musicale e come finirono senza un soldo e costretti a esibirsi fino in età avanzata."



Joie: Aldebaran aveva ragione; Michael parlò chiaro su quella storia travagliata molto pubblicamente. E sono contenta che ti ha aggiornato, Willa, perché credo che la partecipazione di Michael in quella conferenza riveli senza dubbio dove fosse la sua testa, o come fosse nera la sua mente, come dici tu. Durante quella conferenza, Michael disse al mondo esattamente come lui si vedeva:

"Conosco la mia razza. Ho appena guardato nello specchio, so di essere nero".

Tutti pensano sempre che la conferenza era tutta su “Invincibile” e il modo scadente in cui era stato promosso (o non promosso) dalla Sony. Ma in realtà, l'intero scopo della conferenza era quello di lottare per migliorare i contratti, i canoni e la distribuzione per gli artisti neri. Così, Michael non solo ha affrontato le questioni razziali nella sua arte, ma è anche diventato una sorta di attivista nella lotta per l'uguaglianza razziale nel settore della musica nel suo complesso. E questa era una causa molto importante per lui, come disse nel suo discorso:



"Ho solo bisogno che sappiate che questo è molto importante, per cosa stiamo combattendo, perché sono stanco, sono davvero stanco della manipolazione ... manipolano i nostri libri di storia. I nostri libri di storia non sono veri: è una bugia. I libri di storia sono bugie, avete bisogno di saperlo. Dovete saperlo. Tutte le forme di musica popolare dal Jazz all'Hip Hop dal Bebop al Soul, si sa, parlando delle diverse danze dal Cake Walk per il Bug Jitter al Charleston alla Break Dance, tutte queste sono forme di ballo nere! ... Cosa saremmo senza una canzone? Cosa saremmo senza una gioia, un danza, una risata e la musica? Queste cose sono molto importanti, ma se andiamo alla libreria giù all'angolo, non si vede una persona nera su una copertina. Vedrai Elvis Presley, vedrai i Rolling Stones. Ma dove sono i veri pionieri, quelli che hanno cominciato? Otis Blackwell è stato un prolifico scrittore fenomenale. Ha scritto alcuni delle più grandi canzoni di Elvis Presley. E lui era un uomo nero! Morì senza un soldo e nessuno conosce quest'uomo. Cioè, non hanno scritto un libro su di lui, che io sappia, e ho cercato in tutto il mondo".

Una volta ho letto un post su un blog davvero interessante intitolato "Come Michael diventa un teppista con la Sony Music oltre la Black Music e il razzismo." Era (incentrato) tutto su quella conferenza e ho imparato alcune cose che non sapevo prima, semplicemente perché i media avevano trattato in modo falsato quella conferenza. Avevano deliberatamente sminuito l'importanza e la gravità del problema e invece avevano cercato di costruirlo tutto su come Michael fosse sconvolto dalla Sony perché non aveva fatto bene il suo album; non era affatto su questo che era la conferenza, era sulla lotta per l'uguaglianza razziale che Michael prese molto sul serio.

Willa: Wow, è così un post interessante, Joie. Non ne sapevo molto, e credo che mostri dove era la sua mente. Ma credo che il miglior riflesso della sua mente era il suo lavoro, la lotta contro i pregiudizi razziali e le altre forme di pregiudizio che sono una questione di fondamentale importanza nel suo lavoro, anche se spesso gestita in modo ingegnoso. Se guardiamo all’elenco cronologico di tutti i video che hanno contribuito a produrre e sviluppare il concetto di combattere il pregiudizio razziale, è un enfasi ricorrente nel corso della sua carriera, da Can You Feel It, il primo della lista, a “You Rock My World”, l’ultimo della lista.



Joie: Hai ragione, Willa, combattere il pregiudizio razziale è stato un tema ricorrente nel suo lavoro e mostra chiaramente come era per lui una questione importante. E lo vediamo in canzone dopo canzone e in video dopo video.

Hai citato “Can You Feel It.” Sai, mi ricordo di quando è uscito quel video la prima volta e ho pensato che fosse la cosa più bella! I video erano ancora molto nuovi in quel momento e solo l’intera visuale con gli effetti speciali e tutto il resto, in quel periodo, era in qualche modo all’avanguardia. Ma la cosa sorprendente di questo video è che, davvero per la prima volta,
si arriva a vedere esattamente quale era il messaggio di Michael: LOVE. Il suo sogno era quello di unire le persone. Persone da tutte le provenienze, di tutte le età e soprattutto, di tutte le razze. Fin dall'inizio, l’amore era ovviamente tutto per lui, e l'amore non ha spazio per i pregiudizi razziali. E penso che sia in definitiva il messaggio alla base di questa particolare canzone e del video.



Willa: Sono d'accordo, Joie, si tratta di amore. Questo è evidente in entrambi i testi e le immagini: il video si conclude con tutti che uniscono le mani come per condividere una nuova visione del futuro. E questo era un video innovativo, sia in termini di effetti speciali che in alcune delle idee che introduce.

Ad esempio, attraverso le parole egli "ci dice due volte" che "siamo tutti uguali/Sì, il sangue dentro di me è dentro di te." Così come abbiamo parlato prima, sta dicendo che questo non è problema genetico - biologico, noi siamo tutti uguali. Invece, si tratta di percezione, come è sottolineato attraverso gli elementi visivi del video. Era molto interessato nel corso della sua carriera, al rapporto tra la percezione e la convinzione e, in questo caso, alle differenze genetiche così come il colore della pelle che non sono così importanti nel modo come noi percepiamo e interpretiamo queste differenze.

In sostanza, alcune differenze biologicamente banali come il colore della pelle, sono diventate dei significati culturali artificialmente importanti. Come tutti sappiamo, il comportamento di come noi popolo percepiamo e interpretiamo quei significati, diventò un problema enorme per lui un paio di anni dopo, quando scoprì di avere la vitiligine. È importante sottolineare che stava già pensando a queste idee prima che sviluppasse la vitiligine, e credo che influenzò fortemente la sua risposta appena la sua pelle aveva cominciato a perdere il suo pigmento. E credo fermamente che la sua risposta abbia rivoluzionato la maniera in cui i bianchi d’America, in particolare, percepiscono ed sperimentano quei significati.

Sai, Lorena ha scritto un commento la scorsa settimana circa il suo lavoro con gli imitatori di Michael Jackson, e sono così incuriosita dalla ricerca che sta facendo. Guardando le sue fotografie, sono affascinata dai quei significati che pensavano fossero importanti da riprodurre quando si descrive Michael Jackson, e quali no. Mentre li guardo, non sembrano cercare di replicare il suo aspetto, come fanno in genere gli imitatori delle celebrità. Invece, sembrano essere maggiormente centrati nel catturare il suo spirito, il suo stile, la sua personalità, il suo modo di essere nel mondo, e questo è così interessante per me.

Credo che quello che sto cercando di dire è che, per me, Michael Jackson era nero, ha pienamente abbracciato la sua eredità nera, si è battuto per uguali diritti su diversi fronti, e si è sempre identificato come nero, ma la sua razza non lo ha delimitato. Invece, si era definito in una misura che raramente è stata vista prima.

Joie: Questo è così vero, Willa. Mi piace il tuo modo di esporlo! La sua razza non lo ha delimitato e vorrei che tutti potessero arrivare in quel luogo dove la razza non delimita più nessuno di noi e credo che, con ogni nuova generazione, ci stiamo lentamente arrivando. Molto, molto lentamente.

Sai che mi fa pensare ad una battuta da uno dei miei film più preferiti di tutti i tempi "Indovina chi viene a cena", con Sidney Poitier, Spencer Tracy e Katherine Hepburn. Il personaggio di Sidney Poitier sta discutendo con suo padre circa il suo desiderio di sposare una donna bianca e gli dice: "Tu pensi a te stesso come un uomo di colore. Io penso a me stesso come un uomo". In pratica, sta dicendo che la vecchia generazione deve lasciare andare le loro idee antiquate sulla razza se mai riusciremo ad andare avanti. E' un momento molto forte del film che mi è sempre rimasto impresso. E penso che la tua affermazione "la sua razza non lo ha delimitato" sia altrettanto potente.

Quindi, la prossima settimana vedremo altri esempi del lavoro di Michael, dove affronta il tema della razza e di altri pregiudizi.


avatar
lorejacksina
INVINCIBLE
INVINCIBLE

Numero di messaggi : 2073
Età : 46
Data d'iscrizione : 28.09.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: L'uguaglianza raziale nell'arte di Michael Jackson

Messaggio Da King-Magic32 il Sab Feb 11, 2012 7:27 pm

Inserisci tutto nello stesso topic, chiudo

_________________


FAN DI MICHAEL JACKSON DA SEMPRE, NON DA QUANDO E' MORTO
IL BREVE MESTIERE DI VIVERE È IL SOLO MISTERO CHE C'È
ROSSONERO
avatar
King-Magic32
Moderatore Globale
Moderatore Globale

Numero di messaggi : 40153
Età : 26
Località : Genova
Data d'iscrizione : 19.02.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum